L’attacco dei giganti – Il film- Parte 1: L’arco e la freccia cremisi

MV5BYWE5MDY5NzQtNDE2Ny00ZmVjLWE3ZDktYWNjZTgxZjI0MWRlXkEyXkFqcGdeQXVyNTczMTU0MTQ@._V1_

Gekijouban Shingeki no kyojin Zenpen: Guren no yumiya – Giappone 2014 – di Tetsurô Araki

Animazione/Azione/Avventura – 119′

Scritto da Ivana Mette (fonte immagine: imdb.com)

Shiganshina. Per oltre cento anni, le alte mura che la circondano hanno difeso la cittadina da un pericolo che gli abitanti si rifiutano persino di nominare. Chi desidera esplorare il mondo esterno è visto come un pazzo e guardato con disprezzo. Il giovane Eren si sente però come un animale in cattivi e, sebbene avvenga spesso che le squadre inviate ritornino decimate, sogna di unirsi al Corpo di Ricerca per scoprire la realtà che lo circonda. Un giorno Eren sogna l’attacco di esseri giganteschi e, anche se al risveglio ha rimosso ogni ricordo di quanto ha visto, gli resta addosso una stranissima sensazione. Poco più tardi accade l’imprevisto: un immenso Titano apre una breccia nelle mura di protezione. Per Eren sarà uno shock senza precedenti.

Il film, tratto​ dalla popo​la​re​ e amata serie omoni​ma,​ riassu​me​ le vicen​de​ della stessa,​ presen​tan​do​si​ come un quali​ta​ti​va​men​te​ eccel​len​te​. Non solo le grafi​che​ sono degne di nota, con una realiz​za​zio​ne​ stili​sti​ca​ di perso​nag​gi ed ambien​ti​ che senz’al​tro​ contri​buisco​no​ a dare un sapo​re​ più intri​gan​te e gusto​so​ alla storia​. Di parti​co​la​re​ rilie​vo​ da nota​re​ è la pecu​lia​re​ atten​zione​ riser​va​ta​ al dise​gno​ degli occhi, soprat​tut​to​ quelli​ del prota​go​ni​sta,​ sempre​ ripro​dot​ti​ con tratti​ molto forti, scuri e detta​glia​ti,​ nei quali si ri-​fletto​no​ gli eventi​ che gli si para​no​ davan​ti,​ fungen​do​ in questo​ modo da cata​liz​za​to​ri​ e osser​va​to​ri​ degli eventi​. Osser​va​to​ri​ atti​vi,​ tutta​via,​ nei quali si può vede​re​ la luce dell’ardo​re​ del prota​go​ni​sta​ e dei perso​nag​gi​ in toto, e che ne deli​nea​no​ il profi​lo​ più delle paro​le​ e degli atti in se. Il film è la prova che l’ani​ma​zio​ne​ giappo​ne​se​ sta facen​do​ passi da gigan​te,​ appun​to,​ nella realiz​za​zio​ne​ di prodot​ti,​ serie o film, che si presen​ta​no,​ come la pelli​cola​ in questio​ne,​ con un’ani​ma​ nuova, e dai quali si può evince​re,​ non sol-​ tanto​ la bravu​ra​ arti​sti​ca​ nella creazio​ne​ delle singo​le​ tavo​le,​ ma anche un desi​de​rio​ di mette​re​ in luce la realtà​ attua​le​ in una chiave​ diver​sa​. Masche​rata​ talvol​ta​ da una storia​ di fanta​sia,​ si rive​la​ eviden​te​ un richia​mo​ alla condi​zio​ne​ del Giappo​ne​ attua​le,​ che come l’uma​ni​tà,​ si ritro​va​ isola​ta​ e spacca​ta​ fra colo​ro​ che abbrac​cia​no​ tale condi​zio​ne​ e inve​ce​ colo​ro​ che vogliono​ rompe​re​ le barrie​re​ e anda​re​ “oltre le mura”.​ Un messag​gio​ impor​tante​ che si trova ad emerge​re​ con prepo​ten​za​ e, allo stesso​ tempo, elegan​za duran​te​ tutto l’arco​ narra​ti​vo​. Anche se talvol​ta​ di elegan​za​ è diffi​ci​le​ parla​re​ di fron​te​ a scene molto sangui​no​len​te,​ ma che non distur​ba​no,​ anzi aumen​ta​no​ il pathos,​ il cui livel​lo​ tende sempre​ a cresce​re​ esponen​zial​mente​ duran​te​ tutto il film. Un film che tiene gli occhi dello spetta​to​re​ incolla​ti​ allo schermo,​ anche di colo​ro​ che non sono neces​sa​ria​men​te​ amanti​ degli anime. Diffi​ci​le​ non mette​re​ in risal​to​ la maestria​ e il valo​re​ di questo​ prodot​to,​ dando​ci​ le rispo​ste​ alle doman​de​ riguar​dan​ti​ l’estre​mo​ succes​so​ della serie e l’incre​di​bi​le​ fandom​ che si è venu​to​ a gene​ra​re​ in tutto il mondo in pochis​si​mo​ tempo, facen​do​ schizza​re​ i guada​gni​ delle fabbri​che​ di action​ figu​res​ e cosplay​ alle stelle​. Uniche​ pecche​ sono la delu​sio​ne​ circa la deci​sio​ne​ di fare del film un sempli​ce​ recap della serie anima​ta,​ quasi a voler dare il conten​ti​no​ ai fan e tener​li​ buoni in atte​sa​ della secon​da​ stagio​ne previ​sta​ per il 2016; ed inoltre,​ il doppiag​gio​. Per quanto,​ si sa, gli italia​-​ni siano maestri​ in mate​ria​ ed quindi​ eccel​len​ti​ doppia​to​ri,​ un film del genere,​ ed in gene​ra​le​ l’ani​ma​zio​ne​ giappo​ne​se,​ andreb​be​ segui​ta​ in lingua​ origi​na​le​ con eventua​li​ sotto​ti​to​li​ per poter​la​ apprez​za​re​ vera​men​te​. In parti​co​la​re,​ per poter vera​men​te​ dare il giusto​ valo​re​ allo spiri​to​ del prodotto​ e dei perso​nag​gi​ che ne porta​no​ avanti​ la storia​. Nel caso di Attac​co​ dei Tita​ni,​ viene perso molto della tensio​ne​ emoti​va​ e della liri​smo​ di alcu​ne scene, che seppur​ riman​go​no​ d’impat​to,​ non riesco​no​ ad esse​re​ suppor​tati​ a dove​re​ dalle voci dei prota​go​ni​sti,​ il cui impe​to​ pare talvol​ta​ forza​to​ e risul​ti​ quasi fasti​dio​so​. Eccet​to​ queste​ due note nega​ti​ve,​ esse non intac​ca​no il risul​ta​to​ fina​le​ del film, il quale, in conclu​sio​ne,​ è un otti​mo​ prodot​to,​ capa​ce​ di avvi​ci​na​re​ a se molte gene​ra​zio​ni​ in tutte le parti del mondo.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: