Perdona e dimentica

locandina-86

Life During Wartime – Stati Uniti 2009 – di Todd Solondz

Commedia/Drammatico – 98′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: mymovies.it)

Piccole donne crescono: Joy, Helen e Trish Jordan sono tornate, con il loro carico di fantasmi, angosce, frustrazioni e amori infranti.

Sono passa​ti​ undi​ci​ anni da Happiness ma le sorel​le​ Jordan​ non hanno mai smesso​ di tormen​ta​re​ Todd Solon​dz,​ che attra​ver​so​ le loro mise​rie​ dipinse​ uno dei ritrat​ti​ più spieta​ti​ della socie​tà​ ameri​ca​na​ contem​po​ra​nea​. Due anni dopo, la sua proge​nie​ “edulco​ra​ta”​ (l’American Beauty di Sam Mendes), avrebbe​ raccol​to​ i frutti​ di un succes​so​ che Solon​dz​ non aveva avuto il privi​le​gio​ di otte​ne​re,​ conqui​stan​do​ cinque​ statuet​te​ agli Oscar del 2000.

  

Ma la fero​ce​ puntua​li​tà​ nel descri​ve​re​ con dissa​cran​te​ sarca​smo​ l’Ame​ri​ca​ di oggi ritorna​ in Life During Wartime (i distri​bu​to​ri​ italia​ni​ prefe​ri​sco​no calca​re​ la mano sul leitmo​tiv​ “perdo​na​ e dimen​ti​ca”​ ma, come in Happiness, il tito​lo​ origi​na​le​ si rifà ad una canzo​ne​ di Trish), anco​ra​ inedi​to​ negli USA al momen​to​ dell’u​sci​ta​ italia​na​. Alla 66esi​ma​ Mostra​ del cine​ma​ di Vene​zia​ c’era chi l’avreb​be​ volu​to​ veder trionfa​re​ e non è un mistero​ che la criti​ca​ ami Todd Solondz (che con Happiness si aggiu​di​cò​ il FIPRE​SCI a Cannes​ ‘98): il suo umori​smo​ corro​si​vo​ colpi​sce​ nuova​men​te​ nel segno, sconvol​gen​do​ con la sua disar​man​te​ veri​tà​.

“Sequel”​ total​men​te​ impro​ba​bi​le,​ Life During Wartime, ignora​ qualun​que rego​la​ di vero​si​mi​glian​za,​ stravol​gen​do​ l’inte​ro​ cast (il perso​nag​gio​ di Allen, che fu di Philip Seymour Hoffman, “diven​ta”​ nero) e spostan​do​ l’azio​ne​ in una Flori​da​ color cara​mel​la,​ in cui le sfuma​tu​re​ pastel​lo​ di Happiness si inten​si​fi​ca​no​ grazie​ alla caldis​si​ma​ foto​gra​fia​ di Edward Lachman, ampli​fi​can​do​ fino al paros​si​smo​ l’impres​sio​ne​ di un’esi​sten​za​ arti​fi​cia​le​. Nessun​ tratta​men​to​ di riguar​do​ per il pubbli​co:​ che cono​sca​ o meno gli ante​ce​den​ti​ ha ben poca impor​tan​za,​ l’uma​nis​si​ma​ trage​dia​ del vive​re​ moder​no​ ha porta​ta​ univer​sa​le​ e potreb​be​ avere il volto di chiunque​. Ma per Solon​dz​ lo sguardo​ è costan​te​men​te​ rivol​to​ al passa​to:​ i primis​si​mi​ foto​gram​mi​ di Life During Wartime hanno il sapo​re​ di un déjà vu (e non solo per Trish). Il cini​smo​ è servi​to​ ancor prima d’ave​re​ il tempo di ordina​re​.

Se il ’98 era il tempo delle aberra​zio​ni,​ il 2009 è quello​ delle rifles​sio​ni:​ padri pedo​fi​li,​ onani​sti​ compul​si​vi,​ donnet​te​ frustra​te,​ egoti​che​ o sfiga​te,​ resta​no​ sullo sfondo​ di una lotta insa​na​bi​le​ tra rimo​zio​ne​ e perdo​no,​ capa​ce di mette​re​ in crisi un bambi​no​ ma di non turba​re​ ecces​si​va​men​te​ gli adulti​. Come Billy, con il suo desi​de​rio​ di raggiun​ge​re​ la tanto agogna​ta​ eiacu​la​zio​ne,​ si face​va​ coscien​za​ di Happiness, così il fratel​lo​ Timmy (Dylan Riley Snyder), prossi​mo​ a “diven​ta​re​ uomo”, è il vero spiri​to​ critico​ della pelli​co​la,​ unico sguardo​ inno​cen​te​ corrot​to​ dai discor​si​ surrea​li​ di una madre (Allison Janney al posto di Cynthia​ Steven​son)​ pronta​ a tutto pur di proteg​ge​re​ i figli dai distur​bi​ pater​ni​ ma non dal riempir​li​ di psico​farma​ci​.

Alla ceri​mo​nia​ del bar mitz​vah​ (remi​ne​scen​ze​ di A Serious Man?) il nerissi​mo​ humour​ “giudai​co”​ trova compi​men​to,​ tiran​neg​gian​do​ le tradi​zio​ni​ ebraiche​ come in un cocktail​ di Woody Allen e fratel​li​ Coen corret​to​ con soda (causti​ca)​ ed è diffi​ci​le​ crede​re​ persi​no​ alle più coria​cee​ esibi​zio​ni​ di serie​tà​ (il dialo​go​ tra Billy e il padre con coppia​ di scimmie​ sodo​mi​te​ sullo sfondo​ basta a chiari​re​ il concet​to)​.

 Grazie​ all’im​pie​go​ costan​te​ del campo​-contro​cam​po,​ il dramma​ si esplica​ nel dialo​go,​ come da miglior​ tradi​zio​ne​ teatra​le,​ ed è nel confron​to​ conti​nuo tra coppie​ di perso​nag​gi​ reali o presun​ti​ tali (abbon​da​no​ le compar​sa​te​ post​-mortem​ gravi​de​ di colle​ra​ inespres​sa)​ che si gioca la rifles​sio​ne​ domi​nante​ del “perdo​na​re​ e dimen​ti​ca​re”​. La dialet​ti​ca​ trionfa​ per assur​do,​ portando​ all’e​stre​mo​ la fonda​men​ta​le​ inco​mu​ni​ca​bi​li​tà​ tra gli indi​vi​dui,​ troppo presi da se stessi​ per ascolta​re​ realmen​te​ gli altri (esempla​re​ l’ego​cen​tri​ca Helen Jordan,​ sceneg​gia​tri​ce​ di succes​so​ con manie di perdo​no)​. Ed è grazie​ all’ap​por​to​ di Moni Ovadia ai dialo​ghi​ che, nono​stan​te​ un doppiaggio​ discu​ti​bi​le​ (si spera volutamente arti​fi​cio​so),​ la sceneg​gia​tu​ra​ di Solon​dz​ mantie​ne​ intat​ta​ tutta la sua viru​len​za​.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: