The Homesman

MV5BMTQ4NTkxOTEyMl5BMl5BanBnXkFtZTgwOTI1NzcwMzE@._V1_SY1000_CR0,0,675,1000_AL_

The Homesman – Stati Uniti/Francia 2014 – di Tommy Lee Jones

Drammatico/Western – 122′

Scritto da Francesco Ruzzier (fonte immagine: imdb.com)

Nel 1854, tre donne malate di mente vengono affidate a Maria Bee Cuddy, una pioniera forte e indipendente originaria del Nebraska. Nel loro viaggio verso l’Iowa, dove sperano di trovare rifugio, incrociano la strada di George Briggs, rude vagabondo al quale salvano la vita. Decidono così di unire le loro forze per affrontare insieme i pericoliche li attendono nelle vaste distese della Frontiera.

La secon​da​ fati​ca​ da regi​sta​ di Tommy Lee Jones contie​ne,​ come Le tre sepolture, tutti gli elemen​ti​ carat​te​ri​sti​ci​ del cinema western, come la frontie​ra,​ i caval​li,​ le pisto​le,​ e perfi​no​ gli india​ni,​ ma, in questo​ caso, come ha dichia​ra​to​ lo stesso​ attore/regista, non si tratta​ di un tipi​co​ film western.

The Homesman raccon​ta​ la storia​ di una donna del Nebraska che si prende​ la respon​sa​bi​li​tà​ di porta​re​ verso est tre donne, impaz​zi​te​ dopo la morte dei propri​ figli, nel tenta​ti​vo​ di farle arri​va​re​ in una realtà​ dalla menta​li​tà​ più aperta​ con la speran​za​ di trovare perso​ne​ pronte​ a prender​si​ cura di loro. Il punto di parten​za​ è rappre​sen​ta​to​ quindi​ da un mondo cultu​ral​mente​ arre​tra​to​ e oltre​mo​do​ maschi​li​sta,​ in cui le donne non vengo​no​ conside​ra​te​ nulla di più che ogget​ti​ utili a soddi​sfa​re​ i biso​gni​ degli uomi​ni​. Non a caso Mary Bee Cuddy, inter​pre​ta​ta​ da una Hilary Swank che rievoca​ alla mente la sua inter​pre​ta​zio​ne​ in Million Dollar Baby di Clint Eastwood, è una zitel​la​ di 31 anni dal carat​te​re​ forte e deter​mi​na​to,​ che deci​de​ di voler far di tutto pur di garan​ti​re​ alle tre donne di cui si prende​ cari​co​ la possi​bi​li​tà​ di un’esi​sten​za​ feli​ce​ che lei stessa​ ha sempre​ ricer​ca​to,​ ma mai otte​nu​to​. A fare da accom​pa​gna​to​re​ alla caro​va​na​ tutta al femmi​ni​le c’è George Briggs (Tommy Lee Jones), un fuori​leg​ge​ a cui la prota​go​nista​ salva la vita, che accet​ta​ l’inca​ri​co​ sola​men​te​ per i 300 dolla​ri​ offer​ti​gli come ricom​pen​sa​. In questa​ sorta di pellegri​nag​gio​ verso la feli​ci​tà​ promessa,​ Biggs avrà modo per la prima volta nella vita di render​si​ conto di quanto​ sia arre​tra​to​ il modo di pensa​re​ del mondo in cui vive, di quanto​ le donne viva​no​ in condi​zio​ni​ disu​ma​ne​ e quindi​ di quanto​ sia impor​tan​te​ portare​ a compi​men​to​ la missio​ne​. The Home​sman​ può esse​re​ quindi​ letto come un percor​so​ di cresci​ta​ perso​na​le​ in cui il perso​nag​gio​ di Tommy Lee Jones scopre​ progressi​va​men​te​ l’impor​tan​za​ di valo​ri​ di cui per ignoran​za​ non era a cono​scen​za​ e che mute​ran​no​ profon​da​men​te​ il suo modo di approcciar​si​ alla vita.

La regia del film ricor​da​ molto le atmo​sfe​re​ ricrea​te​ dai fratel​li​ Coen nel loro rema​ke​ de Il Grinta e, per l’effi​ca​cia​ con cui colpi​sce​ in manie​ra​ diretta​ lo spetta​to​re​ fa veni​re​ in mente il Clint Eastwood di Million Dollar Baby e di Gran Torino. Con questa​ secon​da​ regia deci​de​ inoltre​ ad azze​ra​re​ l’epi​ca​ tipi​ca​ del gene​re,​ favo​ren​do​ la messa in scena di situa​zio​ni​ più ordi​na​rie,​ ma anche più since​re​.

Come ne Le tre sepol​tu​re,​ anche in The Home​sman​ il regi​sta​ sembra​ voler inse​ri​re​ i propri​ perso​nag​gi​ in un conte​sto​ dove il concet​to​ di giusti​zia​ non è intrin​se​co​ nella società​ e li mette nelle condi​zio​ni​ di trovar​si​ costret​ti​ a farsi giusti​zia​ da soli. In entram​bi​ i film l’ambien​te​ di parten​za​ è un luogo moral​men​te​ ingiu​sto​ e solo con il contri​bu​to​ di perso​nag​gi​ porta​to​ri​ di valori​ da imita​re​ può rinno​var​si​ la speran​za​ nello spetta​to​re​. L’uni​co​ rimpianto​ è che Tommy Lee Jones non abbia inizia​to​ prima a dedi​car​si ​alla regia.

Voto: 9

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: