Uomini che odiano le donne

MV5BMTc2Mjc0MDg3MV5BMl5BanBnXkFtZTcwMjUzMDkxMw@@._V1_SY1000_SX675_AL_

Män som hatar kvinnor – Svezia/Danimarca/Germania/Norvegia  2009  – di Niels Arden Oplev

Crime/Drammatico/Mistery – 152′

Scritto da Dmitrij Palagi (fonte immagine: imdb.com)

Il ricco magnate dell’industria Henrik Vanger è ancora tormentato dalla scomparsa della nipote Harriet (avvenuta più di trenta anni prima). Ormai alla fine della sua vita decide di assumere il giornalista indipendente Mikael Blomkvist, appena condannato per diffamazione ai danni del potente finanziere Wennerström.

Mikael, in attesa di essere incarcerato, rinuncia a dimostrare la propria innocenza e si dedica con sempre più coinvolgimento al caso di Harriet, incrociando nelle indagini Lisbeth Salander, ragazza dal carattere difficile posta sotto tutela perchè ritenuta incapace di badare a sè stessa, ma anche dotata di numerosi qualità, soprattutto sul fronte dell’informatica.

Le ricerche prenderanno presto strade impreviste, andando a smuovere un passato torbido, scomodo anche per persone ancora in vita e intenzionate a non far emergere la veri.

Giudi​ca​re​ un film sepa​ran​do​lo​ dal libro da cui è tratto​ non sempre​ si dimo​stra possi​bi​le​. Soprat​tut​to​ quando​ il libro in questio​ne​ è un caso edito​ria​le​ che senza grossi​ preav​vi​si​ ha vendu​to​ diver​si​ milio​ni​ di copie nel mondo, nel giro di breve tempo.

Di certo si può evita​re​ lo scopri le differenze da Setti​ma​na​ Enigmi​sti​ca​ ma, visto che non si parla di ange​li​ inde​mo​nia​ti​ da fanto​ma​ti​che​ giocon​de​, resta l’inte​res​se​ verso un volu​me​ di quasi 700 pagi​ne,​ incen​tra​to​ sulla denuncia​ socia​le​ e su uno stile più freddo​-giorna​li​sti​co​ che caldo​-narra​ti​vo​.

La trama viene ridot​ta​ all’es​sen​zia​le,​ decli​nan​do​ le due ore e mezzo di proiezio​ne​ su un filo​ne​ unico, senza troppe​ sfaccet​ta​tu​re​. Trattan​do​si​ di un giallo,​ che nella versio​ne​ lette​ra​ria​ descri​ve​ in ogni mini​mo​ detta​glio​ anche il più secon​da​rio​ dei perso​nag​gi,​ ci si aspette​reb​be​ un’atten​zio​ne​ altret​tan​to cura​ta​ verso il profi​lo​ dei carat​te​ri​. Inve​ce​ ecco che si accet​ta​no​ (con scure da fale​gna​me)​ prota​go​ni​sti​ e compar​se,​ sempli​fi​can​do​ qualsiasi​ passaggio​ e renden​do​ insop​por​ta​bi​li​ deter​mi​na​te​ liber​tà​ inter​pre​ta​ti​ve,​ che mostra​no​ pale​se​men​te​ una scarsa​ passio​ne​ verso l’argo​men​to​.

Su tutti il giorna​li​sta​-copro​ta​go​ni​sta​ Mikael Blomkvist: fin dall’i​ni​zio​ appa​re​ come uomo privo di ogni control​lo​ sulla sua vita, travol​to​ prima da una condan​na​ giudi​zia​ria​ e poi da un osses​sio​ne​ inve​sti​ga​ti​va​ verso l’inca​rico​ affi​da​to​gli​ da un bona​rio​ milio​na​rio​. Di conse​guen​za​ il rappor​to​ con l’altra​ prota​go​ni​sta​ perde ogni sorta di auto​no​mia​ e diven​ta​ di tota​le​ subal​terni​tà​ a Lisbeth Salander.

Ci sono i buoni giugge​rel​lo​ni,​ i catti​vi​ senza pietà (quasi fumet​ti​sti​ci)​ e la bella danna​ta​ su cui tutti scommet​to​no​ per le vendi​te​. Anzi​ché​ costrui​re​ sul non detto si punta sulla sempli​fi​ca​zio​ne​ al limi​te​ del bana​le​. Anche a livello​ di scelte​ cine​ma​to​gra​fi​che​ non c’è mai nessu​na​ ricer​ca,​ a parte un tavoli​no​ inqua​dra​to​ nella parte fina​le​ con dubbia​ utili​tà​.

Rispec​chia​ i cano​ni​ di un riassun​to​ da classi​ medie. Con una colon​na​ sono​ra poco azzec​ca​ta​ si toglie​ ogni ango​lo​ buio, dando sempre​ ogni rispo​sta​. Non c’è niente​ da fare per lo spetta​to​re,​ nulla su cui ragio​na​re​. Una ricet​ta​ per un dolce da segui​re​ passo passo, priva di estro.

Il proble​ma​ non è tanto la mancan​za​ di deter​mi​na​ti​ passag​gi​ e neanche​ l’aver modi​fi​ca​to​ deter​mi​na​ti​ parti​co​la​ri​. Il punto è l’aver​ snatu​ra​to​ quasi tutti i perso​nag​gi​.

Senza tedia​re​ chi non ha letto il libro ci si può limi​ta​re​ all’e​sem​pio​ più superfi​cia​le;​ l’aspet​to​ fisi​co​ delle parti femmi​ni​li​. Al di là della più che dibat​tuta​ Noomi Rapace(se lei è il cano​ne​ del brutti​no​ tanti maschiet​ti​ hanno di che festeg​gia​re),​ vorrei​ trova​re​ una sola perso​na​ capa​ce​ di rico​no​sce​re​ nella diret​tri​ce​ di Millen​nium​ l’attraen​te​ donna dalla speri​co​la​ta​ vita sessuale,​ frequen​ta​tri​ce​ di loca​li​ estremi​ e “nota” bellez​za​ nordi​ca​.

Per fortu​na​ resta​no​ elemen​ti​ crucia​li​ di denun​cia​ contem​po​ra​nea​ (anche se non troppo​ appro​fon​di​ti​ e sempre​ sacri​fi​ca​ti);​ crisi del capi​ta​li​smo,​ razzi​smo e soprat​tut​to​ sessi​smo​. L’ipo​cri​sia​ su cui si fonda la socie​tà​ borghe​se,​ sempre​ più volga​re​ e violen​ta​ nel corso della storia,​ assie​me​ alla connes​sio​ne tra econo​mia​ lega​le​ ed ille​ga​le​ (che rende la mafia feno​me​no​ inter​na​zio​nale),​ passa da prota​go​ni​sta​ a corni​ce​ per la ricer​ca​ dell’as​sas​si​no​ della pupilla​ del magna​te​ Henrik Ranger.

Tutto questo​ rende più che acces​si​bi​le​ il film anche a chi non avesse​ mai sfoglia​to​ un capi​to​lo​ di Larsson​ ma c’era​no​ modi meno infe​li​ci​ per farlo.

Resta un’atmo​sfe​ra​ nordi​ca​ che diven​ta​ sempre​ più di moda, ma non per questo​ meno affa​sci​nan​te,​ e l’ori​gi​na​li​tà​ di una certo modo di fare gialli​. C’è da spera​re​ che cambi l’atteg​gia​men​to​. Il film è decol​la​to,​ nella produ​zione​ e nell’at​ten​zio​ne​ del regi​sta,​ soprat​tut​to​ come rispo​sta​ all’in​te​res​se​ statu​ni​ten​se​ sulla storia​. Eppu​re​ la super​fi​cia​li​tà​ dimo​stra​ta​ richia​ma​ la peggio​re​ scuola​ holly​woo​dia​na​ e il pubbli​co​ più entu​sia​sta​ sarà quello​ che non ha letto la trilo​gia​ Millen​nium​.

Il giudi​zio​ si fa duro solo per chi ha passa​to​ notti inson​ni​ a legge​re​ Män som hatar kvinnor, per gli altri è un giallo​ di due ore e mezzo che funzio​na​ a livel​lo​ di trama, senza stupi​re​ e neanche​ anno​ia​re,​ con una reci​ta​zio​ne​ piace​vo​le​.

Voto: 5

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: