Melancholia

MV5BMTk4NjM0MjI3MV5BMl5BanBnXkFtZTcwNjcxMDYzNg@@._V1_SY1000_CR0,0,674,1000_AL_

Melancholia – Danimarca/Svezia/Germania/Francia 2011 – di Lars von Trier

Drammatico/Fantascienza – 135′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

La depressa Justine manda a monte il suo matrimonio a poche ore dall’inizio del ricevimento mentre la sorella Claire si lascia angosciare dal passaggio di un pianeta in rotta di collisione con la Terra. L’orbita di Melancholia non incontre soltanto quella terrestre ma anche quella delle due donne, condizionandone la (breve) esistenza.

Nel 2009 fu con lo scioccan​te​ Antichrist che Lars Von Trier – auto​re​ tra i più contro​ver​si​ del pano​ra​ma​ cine​ma​to​gra​fi​co​ contem​po​ra​neo​ – divi​se​ il pubbli​co​ di Cannes​ tra acca​ni​ti​ detrat​to​ri​ ed entu​sia​sti​ci​ culto​ri​ (spacca​tu​ra che inte​res​sa​ presso​ché​ inte​ra​men​te​ la sua carrie​ra)​. Oggi, a soli due anni di distan​za​ dalla pelli​co​la​ che valse a Charlotte Gainsbourg il premio per la miglior​ inter​pre​ta​zio​ne​ femmi​ni​le,​ le dichia​ra​zio​ni​ inutil​men​te​ provo​ca​to​rie​ rila​scia​te​ dal regi​sta​ dane​se​ in confe​ren​za​ stampa​ rischia​no​ di adombra​re​ la poten​za​ stregan​te​ della sua ulti​ma​ fati​ca:​ Melancholia, dramma​ fanta​scien​ti​fi​co​ e pre-apoca​lit​ti​co​ di un’uma​ni​tà​ proiet​ta​ta​ verso l’ine​vi​ta​bi​le​ distru​zio​ne​.

Atti​ran​do​ l’inte​res​se​ media​ti​co​ della stampa​ più o meno speci​li​sti​ca​ su presunte​ simpa​tie​ nazi​ste​ piutto​sto​ che sulla struggen​te​ bellez​za​ della sua pellico​la,​ Von Trier – che dopo quasi trent’an​ni​ di onora​ta​ frequen​ta​zio​ne​ non sarà più ospite​ gradi​to​ sulla Croiset​te​ – offre l’enne​si​ma​ confer​ma​ di una propen​sio​ne​ allo scanda​lo​ che se da un lato strizza​ l’occhio​ al botte​ghi​no,​ dall’al​tro​ impe​di​sce​ ai suoi lavo​ri​ di guada​gnar​si​ un’esi​sten​za​ ed un rico​no​scimen​to​ auto​no​mo,​ scorpo​ra​ti​ dalla fama ambi​gua​ e ambi​va​len​te​ del loro creato​re​.

Ormai lonta​no​ (ma non per questo​ dimen​ti​co)​ dai tempi di Dogma 95, Von Trier sconfes​sa​ i princi​pi​ del movi​men​to​ “puri​fi​ca​to​rio”​ fonda​to​ a Cope​na​ghen nel marzo del 1995 per dedi​car​si​ ad una ricer​ca​ esteti​ca​ di indi​scu​ti​bi​le pregio:​ una linea conti​nua​ti​va​ che recu​pe​ra​ molte delle scelte​ opera​te​ già con Antichrist. Dopo la paren​te​si​ comi​ca​ de Il grande capo – dove le risor​se rando​miz​za​te​ dell’automavision veni​va​no​ impie​ga​te​ con esiti stranian​ti​ e diver​ti​ti​ – il cinea​sta​ dane​se​ si volge ad una sorta di rinno​va​ta​ speri​men​-​ tazio​ne,​ uno stile cura​to,​ anali​ti​co​ e certa​men​te​ non casua​le​ nel quale l’ela​bora​zio​ne​ di conte​nu​ti​ perso​na​li,​ distur​ban​ti​ e, per alcu​ni,​ opina​bi​li​ non vieta tutta​via​ di legge​re​ l’esal​ta​zio​ne​ di un valo​re​ arti​sti​co​ indi​pen​den​te​ dalla natu​ra​ del suo auto​re​ (un discor​so​ appli​ca​bi​le,​ ad esempio,​ ai lavo​ri​ della Riefen​sthal)​.

Il lunghis​si​mo​ prolo​go​ in slow-motion, esalta​to​ dalla foto​gra​fia​ prezio​sa​ di Michael Alberto Caro, richia​ma​ imme​dia​ta​men​te​ alla memo​ria​ l’inci​pit​ di Antichrist ma la sua capa​ci​tà​ sedut​ti​va​ esula dallillu​stra​zio​ne​ di una carna​li​tà​ arti​sti​ca​men​te​ porno​gra​fi​ca​ per rife​rir​si​ inve​ce​ alla dimen​sio​ne​ del sogno o piutto​sto​ dell’in​cu​bo:​ una sequen​za​ di imma​gi​ni​ oniri​che​ e flashfor​ward,​ infram​mez​za​ti​ da epifa​nie​ apoca​lit​ti​che​ (affi​da​te,​ come in Antichrist, al mondo anima​le)​ e cita​zio​ni​ icono​gra​fi​che​ non meno rive​la​tri​ci​ (Justi​ne​ galleg​gia​ sull’ac​qua​ come l’Ofe​lia​ shake​spea​ria​na​ dipin​ta​ da Millais), scorre​ al ritmo lento e amma​lian​te​ del leit-motiv​ wagne​ria​no​ (il preludio​ al Tristano e Isotta, non meno effi​ca​ce​ di Händel), gene​ran​do​ un effetto​ ipno​ti​co​ d’impat​to​ analo​go​. 

Otto minu​ti​ sono suffi​cien​ti​ a Von Trier per dare prova di sé, conden​san​do​ in uno spazio​-tempo​ ristret​to​ eppu​re​ para​dos​sal​men​te​ dila​ta​to​ la disin​te​grazio​ne​ dell’u​ni​ver​so​ conosciu​to:​ il collas​so​ dell’e​si​sten​za​ filtra​to​ attra​ver​so gli occhi spenti​ e il grido muto di due donne rima​ste​ sole alla fine del mondo. Melancholia proce​de​ allo​ra​ – come il piane​ta​ fitti​zio​ da cui prende​ il tito​lo​ – a rive​la​re​ il senso di tali anti​ci​pa​zio​ni,​ avvi​ci​nan​do​si​ gradual​men​te ma con incom​ben​za​ pressan​te​ al momen​to​ della veri​tà​. Attra​ver​so​ una struttu​ra​ sdoppia​ta,​ che segue in due capi​to​li​ divi​si​ le sorti prima di Justi​ne e poi di Claire,​ la sceneg​gia​tu​ra​ di Von Trier si serve dell’in​di​vi​duo​ per raccon​ta​re​ l’uni​ver​sa​le,​ tradu​cen​do​ in scrittu​ra​ ciò che Kubrick​ era soli​to​ fare con la carrel​la​ta:​ un allar​ga​men​to​ di campo e di prospet​ti​va​ che nelle inten​zio​ni​ regi​sti​che​ del film-maker​ dane​se​ trova inve​ce​ diver​sa​ realiz​zazione​.

La predi​le​zio​ne​ insi​sti​ta​ per la came​ra​ a mano (e il senso di preca​rie​tà​ ad esso asso​cia​ta)​ riman​da​ in qualche​ modo al reali​smo​ anti​-tecno​lo​gi​co​ di Dogma ma col risul​ta​to​ (in princi​pio​ tena​ce​men​te​ rifiu​ta​to)​ di mette​re​ in risal​to​ l’indi​vi​dua​li​tà,​ la respon​sa​bi​li​tà​ e il senso di presen​za​ auto​ria​le​ dietro l’obiet​ti​vo​. Un obietti​vo​ che si incol​la​ al perso​nag​gio​ senza fornir​gli​ tregua ma che al soffo​ca​men​to​ del primo piano alter​na​ il respi​ro​ vasto e inquietan​te​ del campo lungo e della plongée, trasfe​ren​do​ l’ani​ma​ anfi​bia​ del film – giocato​ appun​to​ sul conti​nuo​ rimbal​zo​ dal parti​co​la​re​ al gene​ra​le​ – in un discor​so​ regi​stico​ estrema​men​te​ struttu​ra​to​.

Il bipo​la​ri​smo,​ psico​lo​gi​co​ e concet​tua​le,​ si affer​ma​ quale cifra fondan​te​ del lavo​ro​ di Von Trier, inten​zio​na​to​ ad esplora​re​ nuova​men​te​ le deri​ve​ di una depres​sio​ne​ che lo coinvol​ge​ in prima perso​na​. A Kirsten Dunst -giusta​men​te​ premia​ta​ a Cannes,​ come la Gainsbourg​ prima di lei – il regi​sta​ affi​da​ allo​ra​ un ruolo ostico​ e quasi cama​leon​ti​co​ (da sposa raggian​te​ a relitto​ umano il passo è brevis​si​mo),​ che riman​da​ in fondo alla comples​si​tà​ di un cine​ma​ nel quale l’atten​zio​ne​ al femmi​ni​le​ si accom​pa​gna​ alla fati​ca​ fisi​ca​ ed emoti​va​ di rappre​sen​tar​lo​.

Spesso​ taccia​to​ di discu​ti​bi​le​ miso​gi​nia,​ Von Trier si adden​tra​ nella perso​nali​tà​ enigma​tica​ e ambi​va​len​te​ della Donna – di cui ritrae​ il lato umano come quello​ diabo​li​co​ (o, nel caso di Justi​ne,​ pato​lo​gi​ca​men​te​ schizo​fre​ni​co) – lascian​do​le​ l’ingra​to​ ma neces​sa​rio​ compi​to​ di consta​ta​re​ la corru​zio​ne del mondo (racchiu​sa​ nel luci​do​ dialo​go​ tra le due sorel​le)​ e assi​ster​vi​ impo​ten​te,​ mentre​ l’Uomo​ – pavi​do,​ sfuggen​te,​ inuti​le​ (i perso​nag​gi​ inter​preta​ti​ da Alexander Skarsgård e Kiefer Sutherland subi​sco​no​ tutto il disprez​zo​ del regi​sta)​ – si defi​la​ con egoismo,​ senza offrir​le​ alcu​na​ dife​sa​.

La fine annun​cia​ta​ non è per questo​ meno sconvol​gen​te:​ nell’az​ze​ra​men​to​ di ogni forma di vita essa non cancel​la​ però l’inten​si​tà​ del terro​re​ (splendi​damen​te​ insce​na​to​ dalla Gainsbourg​ negli istanti​ fina​li​ del film) e del disa​gio che Von Trier è in grado di inca​na​lare​ nella sua opera, un’ener​gia​ silen​ziosa​ che gene​ra​ sgomen​to​ ma anche sollie​vo,​ poichè​ da essa si sprigio​na​ l’esi​to​ libe​ra​to​rio​ di una follia​ comun​que​ desti​na​ta​ ad autoannien​tar​si​. Il grande​ scalpo​re​ inter​na​zio​na​le​ gene​ra​to​ dalla gaffe del regi​sta​ è allora​ ben poca cosa di fronte​ alla matu​ri​tà​ del suo lavo​ro,​ elogio​ di una malin​co​nia​ che anni​chi​li​sce​ e conqui​sta​ e che non potreb​be​ trova​re​ forma più eleva​ta​ entro cui trasfi​gu​rar​si​.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: