Hanna

MV5BMjljNzE0OTItM2Q1MS00MTUyLTg4YjgtMzUzZDRkMzkyN2NiXkEyXkFqcGdeQXVyODU2MDg1NzU@._V1_

Hanna – Stati Uniti/Regno Unito/Germania 2011 – di Joe Wright

Azione/Drammatico/Thriller – 111′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Allevata in cattivi dal padre e addestrata per diventare una perfetta macchina da guerra, la sedicenne Hanna si dichiara pronta ad uscire nel mondo e fronteggiare l’agente dell’Intelligence Melissa Wiegler, da lungo tempo sulle sue tracce. Lo scontro con la realtà esterna si rivele più intenso del previsto, spingendo Hanna oltre le sue capaci e rivelandole sconvolgenti segreti.

Dopo aver tenu​to​ testa con succes​so​ a due mostri​ sacri della lette​ra​tu​ra​ britanni​ca​ come Jane Austen​ (Orgoglio e Pregiudizio) e Ian McEwan (Espiazione), il londi​ne​se​ Joe Wright si cimen​ta​ per la prima volta con una sceneg​gia​tu​ra​ origi​na​le,​ firma​ta​ dai semi​-esordien​ti​ David Farr e Seth Lochhead (auto​re​ della story), un thril​ler​ cosmo​po​li​ta​ e ul-​ tra-moder​no​ che, però, come un roman​zo​ otto​cen​te​sco,​ porta il nome della sua prota​go​ni​sta:​ Hanna.

La diciot​ten​ne​ irlan​de​se​ Saoirse Ronan – che con Wright aveva già lavo​rato​ sul set di Espiazione, vesten​do​ i diffi​ci​li​ panni della giova​nis​si​ma​ sabota​tri​ce​ Briony​ – è la scelta​ perfet​ta​ per incar​nar​la:​ un cheru​bi​no​ dagli occhi di ghiaccio,​ asessua​to​ e pre-babe​li​co​ (se la cava egregia​men​te​ perfi​no​ con l’ara​bo),​ dota​to​ di forza sovru​ma​na​ ma sprovvi​sto​ di quelle​ doti che rendo​no​ un esse​re​ umano.

Amici​zia,​ amore, compas​sio​ne,​ sono senti​men​ti​ che non posso​no​ trova​re​ spazio​ nella vita di chi ha per mantra​ perso​na​le​ “adatta​ti​ o muori”, eppu​re​ il viaggio​ di Hanna al di fuori della casa “pater​na”​ ha lo scopo non di preparar​la​ a ciò che la atten​de​ (lo scontro​ fata​le​ con l’ata​vi​ca​ anta​go​ni​sta​ Marissa​ Wiegler​ – una Cate Blanchett algi​da​ e spieta​ta)​ quanto​ piutto​sto​ a tutto ciò che non avrebbe​ potu​to​ preve​de​re:​ la scoper​ta,​ scioccan​te​ e imprevi​sta,​ della propria​ umani​tà,​ nel momen​to​ stesso​ in cui la scienza​ vorrebbe​ riba​di​re​ il contra​rio​.

Prima anco​ra​ di affron​ta​re​ la deli​ca​ta​ questio​ne​ etica delle muta​zio​ni​ gene​tiche​ e degli esperi​men​ti​ embrio​na​li​ condot​ti​ a tavo​li​no​ in labo​ra​to​rio​ (e super​vi​sio​na​ti​ dall’In​tel​li​gen​ce​ ameri​ca​na),​ la pelli​co​la​ di Wright si trova a fare i conti con le proble​ma​ti​che​ univer​sa​li​ dell’es​se​re​ adole​scen​ti​ – speri​menta​re​ sensa​zio​ni​ nuove e scono​sciu​te,​ cresce​re​ in un corpo che si perce​pisce​ come “anorma​le”​ – vissu​te​ sulla pelle di un perso​nag​gio​ che rompe il proprio​ isola​men​to​ per affac​ciar​si​ su un mondo che non è affat​to​ quello​ delle fiabe raccon​ta​te​ dai Grimm.

Quella​ di Hanna è una figu​ra​ sospe​sa,​ schiaccia​ta​ tra una vita adulta​ cono​sciuta​ troppo​ presto​ e troppo​ in fretta​ – attra​ver​so​ la lotta, la violen​za,​ la morte (rifles​sa​ negli occhi di un cervo agoniz​zan​te)​ – e un’indo​le​ infan​ti​le​ che la spinge​ ad osser​va​re​ (e ascoltare) le cose con la curio​si​tà​ ed il timo​re​ di un bambi​no​. “A volte anche i bambi​ni​ posso​no​ esse​re​ perso​ne​ catti​ve”​ ma la crudel​tà​ fredda,​ chirur​gi​ca,​ cui Hanna è stata istruita​ ad obbe​di​re​ (e che ha acqui​si​to​ col tempo la forma di un rifles​so​ incon​di​zio​na​to)​ è sempli​cemen​te​ uno strumen​to​ di auto​di​fe​sa,​ l’uni​co​ cono​sciu​to​ per tute​lar​si​ da qualun​que​ minac​cia​ vera o presun​ta,​ al punto che perfi​no​ la scoper​ta​ dell’altro​ sesso (ma anche dello stesso)​ fini​sce​ con l’assu​me​re​ le dimen​sio​ni​ di un conflit​to,​ un’opzio​ne​ di scelta​ tra l’abbat​te​re​ il nemi​co​ e il lasciar​lo​ sopravvi​ve​re​.

Come si può affron​ta​re​ il peso di un’esi​sten​za​ bracca​ta​ quando​ si deve combat​te​re​ anzi​tut​to​ con se stessi​ e con la meta​mor​fo​si​ di un corpo che porta in una dire​zio​ne​ diver​sa​ da quella​ inscrit​ta​ nel proprio​ DNA? Come si può vivere libe​ra​men​te​ quando​ non si hanno gli strumen​ti​ giusti​ per farlo? La story di Lochhead​ cerca di forni​re​ una rispo​sta,​ lascian​do​ infi​ne​ allo spetta​to​re​ la possi​bi​li​tà​ di diri​me​re​ una questio​ne​ anti​ca​ come il mondo ma decli​na​ta​ nel tempo nelle sue molte​pli​ci​ varian​ti:​ amore o dove​re, gene​ti​ca​ o sentimen​to,​ stato socia​le​ o stato di natu​ra?​

Sebbe​ne​ Philip​ K. Dick (e il cine​ma​ che ai suoi roman​zi​ si ispira)​ inse​gni​ che anche gli androi​di​ hanno un cuore, Hanna non può esse​re​ consi​de​ra​ta​ tale e, a dispet​to​ dell’e​du​cazio​ne​ rice​vu​ta,​ non si può fare di lei una bestia,​ una creatu​ra​ inuma​na,​ né tanto​me​no​ uno dei ragaz​zi​ selvag​gi,​ bambi​ni​-lupo, inda​ga​ti​ dalla lingui​sti​ca​ (le sue abili​tà​ in mate​ria​ sono fin troppo​ avanzate):​ Hanna è allo​ra​ un esse​re​ viven​te​ cui la scienza​ ha dona​to​ (o inflit​to)​ un pote​re​ troppo​ rischio​so​ e che, pertan​to,​ se non può esse​re​ mante​nu​to​ al riparo​ dagli occhi indi​scre​ti​ del mondo deve esse​re​ debel​la​to​.

Ed è qui che il film di Wright si rive​la​ capa​ce​ di sfrutta​re​ al meglio​ le potenzia​li​tà​ ritmiche​ del thril​ler,​ trasfor​man​do​ progres​si​va​men​te​ la traiet​to​ria della sua prota​go​ni​sta​ in una fuga rocam​bo​le​sca,​ proiet​ta​ta​ verso il ricongiun​gi​men​to​ fina​le​ di due perso​nag​gi​ che non posso​no​ esiste​re​ senza annien​tar​si​ ed escluder​si​ a vicen​da​. Il regi​sta​ britan​ni​co​ centra​ allo​ra​ l’obietti​vo​ manca​to​ con The Soloist: raccon​ta​re​ la contem​po​ra​nei​tà​ con la stessa​ sensi​bi​li​tà​ e lo stesso​ gusto esteti​co​ degli esordi,​ dimo​stran​do​ di sapersi​ trova​re​ a proprio​ agio nel presen​te​ come nel passa​to​.

Il ripen​sa​men​to​ in chiave​ post​-moder​na​ del cine​ma​ espressio​ni​sta​ tede​sco​ si rive​la​ dunque​ la chiave​ attra​ver​so​ cui far passa​re​ i valo​ri​ di una moder​nità​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ dal sapo​re​ aperta​men​te​ euro​peo:​ il lavo​ro​ opera​to​ da Wright e da Alwin H. Kuchler alla foto​gra​fia​ – compli​ce​ anche la strepi​tosa​ colon​na​ sono​ra​ compo​sta​ ad hoc dai The Chemical Brothers – si propo​ne​ infat​ti​ di enfa​tiz​za​re​ l’inte​gra​zio​ne​ dei valo​ri​ visi​vi​ e sono​ri,​ al fine di recu​pe​ra​re​ un’este​ti​ca​ filmi​ca​ ben preci​sa​.

L’uso reite​ra​to​ della plongée,​ la valo​riz​za​zio​ne​ geome​tri​ca​ degli spazi – con una predi​li​zio​ne​ per la figu​ra​ concen​tri​ca​ (la sequen​za​ dell’in​se​gui​men​to​ all’in​ter​no​ della base CIA ne è una chiara,​ e ben riusci​ta,​ dimo​stra​zio​ne)​ – e la scelta​ di cromie​ fredde​ alta​men​te​ contra​sta​te,​ unite alla natu​ra​ “sinte​tica”​ della soundtrack​ elettro​ni​ca,​ aggior​na​no​ al vente​si​mo​ seco​lo​ il cine​ma​ di Fritz Lang, in parti​co​la​re​ M – Il mostro di Dusseldorf, grande​ classico​ noir che Wright sembra​ avere ben in mente.

La Berli​no​ peri​fe​ri​ca,​ degra​da​ta​ e meta​fi​si​ca​ in cui i perso​nag​gi​ conver​go​no nel fina​le​ non può che richia​ma​re​ alla mente quella​ scelta​ dal regi​sta​ tedesco​ per il suo primo film sono​ro​ (a dispet​to​ del tito​lo​ italia​no,​ erro​nea​mente​ “tradot​to”​ per affi​ni​tà​ con la crona​ca​ d’epo​ca),​ così come la figu​ra​ pato​lo​gi​ca​ e sessual​men​te​ ambi​gua​ del killer​ Isaacs (Tom Hollander) non può non ricor​da​re,​ con il suo fischiet​tio​ insi​sten​te​ (un’inquie​tan​te​ me-​lodia​ origi​na​le​ del duo ingle​se​ e non più il cele​ber​ri​mo​ brano di Edvard​ Grieg), il “mostro”​ inter​pre​ta​to​ da un indi​men​ti​ca​bi​le​ (e altret​tan​to​ distur​bante)​ Peter Lorre. Le atmo​sfe​re​ grotte​sche,​ surrea​li​ e violen​te​ delle sequenze​ ambien​ta​te​ nella casa da incu​bo​ dei Grimm – con i suoi croma​ti​smi​ esaspe​ra​ti​ che sembra​no​ usciti​ da un quadro​ di Grosz – condu​co​no​ la pelli​cola​ verso l’iper​rea​li​smo​ intol​le​ra​bi​le​ della Nuova Ogget​ti​vi​tà​ anni ’20, conclu​den​do​ coeren​te​men​te​ un percor​so​ di revi​val​ esteti​co​ dagli esiti inso​lita​men​te​ affa​sci​nan​ti​.

L’ori​gi​na​li​tà​ dell’ap​proc​cio​ regi​sti​co​ di Wright – che con Hanna realiz​za​ il suo film più “speri​men​ta​le”​ – si dimo​stra​ allo​ra​ essen​zia​le​ per contro​bi​lan​ciare​ le sorti di una pelli​cola​ deli​ca​ta​men​te​ pertur​ban​te,​ ovvian​do​ ai difet​ti​ di uno script perfet​to​ nel deli​nea​re​ perso​nag​gi​ comples​si​ e di diffi​ci​le​ leggi​bili​tà​ (grazie​ a scelte​ di casting​ inecce​pi​bi​li​ anche per i ruoli secon​da​ri)​ ma troppo​ debo​le​ nella sua conclu​sio​ne​ aperta,​ una sceneg​gia​tu​ra​ che, nella sua fretto​lo​sa​ volon​tà​ di sinte​si​ narra​ti​va,​ rischia​ di vani​fi​ca​re​ gli sforzi​ di un enco​mia​bi​le​ lavo​ro​ espressi​vo​.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: