Ruby Sparks

MV5BMjE2OTM5OTUyOF5BMl5BanBnXkFtZTcwODI4Nzg3Nw@@._V1_SY1000_SX640_AL_

 

Ruby Sparks – Stati Uniti 2012 – di Jonathan Dayton, Valerie Faris

Commedia/Drammatico/Fantasy – 104′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Scrittore-prodigio investito a soli diciannove anni dello scomodo appellativo di “genio”, Calvin Weir-Fields (Paul Dano), ormai alla soglia dei trent’anni, sembra aver perso l’ispirazione. A fargliela ritrovare sarà l’incontro onirico con la ragazza ideale: Ruby Sparks (Zoe Kazan), frutto perfetto della sua immaginazione. Peccato che un giorno Ruby si trasformi in realtà.

Lancia​ti​ nel 2006 dal Sundan​ce​ Film Festi​val​ e consa​cra​ti​ dagli Acade​my​ Awards dell’an​no​ seguen​te​ grazie​ allo straordi​na​rio​ lungo​me​trag​gio​ d’esor​dio, Little Miss Sunshine, i coniu​gi​ Jonathan Dayton e Valerie​ Faris hanno avuto il meri​to,​ o demeri​to,​ di porta​re​ il cine​ma​ indie alla ribalta,​ trasfor​man​do​lo​ non solo in un feno​me​no​ di consu​mo​ para​dos​sal​mente​ mainstream,​ ma anche in un vero e proprio​ gene​re​ cine​ma​to​gra​fi​co​.

Ruby Sparks, brillan​te​ opera secon​da​ dal sapo​re​ meta​fil​mi​co​ e meta​let​te​rario,​ non fa che confer​ma​re​ tale tenden​za,​ esplici​tan​do​ le marche​ sintat​ti​che, seman​ti​che​ e pragma​ti​che​ – per dirla alla Rick Altman​ – che costi​tui​scono​ oramai​ di dirit​to​ gli indi​ca​to​ri​ di una trasfor​ma​zio​ne​ di gene​re​ arri​vata​ al suo pieno compi​men​to​.

La rilet​tu​ra​ del reale in chiave​ “alter​na​ti​va”​ e strava​gan​te​ resta il punto di parten​za​ impre​scin​di​bi​le​ da cui prende​re​ le mosse per affron​ta​re​ le sorti del sogget​to​ ameri​ca​no​ contem​po​ra​neo,​ costret​to​ ad assi​ste​re,​ se non a subire,​ le deri​ve​ surrea​li​ della socie​tà​ che lo circon​da,​ e ad arran​giar​si​ come meglio​ può per farsi largo fra esse.

L’otti​ma​ sceneg​gia​tu​ra​ firma​ta​ dalla nipo​te​ d’arte​ Zoe Kazan (anche protago​ni​sta​ femmi​ni​le​ del film), non potreb​be​ offri​re​ soste​gno​ narra​ti​vo​ più adatto​ all’e​ste​ti​ca​ e alla linea di pensie​ro​ promos​se​ dalla coppia​ di regi​sti​ cali​for​nia​ni,​ che alla rifles​sio​ne​ sulla fami​glia​ disfun​zio​na​le​ ritrat​ta​ in Little Miss Sunshine fanno segui​re​ la disa​mi​na​ delle dina​mi​che​ senti​men​tali​ in una rela​zio​ne​ deci​sa​men​te​ fuori dal comu​ne​. Prati​ca​men​te​ inappun​tabi​le​ fino al suo “punto centra​le”​ lo script della Kazan analiz​za​ con sinte​tica​ effi​ca​cia​ la para​bo​la​ discen​den​te​ di uno scritto​re​ in crisi, serven​do​si​ dei luoghi​ comu​ni​ del caso (peso della noto​rie​tà,​ senso di falli​men​to,​ sedu​te d’ana​li​si​ alle​nia​ne​ deci​sa​men​te​ poco orto​dos​se)​ senza ecces​si​va​ compia​cenza,​ e prepa​ran​do​ per il terre​no​ per la svolta​ fanta​scien​ti​fi​ca​ che costi​tui​sce l’essen​za​ ulti​ma​ della riusci​ta​ del film: la realiz​za​zio​ne​ di una fanta​sia​ d’amo​re​ ideale​ che si tramu​ta​ in incu​bo,​ disin​te​gra​ta​ dalla forza auto​-distrutti​va​ dell’im​ma​gi​na​zio​ne​ creatri​ce​.

Nevro​ti​co​ e frustra​to,​ accom​pa​gna​to​ nel suo percor​so​ di auto​com​mi​se​ra​zione​ da un fratel​lo​ osses​sio​na​to​ dalla forma fisi​ca​ (Chris Messina) e da uno psica​na​li​sta​ ecces​si​va​men​te​ pater​no​ e condi​scen​den​te​ (Elliot Gould), Calvin​ Weir-Fields (splendi​da​men​te​ inter​pre​ta​to​ dal Paul Dano/Dwayne​ di Little Miss Sunshine), incar​na​ alla perfe​zio​ne​ il prototi​po​ dell’an​ti​-eroe indie, ovve​ro​ del tipi​co​ sogget​to​ post​-moder​no​ inca​pa​ce di rela​zio​nar​si​ sere​na​men​te​ e facil​men​te​ con la realtà​ caoti​ca​ e contrad​ditto​ria​ che lo circon​da​. In questa​ socie​tà​ del simu​la​cro,​ dove l’imma​gi​ne​ si sosti​tui​sce​ alla veri​tà​ del reale, l’eser​ci​zio​ del pote​re​ creati​vo​ è tutto ciò di cui un perden​te​ (arche​ti​po​ caro alla tradi​zio​ne​ indie) come Calvin​ può disporre​ per mante​ne​re​ il control​lo​ sulla propria​ vita. Ma cosa succe​de​ quando alla magia del proces​so​ imma​gi​na​ti​vo​ si sosti​tui​sce​ l’abu​so​ mania​ca​le​ del ruolo demiur​gi​co?​

Alla spino​sa​ questio​ne​ cerca di rispon​de​re​ Zoe Kazan, che deli​nea​ per il proprio​ partner​ (Dano, compa​gno​ anche nella vita) un ruolo ostico​ ed ostile,​ un ritrat​to​ di maschio​ sogna​to​re,​ sì, ma anche profon​da​men​te​ mani​pola​to​re​ ed andro​cen​tri​co,​ che sull’al​ta​re​ di una rela​zio​ne​ perfet​ta​ sacri​fi​ca​ il piace​re​ e il dirit​to​ del libe​ro​ arbi​trio,​ trascen​den​do​ le barrie​re​ della diffe​renza​ sessua​le​ per infi​ne​ annul​lar​le​ del tutto. «It’s like we are the same person»,​ grida Ruby, esaspe​ra​ta​ dalla claustro​fo​bia​ simbio​ti​ca​ in cui la relazio​ne​ con Calvin​ si è trasfor​ma​ta,​ e lo statu​to​ onto​lo​gi​co​ o fanta​sti​co​ del suo perso​nag​gio​ passa in secon​do​ piano di fronte​ al vero centro​ nevral​gi​co della pelli​co​la​.

Se infat​ti​ il carat​te​re​ meta​ri​fles​si​vo​ di Ruby Sparks non sembra​ presen​tare​ nulla di parti​co​lar​men​te​ origi​na​le​ in un pano​ra​ma​ cine​ma​to​gra​fi​co​ domi​na​to​ da scritto​ri​ e sceneg​gia​to​ri​ che inter​lo​qui​sco​no​ con il parto della propria​ imma​gi​na​zio​ne,​ arri​van​do​ talvol​ta​ a control​lar​ne​ le azioni,​ è piuttosto​ nella natu​ra​lez​za​ con cui la fanta​sia​ si mani​fe​sta​ e atte​sta​ la propria​ presen​za​ fisi​ca​ che l’inven​ti​va​ della Kazan si esprime​ al proprio​ meglio​. Ruby Sparks non è allo​ra​ tanto, o soltan​to,​ una medi​ta​zio​ne​ sui danni che la creazio​ne​ arti​sti​ca​ può gene​ra​re,​ ma piutto​sto​ una riela​bo​ra​zio​ne​ in termi​ni​ contem​po​ra​nei​ e agrodol​ci​ del mito di Narci​so​. Più che “dream​girl”​ o alter ego femmi​ni​le​ di Calvin,​ Ruby è infat​ti​ la proie​zio​ne​ di una fanta​sia​ roman​ti​ca​ che resta mastur​ba​to​ria​ quanto​ la prati​ca​ della scrittu​ra​.

Non c’è magia né mira​co​lo​ nelle azioni​ di Calvin,​ che usa la macchi​na​ da scrive​re​ come una frusta,​ facen​do​ di Ruby il proprio​ anima​le​ da circo e inciden​do​ sulla carta “il proprio​ ideale​ plato​ni​co​ di ragaz​za”​ per realiz​za​re​ il sogno, impos​si​bi​le,​ di avere una rela​zio​ne​ con se stesso​. E, dunque,​ una relazio​ne​ priva di compli​ca​zio​ni​. E’ la paura di affron​ta​re​ i proble​mi​ del rapporto​ con l’altro​ (sesso), non quella​ di veder concre​tiz​za​to​ il proprio​ potenziale​ di genio creati​vo,​ a terro​riz​za​re​ Calvin:​ la paura di non poter avere tutto sotto control​lo,​ di lasciar​si​ anda​re​ alle emozio​ni​ e di ritro​var​si​ infi​ne​ come la madre (cameo “cita​zio​ni​sta”​ per Annette Bening, accop​pia​ta​ ad un impro​ba​bi​le​ Antonio Banderas), spoglia​ta​ dei propri​ panni borghe​si​ per fonder​si​ pani​ca​men​te​ con la natu​ra​. 

Pur realiz​zan​do​ una pelli​co​la​ dall’e​ste​ti​ca​ accat​ti​van​te,​ fede​le​ alle marche​ di “gene​re”​ tipi​che​ dell’in​die​ contem​po​ra​neo​ (che di indi​pen​den​te,​ basti guarda​re​ Van Sant, ha ormai solo il nome), Dayton e Faris traggo​no​ dalla sceneg​gia​tu​ra​ della Kazan il giusto​ input per metter​le​ in questio​ne​ – e infi​ne​ riaffer​mar​le​. Nella geome​tria​ imma​co​la​ta​ dell’ap​par​ta​men​to​ di Calvin​ – foto​gra​fa​ta​ niente​me​no​ che da Matthew Libatique (e si vede) – così come nella rigi​di​tà​ osses​si​vo​-compul​si​va​ delle sue manie di control​lo,​ risie​de​ l’incar​na​zio​ne​ di un princi​pio​ reazio​na​rio​ contro​ il quale la sponta​neità​ di Ruby si insi​nua​ con forza deva​stan​te​.

Se Calvin​ è l’antie​roe​ indie per eccel​len​za​ – chiuso,​ inti​mi​di​to,​ fonda​men​talmen​te​ mona​di​co​ (è il cane Scotty​ a fargli​ da prete​sto​ di socia​liz​za​zio​ne)​ – le sue para​no​ie​ conser​va​tri​ci​ fanno piutto​sto​ di Ruby l’effet​ti​va​ rappre​sen​tate​ dello spiri​to​ “indi​pen​den​te”:​ l’esal​ta​zio​ne​ di una “norma​li​tà”​ para​dos​salmen​te​ diver​sa​ e strava​gan​te,​ resa tanto più rassi​cu​ran​te​ dal suo esse​re​ sempli​ce,​ schietta,​ impul​si​va,​ mai schiava​ delle rego​le​ e soprat​tut​to​ fiera dei propri​ difet​ti​. Esatta​men​te​ come i folli membri​ del clan degli Hoover,​ in viaggio​ sul vecchio​ furgon​ci​no​ Volkswa​gen​ con un cada​ve​re​ nel bagagliaio​ e qualche​ giorna​let​to​ porno compra​to​ all’au​to​grill​.

Sono solo le inge​nui​tà​ del fina​le​ – non esatta​men​te​ lieto e forse vota​to​ ad un “eterno​ ritor​no”​ senti​men​ta​le​ mono​to​no​ e, qui sì, preve​di​bi​le​ – a rovi​na​re in parte le otti​me​ inten​zio​ni​ di uno script-gioiel​lo,​ che si arre​sta​ a qualche passo di distan​za​ dalla comple​tez​za​ di Little Miss Sunshine, ma che, consi​de​ra​ta​ la giova​ne​ età della sua autri​ce,​ non ha poi molto da farsi rimprove​ra​re​.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: