Laurence Anyways

MV5BMjAyNjQzODUyMV5BMl5BanBnXkFtZTcwNTExOTIxOQ@@._V1_SY1000_CR0,0,674,1000_AL_

Laurence Anyways – Canada/Francia 2012 – di Xavier Dolan

Drammatico/Romantico – 168′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Montréal, 1989. L’insegnante e aspirante scrittore trentacinquenne Laurence Alia (Melvil Poupaud) confessa alla compagna Fred (Suzanne Clément) il desiderio, a lungo negato, di diventare donna. L’amore tra i due sarà messo a dura prova.

Per l’enfant prodige (e terrible) del cine​ma​ franco​-cana​de​se​ Xavier​ Dolan, classe​ 1989, la Croiset​te​ è prati​ca​men​te​ una secon​da​ casa. Scoper​to qui, nel 2009, con l’ecce​zio​na​le​ lungo​me​trag​gio​ d’esor​dio​ J’ai tué ma mère, e sele​zio​na​to​ per Un Certain Regard l’anno​ seguen​te​ con Les Amours Imaginaires, Dolan torna a calca​re​ il red carpet​ di Cannes​ con la sua opera più comples​sa​ e matu​ra,​ Laurence Anyways inten​sa​ storia​ d’amo​re​ lunga dieci anni e ostaco​la​ta​ (forse) dalle ragio​ni​ del gene​re​ più che del sesso – giusta​men​te​ insi​gni​ta​ con la Queer Palm 2012.  

Il cinea​sta​ di Montréal,​ da sempre​ dichia​ra​ta​men​te​ omoses​sua​le,​ abban​do​na gli slanci​ auto​bio​gra​fi​ci​ che ne aveva​no​ carat​te​riz​za​to​ gli esordi​ (pur traendo​ ispira​zio​ne​ da una storia​ vera), ma non smette​ di inda​ga​re​ le questioni​ del corpo e della sessua​li​tà​ “non orto​dos​sa”​ in una socie​tà​ che prima accet​ta,​ poi margi​na​liz​za​ – bollan​do​ la transes​sua​li​tà​ come “malat​tia​ mentale”​ – e scari​ca​ le colpe sui cugi​ni​ psichia​tri​ ameri​ca​ni,​ inde​ci​sa​ se prende​re o meno una posi​zio​ne,​ figu​rar​si​ una respon​sa​bi​li​tà​.

A diffe​ren​za​ di colle​ghi​ e conter​ra​nei​ più “anzia​ni”​ (Denys Arcand in testa), di cui pure condi​vi​de​ il cini​smo,​ Dolan sfata il mito del Cana​da​ “nazione​ nuova” e per questo​ incli​ne​ ad acco​glie​re​ senza remo​re​ la diffe​ren​za​ (o meglio,​ la spéciali) del prossi​mo,​ inqua​dran​do​ne​ le diffi​col​tà​ di reazio​ne e le meschi​ne​rie​ che metto​no​ alla berli​na​ il diver​so,​ secon​do​ la logi​ca​ dell'”Ecce Homo”: «Socie​ty​ may not be ready for this. And neither​ are their fami​lies​ or friends. They witness​ discom​fort​ and awk​ward​ness​ where​ver​ they go.»

In una sequen​za​ d’aper​tu​ra​ di straordi​na​ria​ effi​ca​cia​ – come d’altron​de​ è tutto il suo cine​ma,​ orche​stra​to​ con sconcer​tan​te​ maestria​ – gli sguardi​ muti della gente pesa​no​ come maci​gni,​ in un silen​zio​ gravi​do​ di giudi​zi​. La rivo​lu​zio​ne​ incal​zan​te​ del nuovo millen​nio​ non sembra​ sfiora​re​ né intac​ca​re i volti “provin​cia​li”​ di chi scruta,​ analiz​za​ e lancia​ il proprio​ anate​ma​ silenzio​so​ contro​ la figu​ra​ che si muove fiera tra i vapo​ri​ della strada​. Eppu​re​ il 1999, il mondo dovreb​be​ esse​re​ libe​ro,​ la gene​ra​zio​ne​ pronta​ e la linea di demar​ca​zio​ne​ socia​le​ tra “norme” e “marginali” così labi​le​ da poter esse​re​ facil​men​te​ oltre​pas​sa​ta​.

Dolan ricrea​ un decen​nio​ di storia​ che gli appar​tie​ne​ soltan​to​ di striscio​ ma che perce​pi​sce​ come unico setting​ possi​bi​le​ per il suo terzo lungo​me​traggio:«I​ feel the 1990s was the ideal birthing​ ground for a film about sex, in this era preju​di​ce​ regar​ding​ homo​se​xua​li​ty​ was easing​ and panic was giving way to under​stan​ding​ regar​ding​ the AIDS crisis​. A shocked​ world was being offe​red​ freedom​.» La sua non è una scelta​ casua​le​ nemme​no​ a livel​lo​ emoti​vo:​ nasci​ta​ e infan​zia,​ consu​ma​te​ nel lasso di tempo che dal 1989 giunge​ alla fine del XX seco​lo,​ coinci​do​no​ infat​ti​ con la ri-nasci​ta​ di Laurence,​ che emerge​ lenta​men​te​ dalle acque del soffo​ca​men​to​ sessua​le​ per otte​ne​re,​ lungo due lustri,​ la tanto agogna​ta​ meta​mor​fo​si​.

A proprio​ agio nel terri​to​rio​ del queer sia nei conte​nu​ti​ che nello stile, Dolan osa più del soli​to,​ cimen​tan​do​si​ con la mate​ria​ eterogenea e sfaccet​ta​ta​ dell’ap​par​te​nen​za​ di gene​re​ e di un orienta​men​to​ sessua​le​ che si sottrae​ alle logi​che​ del pensie​ro​ comu​ne​. Laurence Alia non è un “uomo che ama gli uomi​ni”​ ma un uomo che non sente di appar​te​ne​re​ al proprio​ corpo né alla propria​ realtà​ e che per anni ha vissu​to​ in stand-by: come in Romeos di Sabine Bernardi, ma con in più le compli​ca​zio​ni​ di un’esi​stenza​ adulta​ e già “forma​ta”,​ la scelta​ di cambia​re​ sesso non impli​ca​ però il cambia​men​to​ delle sue prefe​ren​ze​ sessua​li​.

Quella​ di Laurence non è una “trasfor​ma​zio​ne​ in unicor​no”,​ un proces​so​ magi​co​ e indo​lo​re,​ per quanto​ il montag​gio​ volu​ta​men​te​ ellit​ti​co​ (anche e soprat​tut​to​ per ragio​ni​ di tempo) ne renda conto solo margi​nal​men​te​. E’ piutto​sto​ la meta​fo​ra​ della farfal​la​ (M. Butterfly?) a dar ragio​ne​ della sofferen​za​ fisi​ca​ prova​ta​ da Laurence, poiché​ del dolo​re​ emoti​vo​ e psico​lo​gi​co​ speri​men​ta​to​ da entram​bi​ i prota​go​ni​sti​ la pelli​co​la​ di Dolan – grazie​ anche alla strepi​to​sa​ perfor​man​ce​ di Suzanne Clément – offre già un saggio​ straordi​na​ria​men​te​ poten​te​. La scelta​ “di ripie​go”​ di Melvil Poupaud per il ruolo di Laurence, inizial​men​te​ affi​da​to​ a Louis Garrel, si rive​la​ allo​ra​ deter​mi​nan​te:​ atto​re​-fetic​cio​ di Ozon, e dunque​ volto noto agli appas​sio​na​ti​ di cine​ma​ queer, Poupaud mette la masco​li​ni​tà​ diffi​cil​mente​ occul​ta​bi​le​ del proprio​ corpo al servi​zio​ di un film che, pur nei suoi (magni​fi​ci)​ ecces​si​ visi​vi,​ aspira​ ad esse​re​ reali​sti​co​.

Come Laurence Alia, anche Xavier Dolan compie​ dunque​ la sua trasfor​mazio​ne,​ la sua transizione​ verso la matu​ri​tà​. Se in J’ai tué ma mère aveva raccon​ta​to​ le diffi​col​tà​ di un adole​scen​te​ gay alle prese con una madre ingom​bran​te​ in un ambien​te​ ostile,​ e in Les Amours Imaginaires le conse​guen​ze​ leta​li​ che un triango​lo​ senti​men​ta​le​ non consu​ma​to​ può avere sull’a​mi​ci​zia​ tra uomo (gay) e donna (etero), in Laurence Anyways, Dolan non aspira​ più ad esprime​re​ una rabbia​ indi​vi​dua​le,​ né a collocar​si​ davan​ti​ alla macchi​na​ da presa (se non in un brevis​si​mo​ cameo): per lui “non c’è ruolo da rico​pri​re”​ se non quello​ di scritto​re​ e cinea​sta​. Il gap gene​ra​zio​na​le​ tra gli esordi​ ed oggi, inesi​sten​te​ a livel​lo​ anagra​fi​co,​ si perce​pi​sce​ allo​ra​ nella quali​tà​ di una regia che non perde la sua unici​tà​ né la sua estrema​ consa​pe​vo​lez​za,​ ma che si fa anco​ra​ più soli​da​ e sicu​ra​ di sé, defi​nen​do​ una volta di più lo statu​to​ auto​ria​le​ del cine​ma​ di Dolan

L’impie​go​ insi​sti​to​ del video come veico​lo​ di auto​-confes​sio​ne​ (elemen​to​ ricor​ren​te​ nella cine​ma​to​gra​fia​ cana​de​se​ à la Egoyan) si era dimo​stra​to​ deci​si​vo​ in J’ai tué ma mère per fare da filtro​ alle rifles​sio​ni​ dello stesso​ Dolan. In Laurence Anyways il raddop​pia​men​to​ meta​fil​mi​co​ lascia​ invece​ il posto ad una voce narran​te​ frammen​ta​ta,​ brandel​li​ di inter​vi​sta​ che aprono​ e chiudo​no​ il film, rifiu​tan​do​ rispo​ste​ faci​li​ e utili solo a soddi​sfa​re​ i pruri​ti​ del letto​re​ super​fi​cia​le,​ per anda​re​ inve​ce​ a fondo di un senti​men​to​ lace​ran​te:​ “un amore ‘sicu​ro’​ ma non idiota”​ che vince la prova del tempo ma non quella​ dell’ac​cet​ta​zio​ne​ (di sé e dell’al​tro),​ perché​ ad impor​ta​re​ sarà anche la perso​na​ e non il suo gene​re​ ma non tutti sono dispo​sti​ ad convi​ver​ci​.

Il tempo del film, dila​ta​to​ fino a sfiora​re​ le tre ore, è forse l’uni​co​ segno tangi​bi​le​ di un cambia​men​to,​ ma lo stile di sempre​ resta immu​ta​to​. Perso​nale​ e imme​dia​ta​men​te​ rico​no​sci​bi​le,​ la regia di Dolan non rinun​cia​ alle prati​che​ che l’hanno​ resa tale: l’uso dadai​sta​ di dida​sca​lie​ e sovrim​pres​sio​ni; il ralen​ti​ che trasfor​ma​ la tempo​ra​li​tà​ in un concet​to​ fluido​ e sfuggen​te;​ la predi​le​zio​ne​ per il primo piano balaz​sia​no​ che estrae il volto dal tempo e dallo spazio,​ renden​do​lo​ imma​gi​ne​-affe​zio​ne,​ pura emozio​ne;​ la rego​la​zio​ne della messa a fuoco per ragio​ni​ di occul​ta​men​to​ e svela​men​to​. Più “adulto”​ nei conte​nu​ti​ e negli inten​ti,​ Dolan prose​gue​ nella costru​zio​ne​ del testo filmi​co​ come un’ope​ra​ d’arte​ polie​dri​ca,​ in cui allo studio​ di un impian​to​ croma​ti​co​ ecces​si​vo​ – fonda​to​ sui toni freddi​ e ipersa​tu​ri​ della fotogra​fia​ di Yves Bélanger e dei costu​mi​ sceno​gra​fi​ci​ di Sophie Beasse – si accom​pa​gna​ un talen​to​ unico nell’im​pie​ga​re​ brani ecletti​ci​ (la sound-​ track spazia​ dalla classi​ca​ all’e​let​tro​-pop anni ’90) per esalta​re​ l’imma​gi​ne​ e, con essa, una figu​ra​ “femmi​ni​le”​ predo​mi​nan​te​.

La catti​ve​ria​ degli inizi si stempe​ra​ diven​tan​do​ sensi​bi​li​tà​ asso​lu​ta,​ e laddove​ poco spazio​ per l’empa​tia​ veni​va​ conces​so​ allo spetta​to​re​ di J’ai tué ma mère e Les Amours Imaginaires, l’iden​ti​fi​ca​zio​ne​ con Fred e Laurence diven​ta​ inve​ce​ presso​ché​ tota​le​. Senza più filtri​ di sorta, ogni emozione​ viene ampli​fi​ca​ta​ fino al paros​si​smo:​ la colle​ra​ in uno squalli​do​ risto​ranti​no​ per fami​glie,​ un cuore che si spezza​ in un turbi​nio​ di foglie​ e quello​ sguardo​ distol​to​ che ci evita deli​be​ra​ta​men​te​ ma che è vita​le​ come l’aria​ nei nostri​ polmo​ni​. La “rivo​lu​zio​ne”​ di Xavier Dolan prose​gue​ il suo corso, indif​fe​ren​te​ alle criti​che,​ e nella a sua freddez​za​ di toni, talvol​ta​ letta come presun​zio​ne​ o manie​ri​smo,​ matu​ra​ un’epi​ca​ del corpo, del sesso e dell’a​more​ tutt’al​tro​ che virtuo​si​sti​ca:​ l’inte​ro​ spettro​ del senti​re​ si apre allo sguardo​ e un’emo​zio​ne​ crescen​te​ ci acco​glie​ e coinvol​ge,​ lascian​do​ infi​ne​ il segno.

Voto: 9

  

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: