Lilja 4-Ever

MV5BMTQ1ODM1Nzc1OF5BMl5BanBnXkFtZTcwMDI3MDg4NA@@._V1_SY1000_CR0,0,674,1000_AL_

Lilja 4-ever – Svezia/Danimarca 2002 – di Lukas Moodysson

Crime/Drammatico – 109′

Scritto da Francesco Carabelli (fonte immagine: imdb.com)

La giovane Lilja si trova, sola e abbandonata dalla madre, ad affrontare a 15 anni il mondo. Dovrà farcela con le proprie forze, ma l’ingenui e la fiducia nelle persone sbagliate le coste caro…

Lukas Moodysson ci raccon​ta​ una storia​ toccan​te:​ l’ado​le​scen​za​ di una giova​ne​ ragaz​za​ russa (Lilja), nel mondo dopo il crollo​ del muro di Berli​no​. Questa​ Russia​ ci colpi​sce​ per il degra​do​ e per l’abban​do​no,​ per quei quartieri​dove le perso​ne​ vivo​no​ in condi​zio​ni​ al limi​te​ della soprav​vi​ven​za​ e dove soprat​tut​to​ i rappor​ti​ umani sono segna​ti​ da ottan​ta​ anni di comu​ni​smo, che non ha fatto altro che colpi​re​ nel profon​do​ la fami​glia​ e le relazio​ni che danno vita ad essa. Lilja si vede sola di fronte​ al dramma​ di una madre, unico suo geni​to​re,​ che deci​de​ di parti​re​ con il fidan​za​to​ per l’Ame​rica,​ lascian​do​la​ in Russia​ alle cure poco amiche​vo​li​ della zia. Baste​reb​be​ questo​ a mette​re​ in crisi chiunque,​ ma la madre dopo ben poco rinun​cia​ pure alla patria​ pote​stà​. Cosa può fare Lilja per soprav​vi​ve​re?​ Ben presto​ inizia​ una vita equivo​ca,​ fatta di disco​te​ca​ e notti di sesso a paga​men​to:​ prosti​tuir​si​ come unico modo di soprav​vi​ven​za​ in un mondo che non la ama più e che la fa, anche per questa​ vita al limi​te​, ogget​to​ di scherno​. Solo l’ami​ci​zia​ con il picco​lo​ Volodya , anch’e​gli​ rinne​ga​to​ dai geni​to​ri,​ le permette​rà​ di affron​ta​re​ questo​ dramma​. In segui​to​ Lilja si inna​mo​ra​ di un giova​ne​ cari​no​ e dispo​ni​bi​le​ (Andrej) che vuole che la sua vita cambi e le propo​ne​ di trasfe​rir​si​ con lui in Svezia​. Può esse​re​ una svolta​ deci​si​va​ nella sua vita e così, visto che ha ben poco da perde​re​ in Russia​ deci​de​ di parti​re​ per l’este​ro,​ ma….il giorno​ della parten​za​ Andrej le dice che non può parti​re subito​ e che la raggiun​ge​rà​ tra pochi giorni;​ così Lilja parte da sola e scoprirà​ purtrop​po​ un mondo nel quale nessu​na​ pietà le viene usata, un mondo in cui diven​ta​ ogget​to​ delle fanta​sie​ eroti​che​ di attem​pa​ti​ signo​ri,​ e a diffe​ren​za​ di prima non ha neppu​re​ un tornacon​to​ mone​ta​rio,​ in quanto​ le sue presta​zio​ni​ fanno il bene mate​ria​le​ di altri, mentre​ lei si vede ridot​ta​ in schiavi​tù​. Il fina​le​ è ben amaro, ma rima​ne​ aperta​ la speran​za​ di una vita oltre la vita in cui Lilja potrà riscat​tar​si​ e vive​re​ a pieno la sua gioven​tù​ con i propri​ amici (il picco​lo​ Volodya, amico inse​pra​bi​le,​ in primis)​. Ciò che colpi​sce​ di questa​ pelli​co​la​ è il ritmo serra​to​ con il quale si susse​guo​no​ gli eventi,​ contras​se​gna​to​ musi​cal​men​te​ dall’u​so​ di musi​ca​ techno​. In alcu​ni frangen​ti,​ come la scena inizia​le​ (che sarà poi ripre​sa​ alla fine in quanto​ il raccon​to​ proce​de​ a ritro​so)​ sembra​ che il film assuma​ la dimen​sio​ne​ di un video​clip​. Tecni​ca​men​te​ da segna​la​re​ l’uso del ralen​ti​ per espande​re​ il tempo nei momen​ti​ salien​ti​ (si veda l’uso nella scena di addio alla madre o alla fine per rende​re​ la dimen​sio​ne​ altra del para​di​so​ in cui Lilja e Volodya gioca​no​ sereni)​. Bravo il cast dei giova​ni​ atto​ri ​per la veri​di​ci​tà​ delle inter​preta​zio​ni​ che rendo​no​ reali​sti​ca​ la pelli​co​la​. Il tema tratta​to​ è certa​men​te​ molto deli​ca​to:​ adole​scen​za​ viola​ta​ e commer​cio​ del sesso sono due mali che afflig​go​no​ la socie​tà​ odierna​ e di sicu​ro​ colpi​scono​ di più laddo​ve​ la povertà​ non solo mate​ria​le,​ ma anche spiri​tua​le,​ è più diffu​sa​. Moodys​son​ esprime​ così una denun​cia​ esplici​ta​ di queste​ piaghe​ e riesce​ anche a trat-​teggia​re​ con pudo​re​ la vita di chi soffre​ e la ricer​ca​ di un riscat​to​ che queste​ perso​ne​ chiedo​no​. Un film ben riusci​to​ (anche per la regia ben impo​sta​ta)​ e che ci farà riflet​te​re​ a lungo.

Voto: 8

 

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: