Ladri di Cadaveri – Burke & Hare

MV5BMjA1MjkxMDc3Ml5BMl5BanBnXkFtZTcwOTI1MTYxNQ@@._V1_SY1000_CR0,0,674,1000_AL_

Burke and Hare – Regno Unito 2010 – di John Landis

Commedia/Crime/Storico – 91′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

1828, Edimburgo. Grazie a un editto su misura, lo spocchioso dottor Monroe si assicura il monopolio dei cadaveri della città e al concorrente dottor Knox non rimane materia prima da dissezionare nelle aule dell’Accademia di Anatomia. Fiutando l’affare, William Hare e William Burke, inseparabili compagni di truffa, colgono l’occasione per avviare un busi ness estremamente lucrativo: l’omicidio. Ma la Milizia non si farà attendere. E nemmeno la forca (almeno per uno dei due).

Presen​ta​to​ in ante​pri​ma​ mondia​le​ al Festi​val​ Inter​na​zio​na​le​ del Cine​ma​ di Roma il 30 otto​bre​ 2010, Burke & Hare – Ladri di Cadaveri, grotte​sca​ black come​dy​ sul busi​ness​ della morte (Repubblica lo ha defi​ni​to​ “il capi​ta​lismo​ secon​do​ Landis”),​ segna il ritor​no​ di John Landis al grande​ schermo, a dodi​ci​ anni di distan​za​ da Delitto Imperfetto e dopo una serie di proget​ti​ realiz​za​ti​ per la tele​vi​sio​ne​. 

Inno​va​ti​vo​ auto​re​ di veri e propri​ cult del cine​ma​ ameri​ca​no​ di “gene​re”​ (il musi​cal:​ The Blues Brothers, l’horror:​ Un Lupo Mannaro Americano a Londra, la “frat-come​dy”:​ Animal House, perfi​no​ il video​-clip mu-​ sica​le​ con Thriller), Landis​ ha offer​to​ prima della proie​zio​ne​ una lezio​ne​ di cine​ma​ dal piglio​ deci​sa​men​te​ anti​-acca​de​mi​co,​ forse una delle miglio​ri​ che il Festi​val​ abbia ospita​to​ nelle sue cinque​ edizio​ni,​ strappan​do​ al pub-​ blico​ novan​ta​ minu​ti​ di risa​te​.

Assi​sten​do​ diver​ti​to,​ e a tratti​ imba​raz​za​to​ (esclama​ un “oh, please”​ di fronte​ alla scena kubric​kia​na​ di Schlock), alle clip tratte​ dai suoi lavo​ri,​ il regi​sta​ ameri​ca​no​ spazia​ dalla reci​ta​zio​ne​ degli atto​ri​-goril​la​ alla colla​bo​ra​zione​ con John Belu​shi,​ in un fiume inarre​sta​bi​le​ di ironia,​ aneddo​ti​ e frecciati​ne​ pungen​ti​ (esila​ran​te​ quella​ a JFK di Oliver​ Stone, defi​ni​to​ “a great movie, but comple​te​ly​ insa​ne”),​ senza rispar​mia​re​ i criti​ci​ (“full of shit”), la poli​ti​ca​ “assur​da”​ di George​ W. Bush e la stupi​di​tà​ della tv nostra​na​ (il gioco a premi Colpo Grosso lasciò​ alli​bi​ti​ lui e la moglie​ duran​te​ un soggiorno​ in Italia)​.

Parten​do​ da una doman​da​ sugli scarsi​ rico​no​sci​men​ti​ desti​na​ti​ a horror​ e comme​dia​ (ma, commen​ta,​ riguar​dan​do​ alcu​ni​ dei suoi film non si premie​rebbe​ neanche​ lui), Landis​ dimo​stra​ una cultu​ra​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ di tutto rispet​to​ e analiz​za​ la propria​ carriera​ svelan​do​ trucchi​ del mestie​re​ (illu​mi​nante​ la digres​sio​ne​ sugli effet​ti​ specia​li​ del maestro​ Rick Baker), esperienze​ di set (all’im​prov​vi​sa​zio​ne​ prefe​ri​sce​ le indi​ca​zio​ni​ date all’at​to​re​ duran​te​ i take di ripre​sa)​ e l’amo​re​ per un cine​ma​ “arti​gia​no”​ lonta​no​ dagli effet​ti​ “magi​ci”​ dell’e​ra​ digi​ta​le​.

Con Burke & Hare, basa​to​ sulla storia​ vera (“tranne​ le parti che non lo sono”) dei due omoni​mi​ assas​si​ni​ scozze​si​ (c’è un prece​den​te​ horror​ del 1972 diret​to​ da Vernon​ Sewell), Landis​ torna nel Regno Unito (dopo An American Werewolf in London) per esplora​re​ “un certo tipo di commedia​ all’in​gle​se”:​ ad ecce​zio​ne​ del regi​sta,​ della moglie​ (la costu​mi​sta​ Deborah Noodolman) e dell’au​stra​lia​na​ Isla Fisher, l’inte​ro​ cast tecni​co​-arti​sti​co​ è infat​ti​ “so fucking​ british”​ (sic).

Il gusto per la provo​ca​zio​ne​ surrea​le​ certo non manca a questa​ comme​dia​ maca​bra,​ che si diver​te​ a farsi beffe dell’as​sas​si​nio​ concen​tran​do​si​ sulle fanta​sio​se​ moda​li​tà​ d’ope​ra​to​ dei due serial​ killer​ improv​vi​sa​ti:​ cada​ve​ri​ infi​la​ti​ in bari​li​ di aringhe,​ tombe profa​na​te,​ ciccio​ni​ colti da infar​to​ mentre canta​no​ The Catcher in The Rye, ce n’è per tutti i gusti. Una risa​ta​ vi seppel​li​rà​. E non è un caso che Landis​ citi come fonte d’ispi​ra​zio​ne​ The Ladykillers di Alexander Mackendrick (da cui l’omo​ni​mo​ rema​ke​ dei fratel​li​ Coen): nelle mani giuste​ la morte può avere enorme​ poten​zia​le​ umori​sti​co​ e la sceneg​gia​tu​ra​ di Piers Ashworth e Nick Moorcroft rende bene l’idea​.

Il comi​co​ si gioca sul campo del poli​ti​ca​men​te​ scorret​to:​ si muore dal ridere o si ride della morte, fa poca diffe​ren​za,​ e la comme​dia​ stessa​ risa​le​ alle sue radi​ci​ origi​na​rie​ in scenet​te​ slapstick​ da cartoon​ (due uomi​ni​ che inse​guono​ una botte roto​lan​te:​ il grado zero del diver​ti​men​to)​ con perfet​to​ accompa​gna​men​to​ musi​ca​le​. La scelta​ della soundtrack​, d’altron​de,​ non è mai stata un proble​ma​ per Landis​ – che in confe​ren​za​ si dice indi​gna​to​ per la sosti​tu​zio​ne​ della musi​ca​ origi​na​le​ nella cele​bre​ scena della mensa di Animal House (ma solo nel DVD italia​no)​ – e anche qui, tra corna​mu​se​ scozze​si​ e rock‘n roll, si dimo​stra​ impec​ca​bi​le​.

Dopo Belu​shi​-Akroyd e Murphy​-Akroyd (Una Poltrona per Due), Simon Pegg e Andy Serkis forma​no​ l’enne​si​mo,​ affia​ta​to​ duo comi​co​ della cine​ma​to​gra​fia​ di Landis​. Pegg ritro​va​ le stesse​ ambi​zio​ni​ di classe​ che lo aveva​no​ anima​to​ in Star System – Se non ci sei non esisti ma con due seco​li​ di anti​ci​po:​ inizial​men​te​ restio​ a compro​met​te​re​ la salvez​za​ della propria​ anima con l’omi​ci​dio,​ il suo William​ Burke non impie​ga​ molto tempo ad abban​do​na​re​ le preoc​cu​pa​zio​ni​ mora​li​. Sedot​to​ dalle grazie dell’at​tri​cet​ta​ Ginny (Isla Fisher)​ si trove​rà​ costret​to​ ad incre​men​ta​re​ i propri​ introi​ti​ per finan​zia​re​ “la prima produ​zio​ne​ inte​ra​men​te​ femmi​ni​le​ del MacBe​th​ shake​spea​ria​no”,​ diret​ta​ e inter​pre​ta​ta​ dall’a​ma​ta​. Dal canto suo Andy “Gollum”​ Serkis​ dimo​stra​ di saper​se​la​ cavare​ anche senza la tuti​na del “suo tess​so​ro”​ e insie​me​ a Jessica Haynes si esibi​sce​ in scene di sesso ad altis​si​mo​ tasso di comi​ci​tà,​ in quel connu​bio​ di humour​ ed eroti​smo spesso​ ricor​ren​te​ nel cine​ma​ di Landis​.

Tra miti stori​ci​ e cine​ma​to​gra​fi​ci,​ la varie​tà​ del cast non manca: l’inven​to​re​ della foto​grafia​ Nice​fo​ro​ (Allan Cordu​ner)​ e Charles​ Darwin​ (Christian​ Brassing​ton)​ divi​do​no​ la scena con il sopra​ci​ta​to​ Gollum​ e Tim “Frank ‘N Furter”​ Curry, da venti​cin​que​ anni destina​to​ a parti secon​da​rie​ o picco​li​ ruoli (forse qualcu​no​ se lo ricor​da​ concier​ge​ in Home Alone 2: Lost in New York). Cameo per Cristopher Lee (altro redu​ce​ de Il Signore degli Anelli) nella parte di una delle vitti​me​.

Landis​ è torna​to​. E meno male: del suo esse​re​ “trasgres​si​vo”​ (o meglio,​ “unusual”)​ si sentiva​ proprio​ il biso​gno​. In un perio​do​ in cui la cari​ca​ inno​vati​va​ del cine​ma​ sembra​ raschia​re​ il fondo del bari​le​ stupi​sce​ piace​vol​mente​ risco​pri​re​ un regi​sta​ che con i mezzi di sempre​ riesce​ anco​ra​ a portare​ un brivi​do​ comi​co​ in sala.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: