I quattro dell’Apocalisse

Scritto da Dmitrij Palagi (fonte immagine: imdb.com)

Un baro profes​sio​ni​sta​ (Stubby),​ una prosti​tu​ta​ incin​ta​ (Bunny), un alco​lista​ (Clem) e un ragaz​zo​ di colo​re​ che sostie​ne​ di parla​re​ con i morti (Burt) si ritro​va​no​ a vaga​re​ senza meta per fuggi​re​ da una città dove la citta​di​nan​za​ è appe​na​ stata massa​cra​ta​ da un miste​rio​so​ gruppo​ di incappuc​cia​ti​. Per la strada​ incon​tre​ran​no​ un quinto​ compa​gno​ di viaggio,​ Chaco il messi​ca​no​. Quest’ul​ti​mo,​ in fuga dalla giusti​zia​ e privo di ogni limite​ mora​le,​ si presta​ ad ogni tipo di violen​za,​ abban​do​nan​do​ i quattro​ in mezzo al deser​to​. Inizia​ così un percor​so​ senza speran​ze,​ mira​to​ alla vendetta​ e costel​la​to​ di un univer​so​ impro​ba​bi​le​ e per certi aspetti​ inedi​to,​ ispira​to​ dai classi​ci​ dello spaghettiwestern ma modi​fi​ca​to​ in diver​si​ suoi aspetti​.

“La legge è una risata, la morte un modo di vivere”

Lucio Fulci torna allospaghet​ti ​western​ e dimo​stra ​che si può esse​re​ ancor più violen​ti​ di Le colt canta​ro​no​ la morte e fu… tempo di massa​cro​ (1966). Vieta​to​ ai mino​ri​di 18 anni I quattro​ dell’A​po​ca​lis​se è un road movie che venne taglia​to​ per abbas​sa​re​ il livel​lo​ di censu​ra​ ai 14 anni. Fin dall’i​ni​zio​ la bruta​li​tà​ degli eventi​ si mostra​ prota​go​ni​sta,​ con un miste​rio​so​ gruppo​ di incap​puc​cia​ti​ che stermi​na​ il paese dove i quattro​ prota​go​ni​sti​ sono incar​ce​ra​ti​. Non ci sono parti​co​la​ri​ moti​vi,​ sfide perso​na​li, roman​ti​ci​ eroismi,​ soli​ta​rie​ crocia​te​. La violen​za​ è fine alla provo​ca​zio​ne,​ l’egoi​smo​ impe​ra​. L’ecce​zio​ne​ è nel sotto​pro​le​ta​ria​to,​ fatto da bari, prosti​tute,​ mina​tori​ celi​bi,​ ubriaco​ni​ e matti. La speran​za​ è nel conglo​me​ra​to​ primordia​le​. Fuori dall’e​ti​ca​ borghe​se,​ sotto colo​ri​ e suoni psiche​de​li​ci,​ l’indi​vidua​li​smo​ si presta​ a inter​pre​ta​zio​ni​ di vario stampo​. Thomas​ Milian​ dichia​rò​ di esser​si​ ispira​to,​ per meglio​ inter​pre​ta​re​ l’oscu​ri​tà​ di Chaco, a Charles​ Manson​ (la scena dello stupro​ di una donna incin​ta​ richia​ma​ a un crimi​ne​ effet​ti​va​men​te​ perpe​tua​to​ dal capo dei “Figli di Sata​na​”).

Perfi​no​ il catti​vo​ indos​sa​ colo​ri​ degni della miglio​re​ Woodstock​ e all’i​ni​zio​ le musi​che​ psiche​de​li​che​ della Cook and Ben​ja​min​ Franklin​ Group (Vince Tempe​ra​, Massi​mo​ De Luca, Miche​le​ Seffer​, Franco​ Di Lelio, Tony Esposi​to​) posso​no​ sembra​re​ fuori dal conte​sto,​andan​do​ poi a inca​strar​si​ in un insieme​ che si dimo​stra​ origi​na​le​ e quanto​ meno inatte​so​.

Ogni tanto scappa​ qualche​ sorri​so,​ come nella sequen​za​ in cui Chaco spara come un bambi​no​ di due anni verso l’aria,​ centran​do​ ad ogni colpo la preda vola​ti​le​. Eppu​re​ il film funzio​na,​ soprat​tut​to​ nella secon​da​ parte, perché​ fuori dai cano​ni​ classi​ci​ e alla ricer​ca​ dell’es​se​re​ umano più anima​le,​ capa​-​ ce di adattar​si​ anche alla prati​ca​ del canni​ba​li​smo​.

Al di là delle riva​lu​ta​zio​ni​ di Taran​ti​no​ e Rodri​guez​ (più o meno discu​tibi​li),​ il film è stato scelto​ per la retro​spet​ti​va​ sugli spaghet​ti​ western​ alla Mostra​ Inter​na​zio​na​le​ d’Arte​ Cine​ma​to​gra​fi​ca​ di Vene​zia​ (2002) e dimo​stra​ la propria​ vali​di​tà​ sul fronte​ della sceneg​gia​tu​ra,​ grazie​ al lavo​ro​ di Ennio De Conci​ni​, ispira​to​ dai raccon​ti​ di Francis​ Brett Harte (“The luck of roaring​ camp”).

Non ci si prende​ troppo​ sul serio e non si esage​ra​ nel sacri​fi​ca​re​ la trama alla violen​za​ d’impat​to,​ lascian​do​ spazio​ anche a una reci​ta​zio​ne​ di cui si fa fati​ca​ a lamen​tar​si,​ salvo alcu​ne​ uscite​ della dolce Lynne Frede​rick​.

Un viaggio​ più lungo di quanto​ può sembra​re,​ una sorta di fuga priva di speran​za​ dal proprio​ desti​no​. Quasi commo​ven​te​ e nostal​gi​co​ il villag​gio​ inne​va​to​ dei mina​to​ri,​ privo di speran​za​ il deser​to​ e infer​na​le​ l’ambien​te​ citta​di​no​ (cui fanno da contro​ alta​re​ le citta​di​ne​ fanta​sma)​. Su questi​ tre li-​ velli​ si svilup​pa​ una storia​ atipi​ca​ che riesce​ a dimo​stra​re​ le capa​ci​tà​ da re-​ gista​ di Fulci (da sotto​li​nea​re​ la sequen​za​ del parto).

Dedi​ca​to​ a chi ama il sotto​bo​sco​ della socie​tà,​ è uno dei pochi western

(on the road) dove non ci si sfida mai a duello,​ dove non c’è mai nessu​na​ rego​la​ etica oltre alla soprav​vi​ven​za​ e alla vendet​ta​.

In questo​ deli​rio​ di realtà​ il ritmo è caden​za​to​ e lento, puntel​la​to​ da con-​

densa​ti​ di violen​za​. La corni​ce​ è quella​ del classi​co​ western​ italia​no​ ma le rego​le​ vengo​no​ quasi tutte rivo​lu​zio​na​te​ in stile tipi​ca​men​te​ proprio​ a Fulci, renden​do​ I quattro​ dell’A​po​ca​lis​se​ l’occa​sio​ne​per compren​der​ne le reali capa​ci​tà​ al di fuori del noto filo​ne​ horror​splatter​.

Incur​sio​ne​ tardi​va​ nel gene​re​ che con un cast più feli​ce​ e qualche​ sequen​za​ evita​bi​le​ sareb​be​ potu​to​ diven​ta​re​ capo​scuo​la​.

Voto: 6

Pagine: 1 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: