One Day

MV5BMTQ3NTg2MDI3NF5BMl5BanBnXkFtZTcwMjc5MTA1NA@@._V1_SY1000_CR0,0,676,1000_AL_

One Day – Stati Uniti/Regno Unito 2011 – di Lone Scherfig

Drammatico/Romantico – 107′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: IMDb.com)

Il 15 luglio 1988, giorno della loro laurea, Dexter Mayhew (Jim Sturgess)​ ed Emma Morley (Anne Hathaway) trascorrono insieme una notte “bianca” che sigle un’amicizia e poi un amore lungo quindici anni, scandito dalla ricorrenza di San Swithin.

Il bell’a​dat​ta​men​to​ del roman​zo​ omoni​mo​ di Nick Hornby,​ An Educa​tion,​ candi​da​to​ nel 2009 a un Golden​ Globe e tre premi Oscar (compli​ce​ anche la splendi​da​ inter​pre​ta​zio​ne​ di Carey Mulligan), aveva permes​so​ alla danese​ Lone Scherfig, esordien​te​ in “terra stranie​ra”,​ di cattu​ra​re​ l’inte​res​se inter​na​zio​na​le,​ diven​tan​do​ il banco di prova di un talen​to​ emergen​te​ già consa​pe​vo​le​ di sé ma anco​ra​ da conso​li​da​re​ piena​men​te​.

L’occa​sio​ne​ per farlo arri​va​ due anni dopo, quando​ alla Scherfig viene affida​ta​ la traspo​si​zio​ne​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ del best​-seller​ inter​na​zio​na​le di David Nicholls,​ One Day – storia​ d’amo​re​ lunga tre lustri​ e raccon​ta​ta​ attra​ver​so​ le vite, distin​te​ ma desti​na​te​ a riunir​si,​ di due giova​ni​ alla ricer​ca della propria​ realiz​za​zio​ne​ nella Londra​ degli anni ’90 e duemi​la​.

La scelta​ della Scherfig, ben lonta​na​ dall’es​se​re​ casua​le,​ sotto​li​nea​ piutto​sto una strate​gia​ di repli​ca​zio​ne​ del succes​so​ otte​nu​to​ con An Educa​tion​. Roman​zo​ di forma​zio​ne​ (amoro​sa)​ in salsa british​ (con retro​gu​sto​ agrodol​ce), firma​to​ da un giova​ne​ auto​re​ lette​ra​rio​ con vellei​tà​ cine​ma​to​gra​fi​che​ (suo anche lo script del film), One Day non sembra​ infat​ti​ disco​star​si​ – nelle sue linee gene​ra​li,​ ma non certo nello stile – dall’o​pe​ra​ di Hornby,​ spacca​to​ di un’Inghil​ter​ra​ anni ’60 in cui l’eman​ci​pa​zio​ne​ femmi​ni​le​ era anco​ra​ di là da veni​re​.

Porta​re​ sullo schermo​ il roman​zo​ di Nicholls​ si rive​la,​ però, un’impre​sa​ più ardua del previ​sto​ e l’ambi​zio​ne​ del proget​to​ fini​sce​ per scontrar​si​ con l’oggetti​va​ diffi​col​tà​ di dare forma cine​ma​to​gra​fi​ca​ ad un mecca​ni​smo​ lette​ra​rio splendi​da​men​te​ cali​bra​to​ ma sempli​ce​men​te​ troppo​ ricco per esse​re​ ridotto​. La fedel​tà​ all’o​ri​gi​na​le​ viene comun​que​ assi​cu​ra​ta​ da una sceneg​gia​tura​ che è appun​to​ lo stesso​ Nicholls​ a realiz​za​re​ (come d’altron​de​ aveva fatto Hornby),​ impe​den​do​ lo stravol​gi​men​to​ della propria​ opera e guidan​do la Scherfig nella messa in scena di quelle​ stesse​ atmo​sfe​re​ che ne avevano​ accor​da​to​ il succes​so​.

Del mate​ria​le​ lette​ra​rio​ di parten​za,​ corpo​so​ e compo​si​to,​ vengo​no​ isola​ti​ i detta​gli​ più signi​fi​ca​ti​vi,​ i brevi tocchi​ pitto​ri​ci​ neces​sa​ri​ a sugge​ri​re​ il quadro della vicen​da​ restan​do​ nei tempi limi​ta​ti​ della fruizio​ne​ cine​ma​to​gra​fi​ca, a costo di sacri​fi​ca​re​ la comples​si​tà​ di un roman​zo​ la cui bellez​za​ risie​de​ proprio​ nell’e​te​ro​ge​nei​tà​ degli spunti,​ così come nella profon​di​tà​ delle descrizio​ni​ umane, spazia​li​ e psico​lo​gi​che​. Gli anni si susse​guo​no​ con la rapi​dità​ di un orolo​gio​ che scorre​ (senza, però, che l’invec​chia​men​to​ degli atto​ri segua di conse​guen​za),​ stampan​do​si​ sull’im​ma​gi​ne​ in nota​zio​ni​ dida​sca​liche:​ delle vite di Dex ed Emma, osmoti​che​ nel loro conti​nuo​ inter​scam​bio​ di (fragi​le)​ feli​ci​tà​ e frustra​zio​ne,​ non viene forni​to​ che un assag​gio,​ spesso​ a disca​pi​to​ di chi, ignaro​ del roman​zo,​ si ritro​va​ spaesa​to,​ priva​to​ delle connes​sio​ni​ neces​sa​rie​ per compren​de​re​ il nesso della storia​.

Conce​pi​to​ come un’ope​ra​ ellit​ti​ca​ fin dalle sue origi​ni​ lette​ra​rie,​ One Day si mantie​ne​ tale anche sul grande​ schermo​ (grazie​ al montag​gio​ di Barney​ Pilling),​ proce​den​do​ per brevi quadri​ che anche allo spetta​to​re​ “istruito”​ dalla lettu​ra​ resta​no​ parzia​li​ e incom​pre​si,​ a loro modo freddi,​ poiché​ inca​paci​ di far dimen​ti​ca​re​ i detta​gli​ di una storia​ già cono​sciu​ta,​ cata​pul​tan​do​ attra​ver​so​ la finzio​ne​ bene​fi​ca​ delle imma​gi​ni​ in un terri​to​rio​ in cui l’immersio​ne​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ fa da anti​do​to​ alla mancan​za​ di sorpre​sa​.

Il roman​zo​ di Nicholls​ rivi​ve​ certa​men​te,​ grazie​ alla scelta​ di due inter​pre​ti​ azzec​ca​ti​ (Jim Sturgess e Anne Hathaway, britan​ni​ca​ nell’ac​cen​to​ ma non nelle origi​ni)​ e allo sguardo​ fresco​ e moder​no​ di una regi​sta​ in grado di coglie​re​ i nodi e le impres​sio​ni​ vibran​ti​ del mate​ria​le​ da cui attin​ge​. Nono​stante​ le buone inten​zio​ni,​ però, il risul​ta​to​ non è all’al​tez​za​ delle aspetta​ti​ve: troppo​ sfuggen​te,​ si perde per strada​ (come i suoi prota​go​ni​sti),​ ritor​nando​ poi sui suoi passi per riallac​ciar​si,​ infi​ne,​ alle premes​se​ inizia​li,​ riavvolgen​do​ il nastro​ del tempo in quella​ stessa​ compo​si​zio​ne​ ad anello​ che ne aveva carat​te​riz​za​to​ la struttu​ra​ lette​ra​ria​.

La cima di una colli​na​ scozze​se​ è l’ini​zio​ e la fine di una storia​ d’amo​re​ possibi​le​ ma non perfet​to,​ perché​ umano, a suo modo capa​ce​ di trasfor​ma​re​ i desti​ni​ di due perso​nag​gi​ peri​co​lo​sa​men​te​ in bili​co​ tra medio​cri​tà​ e tota​le​ perdi​zio​ne​ in pochi istanti​ di feli​ci​tà​ effi​me​ra​. Nell’in​ter​val​lo​ tra i due momenti​ è racchiu​so,​ in pillo​le,​ il raccon​to​ di un’epo​ca​ anco​ra​ troppo​ vici​na​ per esse​re​ archi​via​ta​ ma al tempo stesso​ vena​ta​ dal sapo​re​ del passa​to:​ gli anni ’90, con i loro colo​ri​ acidi e sgargian​ti​ (colti dalla foto​gra​fia​ del fran-​ cese​ Benoît Delhom​me​ – che pure dà il meglio​ di sé giocan​do​ con i toni freddi​ del blu) si avvi​cen​da​no​ l’uno dopo l’altro,​ cari​chi​ di aspetta​ti​ve​ e speran​ze​ ma anche di sogni infranti,​ giungen​do​ infi​ne​ alla loro matu​ri​tà​ con l’avven​to​ del nuovo seco​lo​.

«La metro​po​li​ aveva vinto (e dire che era stata avvi​sa​ta)​. Come in un party sovraf​fol​la​to,​ nessu​no​ aveva nota​to​ il suo arri​vo​ e nessu​no​ si sareb​be​ accorto​ della sua parten​za»,​ scrive​va​ Nicholls​ a propo​si​to​ di Emma. Pecca​to​ che lo stesso​ pensie​ro​ si possa appli​ca​re​ al film della Scherfig, desti​na​to​ a cade​re​ presto​ nel dimen​ti​ca​to​io​.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: