Love Is All You Need

MV5BNzYxMDQwMzIzMF5BMl5BanBnXkFtZTcwNjcxODIzOQ@@._V1_SY1000_CR0,0,678,1000_AL_

Den skaldede frisør – Danimarca/Svezia/Italia/Francia/Germania 2012 – di Susanne Bier

Commedia/Drammatico/Romantico – 116′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Astrid e Patrick stanno per sposarsi in Italia. I rispettivi genitori, la parrucchiera Ida (Trine Dyrholm) e l’imprenditore Philip (Pierce Brosnan), si imbattono l’una nell’altro all’aeroporto di Copenaghen. Nonostante le premesse poco incoraggianti, la trasferta italiana farà sbocciare l’amore.

 

Stanca​ di occu​par​si​ dei drammi​ esisten​zia​li​ di ragaz​zi​ni​ violen​ti​ (In un mondo migliore), mari​ti​ gelo​si​ (Non desiderare la donna d’altri) e vedo​ve​ affran​te​ (Noi due sconosciuti), e fresca​ dell’O​scar​ al miglior​ film stranie​ro​ conqui​sta​to​ nel 2011, la dane​se​ Susanne Bier si (e ci) conce​de​ una venta​ta​ d’aria​ fresca,​ diri​gen​do​ una comme​dia​ roman​ti​ca​ spensie​ra​ta​ e rassi​cu​ran​te​ nella sua preve​di​bi​li​tà​.

   

Consi​de​ra​te​ le sorti delle pelli​co​le​ prece​den​ti,​ non stupi​sce​ che il tito​lo​ origina​le​ della sua opera ulti​ma,​ Den skaldede frisør (“La parruc​chie​ra​ calva”), subi​sca​ la consue​ta​ storpia​tu​ra​ non solo da parte dei tradut​to​ri​ italiani,​ ma anche di quelli​ stranie​ri,​ qui impe​gna​ti​ in un’ope​ra​zio​ne​ re-inter​preta​ti​va​ parti​co​lar​men​te​ priva di senso. Con la canzo​ne​ dei Beatles​ da cui il tito​lo​ inter​na​zio​na​le​ (Love is all you need) è tratto,​ il film della Bier ha infat​ti​ ben poco a che sparti​re​. Meglio​ allo​ra​ chiamar​lo​ That’s Amore, visto l’uso reite​ra​to​ che del brano di Dean Martin viene fatto sia a livel​lo​ sono​ro che icono​gra​fi​co​.

 

La dichia​ra​zio​ne​ d’amo​re​ anni ’50 di Harry Warren e Jack Brooks per il capo​luo​go​ parte​no​peo​ è infat​ti​ il refrain​ musi​ca​le​ di un film che vorreb​be​ a sua volta cele​bra​re​ il bel vive​re​ all’i​ta​lia​na,​ ma che confer​ma​ inve​ce​ l’imbaraz​zan​te​ e triste​ tenden​za​ alla stereo​ti​pia​ cari​ca​tu​ra​le​ già intra​pre​sa​ dal Woody Allen di To Rome With Love. Un’atmo​sfe​ra​ alla “vino, limo​ni​ e mando​li​no”,​ insom​ma,​ sulla quale si staglia​no​ le vicen​de​ di una chiasso​sa​ fami​glia​ allar​ga​ta​ e di un matri​mo​nio​ che proprio​ non s’ha da fare.

Di tutti i cliché​ che alber​ga​no​ nella sceneg​gia​tu​ra​ della Bier (affian​ca​ta,​ come sempre,​ dal colle​ga​ Anders Thomas Jensen) quello​ della coppia​ di sposi​ni​ al setti​mo​ cielo è proba​bil​men​te​ l’uni​co​ mancan​te​. Le insi​cu​rez​ze dei due giova​ni​ fidan​za​ti,​ prota​go​ni​sti​ solo in appa​ren​za,​ costi​tui​sco​no​ piutto​sto​ lo sfondo​ sul quale collo​ca​re​ la nasci​ta​ di una rela​zio​ne​ senti​men​tale​ matu​ra​ tra due sogget​ti​ che non potreb​be​ro​ esse​re​ più diver​si​. La rilet​tura​ in chiave​ contem​po​ra​nea​ della screwball comedy anni ’30-’40 si pone come fonte d’ispi​ra​zio​ne​ privi​le​gia​ta​ per lo script della Bier, che nel contrasto​ tra l’acci​glia​to​ Philip​ (un Brosnan sempre​ identi​co​ a se stesso​ e dunque​ perfet​ta​men​te​ in parte) e la sola​re​ Ida (la Dyrholm, vero cata​liz​zato​re​ del film) risol​ve​ le dina​mi​che​ tipi​che​ di uno dei gene​ri​ cano​ni​ci​ del classi​ci​smo​ holly​woo​dia​no​.

In paro​le​ pove​re,​ “gli oppo​sti​ si attrag​go​no”​ e, oggi come sessan​t’an​ni​ fa, il detto sembra​ rima​ne​re​ vali​do​. L’anti​pa​tia​ inizia​le​ tra Philip,​ novel​lo​ Cary Grant, e Ida, esube​ran​te​ e voli​ti​va​ come una Katharine Hepburn moderna,​ non può che tramu​tar​si​ in amore. “Le femmi​ne​ sono peri​co​lo​se,​ i maschi​ inuti​li”,​ affer​ma​ Philip,​ serven​do​si​ della meta​fo​ra​ della cocci​ni​glia​ per traccia​re​ uno schema​ti​co​ ritrat​to​ del ruolo dei sessi (come a dire che “gli uomi​ni​ vengo​no​ da Marte e le donne da Vene​re”),​ ma le sue paro​le​ non trova​no​ confer​ma​ nella piega degli eventi,​ tutti indi​riz​za​ti​ verso un lieto fine appe​na​ vena​to​ di malin​co​nia​ e annun​cia​to​ prima anco​ra​ dei tito​li​ di testa.

 

Si potreb​be​ facil​men​te​ sventra​re​ l’ope​ra​ della Bier, puntan​do​ il dito contro​ l’ecces​si​vo​ accu​mu​lo​ di bana​li​tà​ e conven​zio​ni​ che la rom-com porta inevi​tabil​men​te​ con sé. Ma non è diffi​ci​le​ intui​re​ la presen​za​ di un’estre​ma​ consape​vo​lez​za,​ dietro​ la pati​na​ arti​fi​cio​sa​ che rico​pre​ il film e che ne costi​tui​sce il senso ulti​mo​. È nel mono​lo​go​ conclu​si​vo​ di Astrid, un’invet​ti​va​ contro ipocri​sie​ e appa​ren​ze,​ una strenua​ e dispe​ra​ta​ dife​sa​ della since​ri​tà,​ che le inten​zio​ni​ della regi​sta​ vengo​no​ infi​ne​ svela​te​. E allo​ra​ perfi​no​ la con-​ sueta​ rappre​sen​ta​zio​ne​ di un’Ita​lia​ da carto​li​na,​ dove i maschi​ sono tanto viri​li​ ma non quanto​ sembra​no​ (galli​smo​ itali​co,​ addio!), appa​re​ meno gratuita​ e irri​tan​te​.

Il Golfo di Napo​li,​ esalta​to​ dalla foto​gra​fia​ calda e densa di croma​ti​smi​ di Morten Søborg, ospita​ nel proprio​ abbrac​cio​ un pout pourri​ di lingue​ e costu​mi,​ favo​ren​do​ la conci​lia​zio​ne​ tra la sponta​nei​tà​ a tratti​ surrea​le​ della vecchia​ Euro​pa​ e le ritro​sie​ del nuovo conti​nen​te,​ e offren​do​si​ come spazio​ di rina​sci​ta​ per due perso​nag​gi​ in crisi esisten​zia​le​ (o coniu​ga​le)​. Il dramma della sepa​ra​zio​ne,​ della morte, della malat​tia,​ viene spinto​ dietro​ le quinte​ di una narra​zio​ne​ che non aspira​ certo all’o​ri​gi​na​li​tà​ ma piutto​sto​ ad instil​la​re​ nello spetta​to​re​ un bene​fi​co​ torpo​re,​ un senti​men​to​ di benes​sere​ e di sere​ni​tà​ nato dalla consta​ta​zio​ne​ che, una volta tanto e solo nel mondo utopi​co​ dello schermo​ cine​ma​to​gra​fi​co,​ tutto vada per il verso giusto.

La vita vera non è quella​ raccon​ta​ta​ dalla Bier, dove ci si ama per sempre​ non impor​ta​ né come né quanto,​ e basta prender​si​ una vacan​za​ dal mondo per ritro​va​re​ se stessi​ e la voglia​ di rico​min​cia​re​. Ma che c’è di male nel farsi culla​re​ ogni tanto dall’il​lu​sio​ne​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ e lascia​re​ che il buonumo​re​ abbia il soprav​ven​to​ sulla razio​na​li​tà?​

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: