Mai Stati Uniti

Italia, 2013, di Carlo Vanzina. Commedia-90’. Scritto da Antonio Falcone (Fonte immagine: MyMovies)

Il destino di cinque persone, Angela, Antonio, Nino, Carmen e Michele, cambierà una volta convocati da un notaio, quando apprenderanno di essere figli dello stesso padre e di aver diritto ad una cospicua eredità, purché ne spargano le ceneri in un posto ben preciso, Arizona, USA.Mai Stati Uniti, opera dei fratelli Vanzina, Carlo ed Enrico, il primo regista e co – sceneggiatore insieme al secondo e ad Edoardo Falcone, rappresenta, per l’ennesima volta, una commedia italiana in cui è evidente lo sforzo d’imbastire qualcosa di più strutturato, dai personaggi meglio definiti, anche riguardo la loro psicologia, ma che non riesce ad andare al di là della solita bastevole gradevolezza d’insieme, scivolando via piatta ed anodina, tra sketch ripetitivi o comunque già visti ed uno sguardo al passato incapace di concretizzarsi cinematograficamente come spunto per proporre finalmente qualcosa di nuovo.

Nel plot narrativo è evidente infatti un richiamo a certe realizzazioni degli anni ’50-’60, l’occhio pudico ed insieme curioso di papà Steno (Stefano Vanzina) per esempio, nell’introdurre le figure dei cinque protagonisti, persone comuni alle prese con una serie di problemi, in un clima di crisi economica: Angela (Ambra Angiolini), aspirante segretaria, schizofrenica farmaco (e psicanalista) dipendente, Antonio (Vincenzo Salemme), cameriere col vizio del gioco e oberato dai debiti, Nino (Ricky Memphis), ex meccanico, divorziato, che sbarca il lunario proponendosi come intrattenitore alle feste di compleanno dei bambini, Carmen (Anna Foglietta), precaria attenta all’immagine, piuttosto disinvolta riguardo l’ambito sessuale, ed infine Michele (Giovanni Vernia), ragazzone sui generis, appena licenziato dallo zoo dove lavorava.

Nuoce al film un certo squilibrio tra voglia di riflessione (il tema della famiglia, la rilevanza dei suoi valori) e risata, con quest’ultima che nasce più per simpatia verso gli attori presi singolarmente che per la rilevanza di battute o situazioni, in un apparato sin troppo citazionista (Antonio/Salemme che viene battuto a carte da un bambino, come in un episodio de L’oro di Napoli, ’54, Vittorio De Sica, o il rapporto di Nino/Memphis col figlio, ripreso da Il giovedì, ’63, Dino Risi, già richiamato dai Vanzina In Un’estate al mare), falsamente ingenuo (un casino scambiato da Antonio e Nino per l’abitazione di un gommista, con la trita scena del “no speak english”, tra equivoci verbali e gestuali) e, a volte, inutilmente movimentato (la comparsata di Maurizio Mattioli).

L’intenzione di una connotazione corale rimane sulla carta, perché non sempre si viene a creare un vero e proprio amalgama tra le varie interpretazioni, con conseguente mancanza d’empatia, se non propriamente d’immedesimazione, nei confronti degli spettatori. Peccato, soprattutto per i due personaggi femminili, sin troppo stereotipati, tra Ambra schizzata d’ordinanza e la “prigionia coatta” della Foglietta, che solo tra le righe lascia intuire un suo probabile miglior sfruttamento, mentre del tutto fuori luogo appare Vernia, il cui scimmiottare continuamente il De Niro di Taxi Driver meriterebbe di essere annoverato tra i reati perseguibili penalmente, con la recidiva della coazione a ripetere.

Resta la sensazione che i Vanzina Brothers, una volta accantonate sia la facile risata, spesso becera e cialtrona, sia la compiaciuta e compiacente messa alla berlina degli italici vizi, non riescano a dare una definitiva coerenza, narrativa e visiva, alla loro capacità di osservazione delle mutazioni in atto nella società, a livello di costume in particolare. Smarriti tra i rivoli di una meccanicità preordinata della messa in scena, i due hanno da tempo perso quel minimo di allegra spontaneità propria di certe loro pellicole (almeno sino al triste subentro di varie derive triviali e scatologiche), in certo qual modo lungimiranti nella loro pur superficiale descrizione del reale. Un onesto richiamo alla genuinità di un cinema “sanamente” popolare, che sembra difficile possano recuperare, in particolare nei confronti delle nuove generazioni.

Voto:5

2 risposte a "Mai Stati Uniti"

Add yours

    1. Ciao, grazie! Forse in visione televisiva, considerandolo pari alle solite fiction, si potrebbe digerire, ma non ne sono poi tanto sicuro…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: