Dopo Il Matrimonio

 

dopo il matrimonioAfter the wedding – Stati Uniti 2019 – di Bart Freundlich

Drammatico – 112´

Scritto da Gabriella Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Theresa è una donna che può contare su una brillante carriera lavorativa, un amorevole marito e una figlia che sta per sposarsi. Ma l’invito al matrimonio di Isabel, arrivata a New York per cercare fondi per il suo orfanotrofio in India, farà emergere alcuni segreti che cambieranno per sempre le loro vite.

Lo ammetto, non sono andata preparata a questa anteprima. Mi ero ripromessa che avrei guardato Dopo il Matrimonio di Freundlich soltanto dopo aver visto Dopo il Matrimonio della Bier, ma non ci sono riuscita.

No, non è uno scioglilingua: l’ultima pellicola di Bart Freundlich (Wolves-Il campione, The Rebound-Ricomincio dall’amore, I segreti del cuore) altro non è che il rifacimento statunitense della pellicola di Susanne Bier del 2006, e il titolo è ovviamente lo stesso.

Susanne Bier e lo scrittore/sceneggiatore Anders Thomas Jensen diedero vita nel 2006 a una pellicola, candidata agli Oscar come Miglior film Straniero, che fece molto parlare e che vedeva protagonisti due uomini, uno ricco e abitante in Danimarca, l’altro più umile e votato alla sopravvivenza di un orfanotrofio in India. Tra i due uomini sembra non ci sia niente che possa unirli, ma quando il secondo si trova catapultato alla festa di matrimonio della figlia del primo dei legami segreti vengono alla luce.

Le stesse identiche parole le potrei usare per descrivere la pellicola di Freundlich, solo che al posto di due uomini, ci sono due donne.

La trasposizione dalla pellicola danese a quella americana è fedelissima e posso affermarlo anche senza aver visto la prima versione del film, ma solo per aver letto la trama di questo su numerosi blog e siti di recensioni.

I personaggi sono quelli, gli ambienti pure e la sequenza delle vicende è la stessa. Sono però abbastanza certa che i sentimenti e le emozioni che sono arrivati al pubblico del 2006 seduto in sala a vedere la pellicola della Bier, non siano gli stessi che mi hanno potuto trasmettere Julianne Moore e Michelle Williams, due talentuose e forti attrici. Forti si, perché per i loro ruoli era imperativo trovare delle attrici stabili e un po’ mascoline se vogliamo. Mentre la Moore interpreta la donna americana in carriera che si è fatta da sola e ha raggiunto il successo senza però sacrificare la famiglia, la Williams interpreta la donna che si è fatta forte dopo un periodo di negatività e fragilità e che vede nell’orfanotrofio e nel bambini che lo abitano un luogo dove poter dare un senso alla sua vita e voltare pagina al passato.

Mentirei se dicessi di aver apprezzato il lavoro di Freundlich, questo “scopiazzamento” non mi fa impazzire, però non posso ignorare la bravura delle due attrici protagoniste.

La Moore, pur giocando in casa in quanto moglie del regista e quindi agevolata dal fatto di trovare la pappa pronta tutte le sere, è in grado di tirare fuori quella capacità attoriale che le è ovviamente valso l’Oscar per Still Alice. L’attrice veste perfettamente il ruolo della donna di successo, Theresa, dietro al quale però si nasconde una madre amorevole e premurosa.

Michelle Williams, la quattro volte candidata agli Oscar, invece rende benissimo il ruolo della donna confusa e fragile, Isabel, che è fuggita dal mondo della Moore che le stava stretto ed è riuscita a emergere in una realtà completamente diversa dove ha saputo rendersi utile e ha ottenuto enormi soddisfazioni.

Posso concludere affermando che in una cornice un po’ banale e indubbiamente già vista salvano il film solo le due protagoniste.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: