Trainwreck – Un disastro di ragazza

MV5BMTQ4MjgwNTMyOV5BMl5BanBnXkFtZTgwMTc1MjI0NDE@._V1_SY1000_CR0,0,631,1000_AL_

Trainwreck – Stati Uniti/Giappone 2015 – di Judd Apatow

Commedia/Drammatico/Romantico – 125′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Convinta dal padre in tenera età che la monogamia non sia cosa realistica, la trentenne newyorchese Amy Townsend (Amy Schumer) fa del monito paterno uno stile di vita, sbronzandosi ogni sera e andando a letto con uomini che non rivedrà mai più. Quando la direttrice del magazine maschile per cui lavora (Tilda Swinton) le commissiona un articolo su un brillante medico sportivo (Bill Hader), le convinzioni di Amy sulle relazioni sentimentali verranno tuttavia messe a dura prova.

Si tratta​ soltan​to​ del suo quinto​ film da regi​sta​ in quasi venti​cin​que​ anni di onora​ta​ carrie​ra,​ ma Trainwreck (presen​ta​to​ in questi​ giorni​ a Locar​no)​ segna sicu​ra​men​te​ un momen​to​ impor​tan​te​ nella cine​ma​to​gra​fia​ di Judd Apatow, produt​to​re​ e sceneg​gia​to​re​ di certa comi​ci​tà​ ameri​ca​na​ contem​pora​nea​ (se non della comi​ci​tà​ ameri​ca​na​ con la C maiu​sco​la)​ che dal suo nome prende​ il marchio​ di fabbri​ca​.

Canto​re​ irri​ve​ren​te​ della broman​ce​ omoso​cia​le​ e del dudei​smo​ auto​-ironi​co (Suxbad, Strafumati, Fratellastri a 40 anni, solo per citar​ne​ alcuni),​ ma anche sensi​bi​le​ inda​ga​to​re​ di dina​mi​che​ fami​lia​li​ e di coppia (Molto Incinta, Funny People, This is 40), Apatow​ lascia​ il timo​ne della sceneg​gia​tu​ra​ per la prima volta nella sua filmo​gra​fia​ e abban​do​na​ i terri​to​ri​ confor​te​vo​li​ della viri​li​tà​ prota​go​ni​sta​ – anche se a corto di testo​-stero​ne​ – per scopri​re​ piutto​sto​ il proprio​ lato più aperta​men​te​ femmi​ni​le,​compli​ce​ la colla​bo​ra​zio​ne​ con la comi​ca​ in ascesa​ Amy Schumer, già autrice​ del suo stesso​ one woman show (Inside Amy Schumer) e qui in veste dupli​ce​ di sceneg​gia​tri​ce​ e attri​ce​.

Vaga​men​te​ ispira​to​ all’e​spe​rien​za​ auto​-biogra​fi​ca​ della Schumer​ – sia nel suo rappor​to​ con il padre mala​to​ (qui inter​pre​ta​to​ da un burbe​ro​ Colin Quinn) che nell’a​ned​do​ti​ca​ dei suoi spetta​co​li​ di stand up come​dy​ (vedi la confes​sio​ne​ shock duran​te​ il baby shower​ della sorel​la​ Kim/Brie Larson) – Trainwreck aspira​ a ribal​ta​re​ i cliché​ della comme​dia​ roman​ti​ca​ tradi​ziona​le,​ arri​van​do​ tutta​via​ alle mede​si​me​ conclu​sio​ni,​ quando​ il ritrat​to​ della “donna moder​na​ che fa quello​ che vuole” cozza infi​ne​ con i sogni più conven​zio​na​li​ dell’i​dil​lio​ roman​ti​co​ e (forse) del futu​ro​ nucleo​ fami​lia​re​.

Sara Stewart sul New York Post avrebbe​ volu​to​ – e a ragio​ne​ – veder trionfare​ la crocia​ta​ di Amy per la single​tu​di​ne​ priva di vergogna,​ piutto​sto​ che veder ridi​men​sio​na​ta​ la misan​tro​pia​ del suo perso​nag​gio​ grazie​ all’in​ter​vento​ di un (c’è da dire adora​bi​le)​ princi​pe​ azzur​ro​ metro​po​li​ta​no​. Tutta​via, e anche qui il giudi​zio​ è condi​vi​si​bi​le,​ Schumer​ confe​zio​na​ uno script esila​ran​te,​ capa​ce​ di sovver​ti​re​ gli stile​mi​ di gender​ della comi​ci​tà​ conven​zional​men​te​ al maschi​le​ (lo scapo​lo​ d’oro conver​ti​to​ alla mono​ga​mia​ dalla ragaz​za​ della porta accan​to),​ dipin​gen​do​ con umori​smo​ causti​co​ e brillan​te​ una seque​la​ di ritrat​ti​ di masco​li​ni​tà​ non confor​me​ agli standard,​ presi in contro​pie​de​ da una donna più scafa​ta​ (e catti​va)​ di loro.

Dal mite mari​to​ in maglion​ci​no​ da impie​ga​to,​ al pale​stra​to​ sensi​bi​le​ afflit​to​ da omoses​sua​li​tà​ repres​sa​ (inter​pre​ta​to​ da uno spasso​sis​si​mo​ Jon Cena), passan​do​ attra​ver​so​ il mino​ren​ne​ con tenden​ze​ sado​-maso​ (Ezra Miller in un picco​lo​ ruolo) e la star dell’N​BA​ con affla​ti​ di roman​ti​ci​smo​ poetico​ (un Lebron James tene​ro​ne,​ anche se col porta​fo​glio​ sigil​la​to​ e l’ego smisu​ra​to),​ Trainwreck offre una diver​ten​te​ carrel​la​ta​ di maschi​ estroge​-​ nici,​ che laddo​ve​ potreb​be​ esse​re​ letta da un lato come l’incar​na​zio​ne​ dell’idea​le​ femmi​ni​le​ (impro​ba​bi​le)​ dell’uo​mo​ di senti​men​to​ più che d’azio​ne,​ dall’al​tro​ dimo​stra​ il piglio​ sala​ce​ della Schumer​ nel ridi​co​liz​za​re​ i cano​ni​ (altret​tan​to​ impro​ba​bi​li)​ della viri​li​tà​ anabo​liz​za​ta​ e senza crepe emoti​ve​.

  

“Fuori dal letto nessu​na​ pietà” canta​va​ Marco Ferra​di​ni​ in Teorema, e la Amy Town​send​ di Amy Schumer​ sembra​ farne proprio​ il mantra​ ancor più degli inse​gna​men​ti​ pater​ni​. Versio​ne​ 2.0 della Bridget​ Jones di Renée Zellwegger, di cui supe​ra​ le frustra​zio​ni​ fisi​che​ e senti​men​ta​li,​ e semmai​ ne diven​ta​ padro​na,​ Amy rifug​ge​ i lega​mi​ per non soffri​re,​ ma anche perchè vive​re​ la propria​ esisten​za​ nella dipen​den​za​ costan​te​ dal model​lo​ della coppia​ mono​ga​mi​ca​ è una faccen​da​ franca​men​te​ sfiancan​te​.

Eppu​re,​ alla fine, nono​stan​te​ tutto, a trionfa​re​ è l’ani​mo​ genti​le​ del roman​tico​ne​ di turno, il dottor​ Strana​mo​re​ inter​pre​ta​to​ con dolcez​za​ infi​ni​ta​ da Bill Hader, volto noto del Saturday Night Live (come molti degli atto​ri nel cast) e membro​ itine​ran​te​ del clan Apatow​ (era il colle​ga​ poli​ziot​to​ di Seth Rogen in Suxbad), cui Amy, bisbe​ti​ca​ doma​ta,​ si arren​de​ con un’esibi​zio​ne​ da cheerlea​der​ che – se non fosse per la cadu​ta​ slapstick​ che ne conclu​de​ la traiet​to​ria​ – rischie​reb​be​ di mina​re​ il senso ulti​mo​ della sua lotta all’im​ma​gi​ne​ della donna​-ogget​to​ esisten​te​ soltan​to​ perchè​ parte di un “noi”.

  

Produt​to​re​ di Girls e in parte debi​to​re​ a Lena Dunham per avergli​ aperto​ gli occhi sull’e​si​sten​za​ di una sisman​ce​ inte​res​san​te​ alme​no​ quanto,​ se non più, della sua contro​par​te​ maschi​le,​ Apatow​ sembra​ infi​ne​ trovar​si​ a proprio agio nell’u​ni​ver​so​ senza freni inibito​ri​ nè peli sulla lingua​ di Amy Town​send/Schumer,​ il cui perso​nag​gio​ a trecen​to​ses​san​ta​ gradi offre anche l’occasio​ne​ di un’incur​sio​ne​ in temi più inti​mi​sti​ (la perdi​ta​ di una perso​na​ cara, la paura delle rela​zio​ni​ impe​gna​te,​ il senso della fami​glia​ non tradi​ziona​le)​ oltre che nella riusci​ta​ sovver​sio​ne​ delle dina​mi​che​ stereo​ti​pa​te​ fra i sessi.

  

Rive​sti​ta​ dalla pati​na​ pop della colon​na​ sono​ra​ di richia​mo​ (Miley Cyrus subi​to​ in azione​ con la canzo​ne​-simbo​lo​ del film Do My Thang), degli scorci​ ormai noti della Grande​ Mela cine​ma​to​gra​fi​ca,​ e dei camei celebri​ ad hoc (il trio di croni​sti/con​su​len​ti​ psico​lo​gi​ci​ Marv Albert, Chris Evert, Matthew Broderick, ad esempio),​ la pelli​co​la​ nume​ro​ cinque​ di Apatow​ è – come d’altron​de​ sempre​ acca​de​ nel suo cine​ma​ – commer​cial​mente​ frivo​la​ e appe​ti​bi​le​ solo ad un primo sguardo,​ giacchè​ già al secon​do​ possi​bi​le​ nota​re​ l’inte​res​se​ per una rifles​sio​ne​ meta​lin​gui​sti​ca​ che più che alla forma filmi​ca​ si rivol​ge​ alle conven​zio​ni​ del gene​re​ cine​ma​to​gra​fi​co​.

Ridi​co​liz​za​to​ dal finto film in b/n con Daniel Radcliffe e MarisaTomei, The Dogwalker, il proto​ti​po​ della roman​ce​ holly​woo​dia​na​ standardiz​za​ta​ viene messo alla berli​na​ dalla premia​ta​ ditta Schumer​-Apatow ma scalfi​to​ soltan​to​ in parte. E mentre​ la voice over di Amy Schumer​ si augura​ che il classi​co​ montag​gio​ da love story con risvol​ti​ alle​nia​ni​ (e una coraggio​sa​ fella​tio​ inaspet​ta​ta)​ si trasfor​mi​ in un massa​cro​ suici​da​ alla Jone​stown​, vien infat​ti​ da chieder​si​ fino a che punto il film di Apatow​ riesca​ nell’in​ten​to​ di sfata​re​ i miti della soli​ta​ rom-com, quando​ l’happy​ ending​ vi si mani​fe​sta​ esatta​men​te​ come ci si aspette​reb​be​.

Insom​ma,​ se una criti​ca​ si può muove​re​ a Trainwreck gode​vo​lis​si​mo​ diver​si​vo​ estivo​ da un lato, rival​sa​ di un senso del cine​ma​ al femmi​ni​le​ dal-​ l’altro​ – è di non aver colto l’occa​sio​ne​ per scaccia​re​ del tutto (o quanto​me​-​ no inti​mo​ri​re)​ lo spettro​ marxi​sta​ che da tempo imme​mo​re​ si aggi​ra​ sul ci-​ nema​ holly​woo​dia​no:​ lo spettro​ del lieto fine roman​ti​co​ a tutti i costi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: