Il più grande sogno

MV5BZDg5MzE0YjItOWM5Ny00YTFhLWFhZTgtZmQyMGU5NTI3NjFjL2ltYWdlL2ltYWdlXkEyXkFqcGdeQXVyMjQ3NzUxOTM@._V1_SY1000_CR0,0,706,1000_AL_

Il più grande sogno – Italia 2016 – di Michele Vannucci

Commedia/Drammatico – 97′

Scritto da Maria Vittoria Guaraldi (fonte immagine: imdb.com)

Il più grande sogno è un film di Michele Vannucci del 2016, presentato al Festival di Venezia nella sezione orizzonti. Ha ottenuto la candidatura ai David di Donatello per il miglior regista esordiente, al premio orizzonti per la miglior interpretazione maschile e miglior interpretazione femminile. È stato premiato con il nastro d’argento per il miglior attore non protagonista e con il David 3 Future Award. È la storia di Mirko Frezza che, uscito dal carcere, decide di aiutare le persone del suo quartiere. 

Mirko Frezza, dopo aver scontato diversi anni in galera, decide di recuperare i rapporti con la moglie Milena e le figlie Kristel e Michelle. In più,dato che viene eletto presidente del quartiere, si assume il compito di migliorare la vita alle numerose famiglie che ci vivono. 

Il film racconta il ritorno di un uomo alla vita normale nei quartieri di periferia di Roma dove dominano palazzoni e discariche. La desolazione, la povertà e il degrado circondano le vite dei personaggi. La vicenda si concentra molto su questi luoghi che erano cari a Pasolini – soprattutto nel film Accattone – e li alterna con piani più ravvicinati per sviluppare i rapporti personali di Mirko. Quello che forse disturba sono le numerose inquadrature buie che fanno smarrire il luogo dell’azione e il focus sui personaggi inquadrati. 

Mirko è il narratore della vicenda, che risente anche delle atmosfere di Non essere cattivo e Anime nere ma senza quella componente criminale. Mirko è piuttosto irascibile ma anche affettuoso con la famiglia e con l’amico Boccione, interpretato da Alessandro Borghi. Il regista riesce a pennellare anche gli altri personaggi come Paola (Ivana Lotito), Milena (Milena Mancini) e il padre di Mirko, Pierino (Vittorio Viviani). 

La pellicola risulta efficace perché, senza essere patetica, né troppo cruda, riesce a delineare con lucidità una realtà che esiste veramente e lo sforzo di una persona che vuole veramente cambiare non solo se stesso ma anche le vite degli altri. 

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: