Coffee and Cigarettes

MV5BYzQxNzMzZTEtNjc1YS00NzExLWI0ZGItMWMxZTQzNDI1MjQ3XkEyXkFqcGdeQXVyMTQxNzMzNDI@._V1_

Coffee and Cigarettes – Stati Uniti/Giappone/Italia 2003 – di Jim Jarmusch

Commedia/Drammatico/Musicale – 95′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Undici brevi incontri si consumano intorno al tavolino di un bar, tra chiacchiere surreali, silenzi imbarazzati e schermaglie condite da una dose extra di nicotina e caffeina.

Il proget​to​ di un film a base di caffè e siga​ret​te​ era nel casset​to​ di Jim Jarmusch già da molti anni: nel 1986, su sceneg​gia​tu​ra​ (ma sareb​be​ più corretto​ dire ‘cano​vac​cio’)​ di Roberto Benigni – futu​ro​ inter​pre​te​ di Daunbailò – vede​va​ la luce il primo “volu​me”​ di Coffee and Cigarettes (seguito​ nell’89​ e nel ’93 dal secon​do​ e dal terzo), trilo​gia​ di corti conflui​ti​ (insieme​ ad altri otto) nel lungo​me​trag​gio​ omoni​mo​ data​to​ 2003.  

In Strange To Meet You – questo​ il tito​lo​ del segmen​to​ da sei minu​ti​ che apre il film – Beni​gni​ e Steven Wright si incon​tra​va​no​ in uno squalli​do​ caffè per inta​vo​la​re​ una conver​sa​zio​ne​ senza né capo né coda, conclu​sa​ con lo scambio​ di un appun​ta​men​to​ dal denti​sta:​ gli elemen​ti​ chiave​ della nona pelli​co​la​ di Jarmu​sch​ erano già stati defi​ni​ti​ con dicias​set​te​ anni d’anti​ci​po​.

Il tema del doppio,​ in primis, è la cifra nume​ri​ca​ su cui si arti​co​la​no​ i rapporti​ tra perso​nag​gi,​ rara​men​te​ da soli (Renée French)​ o in terzet​to​ (con l’entra​ta​ in scena di un perso​nag​gio​ di spalle​ e non visi​bi​le​ – la fan di Steve Coogan,​ il came​rie​re​ di Cate Blanchett,​ o di un “volto noto” – Steve Buscemi e Bill Murray), meglio​ anco​ra​ se lega​ti​ da rappor​ti​ di paren​te​la​ veri o presun​ti:​ è il caso dei gemel​li​ (“good” e “evil”) Joie e Cinqué​ Lee nel segmen​to​ Twins, degli allo​ra​ coniu​gi​ White (che si spaccia​no​ per fratel​li)​ in Jack Shows Meg His Tesla Coil, della Blanchett​ “sdoppia​ta”​ e di Steve Coogan e Alfred Molina.

In questi​ ulti​mi​ due segmen​ti,​ collo​ca​ti​ al centro​ della pelli​co​la​ e non a caso specu​la​ri​ nel tito​lo​ (Cousins e Cousins?) e nel conte​nu​to​ (due cugi​ne​ e due, forse, cugi​ni),​ che trova modo di esprimer​si​ una delle rifles​sio​ni​ su cui Jarmu​sch​ si soffer​ma​ con maggio​re​ effi​ca​cia:​ quella​ sullo star system,​ incarna​ta​ tanto dalla sovrab​bon​dan​za​ di camei e di atto​ri/can​tan​ti​ nel ruolo di se stessi​ (Iggy Pop, Tom Waits e i White Stripes)​ che dal para​dos​sa​le​ rovescia​men​to​ di tale ruolo.

Se Cate Blanchett offre una prova schizo​fre​ni​ca​ e strepi​to​sa​ del proprio​ talen​to​ inter​pre​tan​do​ tanto la diva impe​gna​ta​ e dalla faccia​ta​ acco​mo​dan​te​ quanto​ la cugi​na​ proble​ma​ti​ca​ e ribel​le​ che ne smasche​ra​ le pose, è nel pietoso​ incon​tro​ tra Coogan​ e Moli​na​ che la freccia​ta​ sarca​sti​ca​ di Jarmu​sch​ al mito contem​po​ra​neo​ della cele​bri​tà​ spocchio​sa​ e insoffe​ren​te​ coglie​ maggiormen​te​ nel segno.

Inizia​to​ come una serie di barzel​let​te​ che non fanno ride​re​ (tutt’al​ più sorride​re),​ raccon​ta​te​ nella corni​ce​ di bar da quattro​ soldi e accom​pa​gna​te​ (tranne​ che in due casi) da litri di caffè annac​qua​to​ e fumo di siga​ret​ta​ (uniche porta​te​ di un pasto tutt’al​tro​ che sano, come non si stanca​no​ di ripe​te​re i perso​nag​gi​ più salu​ti​sti,​ tra cui i rapper​ RZA prota​go​ni​sti​ dell’as​sur​do​ segmen​to​ Delirium), Coffee and Cigarettes acqui​sta​ via via maggio​re​ con-​ sape​vo​lez​za​ e corpo​si​tà​ rifles​si​va,​ creando​ fra gli episo​di​ inter​con​nes​sio​ni​ tema​ti​che​ e stili​sti​che​ sempre​ più frequen​ti​.

Jarmu​sch​ torna al bianco​ e nero degli esordi​ (Stranger Than Paradise, Daunbai), più conge​nia​le​ a traccia​re​ le strasci​ca​te​ traiet​to​rie​ esisten​zia​li (ed esisten​zia​li​ste)​ dei suoi perso​nag​gi,​ e nello spazio​ limi​ta​to​ del caffè piega movi​men​ti​ di macchi​na​ e inter​ven​ti​ di montag​gio​ (suoi quelli​ del segmen​to​ Somewhere in California) alla funzio​na​li​tà​ dialet​ti​ca​ della scena, senza mai rinun​cia​re​ al plongée​ della tavo​la​ta​ (rigo​ro​sa​men​te​ a scacchi),​vera e propria​ firma d’auto​re​. Ed è anche, e soprat​tut​to,​ nella compe​ne​tra​zione​ tra imma​gi​ni​ e musi​ca​ (la soundtrack,​ a diffe​ren​za​ del juke​box​ cali​fornia​no,​ contie​ne​ brani di Tom Waits e Iggy Pop) che Jarmu​sch​ trova modo di esprime​re​ il proprio​ stile, para​dig​ma​ti​co​ di quel cine​ma​ indie statuni​ten​se​ aller​gi​co​ ad ogni gene​re​ di commer​cia​li​tà​ (da cui gli strava​gan​ti​ tito​li​ di testa) che trova nel regi​sta​ newyor​che​se​ (d’ado​zio​ne)​ il suo porta​voce​.

I sogni velo​ciz​za​ti​ di Wright (poi speri​men​ta​ti​ da GZA), gli aneddo​ti​ surreali​ di Steve Busce​mi,​ came​rie​re​ “per contrap​pas​so”​ (a cui proba​bil​men​te​ non verrà data alcu​na​ mancia)​ e le scherma​glie​ di Renée French con un barman​ insi​sten​te,​ lascia​no​ il posto a conver​sa​zio​ni​ rare​fat​te,​ signi​fi​ca​te​ soltan​to​ dall’e​spe​rien​za​ dei due inter​lo​cu​to​ri​ (se non specchio​ della loro incomu​ni​ca​bi​li​tà)​ e a mala​pe​na​ compren​si​bi​li​ per lo spetta​to​re,​ testi​mo​ne​ passi​vo​ rele​ga​to​ ai margi​ni​ delle vite degli altri. Il mondo, frammen​ta​to​ e scompo​sto​ in atti​mi​ ruba​ti,​ decon​te​stua​liz​za​ti​ e sospe​si​ in uno spazio​-tempo impre​ci​sa​to,​ si trasfor​ma​ nella “cassa di riso​nan​za”​ di un’uma​ni​tà​ che non sembra​ avere coscien​za​ della propria​ dire​zio​ne,​ né fretta​ di seguir​la​.

La para​bo​la​ ironi​ca​ di una socie​tà​ under​ground,​ schiava​ del consu​mo​ e della dipen​den​za,​ scivo​la​ nella malin​co​ni​ca​ revi​ve​scen​za​ dei fasti di un passa​to​ scompar​so​ (rappre​sen​ta​to​ dalla Pari​gi​ anni ’20 e dalla New York dei Seven​ties)​ e nella cele​bra​zio​ne​ nostal​gi​ca​ della gioia di vive​re​ e della vita stessa​ nel momen​to​ in cui se ne va, trovan​do​ la propria,​ legit​ti​ma​ conclusio​ne​ in un ulti​mo​ dialo​go​ di commia​to,​ dove il terri​bi​le​ caffè servi​to​ in tristi​ bicchie​ri​ di carta diven​ta​ champa​gne​ e con esso anche il gusto dell’e​sisten​za​ si fa più dolce e soppor​ta​bi​le​.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: