I ragazzi stanno bene

MV5BMjE4NTMwNDg5MF5BMl5BanBnXkFtZTcwNDY2ODE0Mw@@._V1_SY1000_CR0,0,674,1000_AL_

The Kids Are All Right – Stati Uniti/Francia 2010 – di Lisa Cholodenko

Commedia/Drammatico/Romantico – 106′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imd.com)

Nic e Jules stanno insieme da vent’anni, hanno due figli, concepiti grazie all’inseminazione artificiale, e conducono la normale routine di una normale famiglia. La comparsa del padre biologico di Joni e Laser mette a dura prova la loro relazione.

Presen​ta​to​ con succes​so​ al Sundance Film Festival 2010 e al Festival di Roma, vinci​to​re​ del Teddy Award alla 60esi​ma​ Berlinale (tito​lo​ conqui​sta​to quest’an​no​ da Ausente di Marco Berger)​ e più recen​te​men​te​ candi​da​to​ a quattro​ Golden Globe (di cui due vinti) e quattro​ premi Oscar, The Kids Are All Right di Lisa Cholodenko si inter​ro​ga​ con intel​li​gen​za​ su uno spino​so​ dilem​ma​ etico​-cultu​ra​le:​ posso​no​ due geni​to​ri​ gay cresce​re​ dei figli? Pare proprio​ di sì se i ragaz​zi​ stanno​ bene (e il figlio​ del vici​no​ – eteroses​sua​le​ – inve​ce,​ è un avanzo​ di gale​ra)​. Poco impor​ta​ che questo​ acca​da nella Cali​for​nia​ ultra​-libe​ral​ del compo​stag​gio​ e dello stile di vita sano, dove ogni ipocri​sia​ (o quasi) è bandi​ta​ dalla cultura​ del “what you see is what you get” (WYSIW​YG​ è, non a caso, il nome del risto​ran​te​ di Paul/Mark Ruffa​lo)​.

La Cholo​den​ko​ e Stuart Blumberg – auto​ri​ di una sceneg​gia​tu​ra​ inci​pi​taria​men​te​ brillan​te​ ma che sul fina​le​ perde il proprio​ morden​te​ – raccon​tano​ la norma​li​tà​ non priva di compli​ca​zio​ni​ di una “fami​glia​ anti​con​ven​ziona​le”,​ allo stesso​ modo della regi​sta​-autri​ce​ svede​se​ Ella Lemhagen nella bella comme​dia​ del 2008 Patrik 1,5 (che le care demo​cra​zie​ nordi​che fosse​ro​ avanti​ anni luce, però, non è certo un miste​ro)​. Senza soffer​marsi​ ecces​si​va​men​te​ sulla sessua​li​tà​ delle sue prota​go​ni​ste​ (colte in alcu​ni​ momen​ti​ di goffa ed esila​ran​te​ passio​ne)​ I Ragazzi Stanno Bene mira piutto​sto​ a (di)mostra​re​ che una fami​glia​ è tale a prescin​de​re​ dalla “quali​tà” dei suoi compo​nen​ti​ e che il matri​mo​nio​ è diffi​ci​le​ per tutti (come ben sinte​tiz​za​to​ dal mono​lo​go​ della Moore), raccon​tan​do​ entrambi​ i lati della meda​glia​ (filtra​ti​ attra​ver​so​ l’espe​rien​za​ perso​na​le​ della regi​sta)​ senza auto-indul​gen​za​ né tanto​me​no​ ecces​si​vo​ criti​ci​smo​.

Quella​ tra Nic e Jules non è una rela​zio​ne​ perfet​ta:​ è l’unio​ne​ tra due persone​ che si amano profon​da​men​te​ nono​stan​te​ i difet​ti​ (l’ecces​si​va​ rigi​di​tà​ dell’u​na,​ la menta​li​tà​ “new-age” dell’al​tra)​ e che insie​me​ hanno costrui​to​ una vita, un nucleo​ fami​lia​re​ fonda​to​ sul gioco di squadra,​ il rispet​to​ e la reci​pro​ca,​ tota​le​ since​ri​tà​. Perso​ne​ che, come tutte le altre, posso​no​ commette​re​ erro​ri​ e, con essi, influen​za​re​ le scelte​ dei propri​ figli, cresciuti​ all’inse​gna​ dell’a​per​tu​ra​ menta​le​ e della moder​ni​tà​. Esse​re​ geni​to​ri​ è il me-​ stiere​ più diffi​ci​le​ del mondo, sembra​ voler​ci​ dire la Cholo​den​ko,​ e manda​re avanti​ una fami​glia​ non è meno compli​ca​to,​ soprat​tut​to​ quando​ un elemento​ estraneo​ inter​vie​ne​ a turba​re​ un equili​brio​ appa​ren​te​men​te​ incrol​labi​le​.

A diffe​ren​za​ di due casi cult del cine​ma​ indie statu​ni​ten​se​ come Little Miss Sunshine e Juno, I Ragaz​zi​ Stanno​ Bene manca di quel pizzi​co​ di cini​smo​ poli​ti​ca​men​te​ scorret​to​ che sceglie​ di manda​re​ un sono​ro​ “vaffa” alla mora​le​ comu​ne​ (meglio​ anco​ra​ se incar​na​ta​ dal “fami​ly​-day pensie​ro”), presen​tan​do​ con nuda ironia​ il vero ritrat​to​ della fami​glia​ contem​po​ranea:​ imper​fet​ta,​ casi​ni​sta,​ allar​ga​ta,​ meglio​ anco​ra​ se un po’ disfun​zio​na​le. Eppu​re,​ nella sua “corret​tez​za”,​ il film della Cholo​den​ko​ abban​do​na​ il filone​ buoni​sta​ dell’”aggiun​gi​ un posto a tavo​la”,​ affi​dan​do​ a Mark Ruffalo (da apprez​za​re​ in origi​na​le​ per lo strepi​to​so​ lavo​ro​ compiu​to​ sulla voce) il ruolo, tutt’al​tro​ che empa​ti​co,​ di un playboy​ dallo stile di vita un po’ troppo​ alter​na​ti​vo​ che si ritro​va​ padre biolo​gi​co​ per caso e, fino alla fine, non saprà stare al proprio​ posto.

L’alle​gra​ e atipi​ca​ tavo​la​ta​ della fami​glia​ “due mamme e un papà” piace​rebbe​ sicu​ra​men​te​ ad Ozpetek, piace inve​ce​ un po’ meno alla Cholo​den​ko​ (o, meglio,​ alla Bening),​ che del maschio​ guasta​fe​ste​ può tranquil​la​men​te​ fare a meno. Il bel quadret​to​ con sotto​fon​do​ (diege​ti​co)​ di Joni Mitchell​ non regge, l’(eccen​tri​co)​ adulte​rio​ non si trasfor​ma​ in nulla di serio (perché​ la sessua​li​tà​ è multi​for​me,​ non stupi​da)​ e l’imbu​ca​to​ prepo​ten​te​ viene estromes​so​ dalla fami​glia​. Che se ne faccia​ una per conto suo!

Se un mate​ma​ti​co​ doves​se​ elabo​ra​re​ l’equa​zio​ne​ del succes​so​ dei film indi​penden​ti​ parto​ri​ti​ dal Sundan​ce​ dovreb​be​ parti​re​ proprio​ da qui, dalla loro capa​ci​tà​ di infran​ge​re​ gli schemi​ preco​sti​tui​ti,​ triti e ritri​ti​ del cine​ma​ america​no​ mainstream,​ che con la sua preve​di​bi​le​ e stancan​te​ routi​ne​ sembra​ proprio​ lo specchio​ di un matri​mo​nio​ in piena crisi, ma senz’om​bra​ di migliora​men​to​ per il suo pruri​to​ del sett(antes)imo anno.

Proba​bil​men​te​ soprav​va​lu​ta​to​ rispet​to​ ad altre pelli​co​le​ in tema (le cine​mato​gra​fie​ extra​-statu​ni​ten​si,​ peggio​ anco​ra​ se gay themed, non godo​no​ d’altron​de​ di parti​co​la​re​ riso​nan​za​ inter​na​zio​na​le),​ I Ragazzi Stanno Bene offre però un buon punto di vista sull’ar​go​men​to​ ed una voce che vale la pena ascolta​re​.

Realiz​za​to​ con un budget,​ per così dire, mini​ma​le​ (il bino​mio​ cine​ma​ indie​- pochi​ soldi sembra​ esser​si​ ormai triste​men​te​ conso​li​da​to​ come legge non scritta)​ non lesi​na​ però sul cast: la divi​na​ Annette Bening, sconfit​ta​ nella corsa all’O​scar​ dall’im​bat​ti​bi​le​ Natalie Portman, fa della nevro​si​ il suo caval​lo​ di batta​glia,​ inter​pre​tan​do​ meglio​ di chiunque​ altro donne a un passo dall’i​ste​ria​. Suoi alcu​ni​ dei momen​ti​ più memo​ra​bi​li​ della pelli​co​la​ (la tira​ta​ contro​ il cali​for​nian​ life​-style​ è ecce​zio​na​le)​. Al suo fianco​ non sfigura​ Julianne Moore, che si diver​te​ a vesti​re​ i panni di una butch sui generis​ (nono​stan​te​ la coppia​ sia etero​ge​nea​men​te​ assor​ti​ta)​ rive​lan​do​ un’attitu​di​ne​ sorpren​den​te​men​te​ mascoli​na​ in scene (etero)sessua​li​ ad alta cari​ca comi​ca​ e confer​man​do​ (non ce n’era comun​que​ biso​gno)​ di saper inter​preta​re​ qualun​que​ ruolo. Otti​mi​ anche la burto​nia​na​ Mia Wasikowska​ (Alice In Wonderland) e Josh Hutcherson de Un Ponte per Terabithia nel ruolo dei due figli.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: