Il Piccolo Nicolas E I Suoi Genitori

MV5BNzhkMzJiYmItM2UyZS00MTBkLTg2YWQtYWQwZWIxYTVjZTgzXkEyXkFqcGdeQXVyNDE5MTU2MDE@._V1_

Le petit Nicolas – Francia/Belgio 2009 – di Laurent Tirard

Commedia/Familiare – 91′

Scritto da Dmitrij Palagi (fonte immagine: imdb.com)

La vita del piccolo Nicolas trascorre tranquillamente. Ha dei genitori che lo amano, una banda di amici simpatici con i quali si diverte un sacco, e non ha nessuna voglia che tutto questi cambi… Ma un giorno, Nicolas sente di sfuggita una conversazione tra i suoi genitori, convincendosi che presto cercheranno di liberarsi di lui, per fare spazio a un fratellino in arrivo. Occorre un piano per sventare il pericolo

Un teatro di posa da cui è impos​si​bi​le​ disto​glie​re​ l’atten​zio​ne,​ fin dalle prime sequen​ze,​ con le vignet​te​ dei tito​li​ di testa.

Una fiaba fuori dal tempo, comple​ta​men​te​ immer​sa​ in una nostal​gia​ che guarda​ al passato​ come ad una situa​zio​ne​ idillia​ca​ e perfet​ta​. Lo sguardo​ di un bambi​no,​ privo di qualsia​si​ chiaro​scu​ro​. La scelta​ di non ammic​ca​re​ alla realtà​ del presen​te​ (o degli adulti)​ e rinchiu​de​re​ tutto in una prospet​ti​va surrea​le,​ capa​ce​ di strappa​re​ risa​te​ e sorri​si,​ però rasse​gna​ta​ a non coinvolge​re​ mini​ma​men​te​ il pubbli​co​.

Un omaggio,​ privo di prete​se,​ a René Goscinny, auto​re​ della serie Le petit Nicolas e in Italia​ più cono​sciu​to​ come auto​re​ dei testi di Asterix. Proprio​ nella sua mancan​za​ di ambi​zio​ni​ cine​ma​to​gra​fi​che​ sta il punto di forza. Non tutti i film posso​no​ passa​re​ alla storia​ o produr​re​ proces​si​ egemo​ni​ci​ nella socie​tà​. Il Piccolo Nicolas mira a diver​ti​re​ per un’ora​ e mezzo, estranian​do​ e distraen​do​. Vinta​ge​ e nostal​gia,​ sere​ni​tà​ e malin​co​nia​.

Ci si perde (scene quasi inuti​li)​ quando​ non si guarda​ ai bambi​ni,​ mentre​ la narra​ti​va​ dei vari pollicini non sfigu​ra​ neanche​ se para​go​na​ta​ a Il favoloso mondo di Amélie, anche se qui, per rende​re​ il fiabe​sco,​ si sfrutta​ una visio​ne​ acriti​ca​ del passa​to,​ senza ricor​re​re​ a richia​mi​ imma​gi​ni​fi​ci​.

La guerra dei bottoni e Gian Burrasca diffi​cil​men​te​ torne​ran​no​ alla mente ai bambi​ni​ che sede​va​no​ in sala. L’uni​ca​ fortu​na​ è che non potran​no​ colle​ga​re​ quelle​ situa​zio​ni​ alle Winx. Forse in Italia​ si rischia​ il para​dos​so​ di un film per bambi​ni​ compren​si​bi​le​ solo da adulti,​ o quanto​me​no​ da adolescen​ti​.

Laurent Tirard riesce​ a non perder​si​ tra i nume​ro​si​ raccon​ti​ del Nicolas letterario, metten​do​ in scena una pelli​co​la​ omoge​nea,​ dallo svilup​po​ narrati​vo​ linea​re,​ incen​tra​ta​ su un otti​mo​ Maxime Godart, che convin​ce​ più della madre Valérie Lemercier, attri​ce​ apprez​za​ta​ e cono​sciu​ta​ Oltral​pe,​ e di Kad Merad, forte di una noto​rie​tà​ otte​nu​ta​ con Giù Al Nord. Tra le battu​te​ de les enfants e il volto di Merad non c’è sfida, vinco​no​ di gran lunga i primi. Il cast tiene comun​que​ un buon livel​lo,​ tanto da indur​re​ il vicino​ di poltron​ci​na​ ad azzar​da​re​ una somi​glian​za​ (inappro​pria​ta)​ tra il bidello​ e il compian​to​ Gian Maria Volon.

Tirard dimo​stra​ di appar​te​ne​re​ comple​ta​men​te​ alla scuola​ france​se,​ sia per l’affet​to​ con cui tratta​ il sogget​to​ di Goscinny, sia per le eviden​ti​ influen​ze​ di Tati e Truffaut.

Il 1945-1975 è una sorta di Eden laico, in balia dei bambi​ni​. I gangster​ vengono​ fatti fuori, ma è come se acca​des​se​ dietro ad uno schermo​. L’infan​ti​ci​dio non è un crimi​ne,​ è un’esi​gen​za​ per soprav​vi​ve​re​ all’in​ter​no​ della fami​glia, nata dal timo​re​ di venir abban​do​na​ti​ nel bosco dai geni​to​ri​.

La stati​ci​tà​ della sceno​gra​fia​ e delle luci danno un contri​bu​to​ fonda​men​ta​le​ all’a​lie​na​zio​ne​ del sogget​to​ proiet​ta​to​. Resti lì, quasi fosse un docu​men​ta​rio su un mondo comple​ta​men​te​ diver​so​ dal nostro​. Osser​vi,​ ridi e ti alzi rimpian​gen​do​ i tempi che cambia​no,​ anche se quei tempi a cui fai rife​ri​mento​ non li hai mai vissu​ti,​ o non sono mai esisti​ti​.

Fini​sce​ che speri di poter​ti​ mette​re​ in coda per bere la pozio​ne​ magi​ca​ di Asterix, anche se questo​ non fosse altro che affron​ta​re​ un miscu​glio​ di liquidi​ tossi​ci​.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: