Effetti Collaterali

MV5BMTc2MzY0NDAwOF5BMl5BanBnXkFtZTcwMTE1Mzc4OA@@._V1_SY1000_CR0,0,675,1000_AL_

Side Effects – Stati Uniti 2013 – di Steven Soderbergh

Crime/Drammatico/Mistery – 106′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Dopo quattro anni d’attesa, Emily Taylor (Rooney Mara) può finalmente riabbracciare il marito Martin (Channing Tatum), in carcere per insider trading. Il ritorno ad una vita normale non è però sufficiente a placare i sintomi della depressione che da tempo la affligge. Il nuovo psichiatra da cui è in cura, il dottor Jonathan Banks (Jude Law), le prescrive una serie di farmaci inefficaci, finché uno, l’Ablixa, supportato anche dalla prece dente terapeuta (Catherine Zeta-Jones), sembra avere successo. Gli effetti collaterali della cura, tuttavia, porteranno Emily a commettere un omicidio.

Prossi​mo​ a calca​re​ il red carpet​ della Croiset​te​ con Behind the Candelabra – incur​sio​ne​ nella vita senti​men​ta​le​ del musi​ci​sta​ Libe​ra​ce,​ prodot​to​ dall’e​mit​ten​te​ priva​ta​ HBO – Steven Soderbergh atte​sta​ la proli​fi​ci​tà​ “alle​nia​na”​ che lo contrad​di​stin​gue​ fin dagli esordi​ (più di trenta​ i film realizza​ti​ dal 1989, anno della Palma d’oro a Cannes​ con Sesso, bugie e videotape) arri​van​do​ nelle sale nostra​ne​ con Effetti Collaterali, thril​ler​ far-​ maceu​ti​co​ ad alta tensio​ne​ presen​ta​to​ in concor​so​ a febbra​io​ alla 63esi​ma​ Berli​na​le​.

    

Dopo aver dichia​ra​to​ di voler lascia​re​ il cine​ma​ per dedi​car​si​ alla tele​vi​sio​ne – sito privi​le​gia​to,​ secon​do​ il regi​sta,​ di un senso di ambi​gui​tà​ e complessi​tà​ narra​ti​va​ che il pubbli​co​ ameri​ca​no​ è scarsa​men​te​ incli​ne​ a ritro​vare​ sul grande​ schermo​ – Soderbergh “chiude”​ la propria​ carrie​ra​ recu​peran​do​ proprio​ le ambi​gui​tà​ meta​-narra​ti​ve​ del suo primo lungo​me​trag​gio, oltre alle atmo​sfe​re​ thril​le​ri​sti​che​ di Contagion e allo spiri​to​ di denuncia​ di Erin Brockovich, ridu​cen​do​ la cari​ca​ cata​stro​fi​sta​ del primo e lo sbilan​cia​men​to​ verso il court-room drama del secon​do,​ a favo​re​ di un intreccio​ finzio​na​le​ di pura suspen​se​. Il risul​ta​to​ è un impec​ca​bi​le​ omaggio (fin dalla primis​si​ma​ inqua​dra​tu​ra)​ al cine​ma​ di Alfred Hitchcock, e in parti​co​la​re​ al tema, caris​si​mo​ al cinea​sta​ britan​ni​co,​ dello “scambio​ di colpa”. E’ lo stesso​ Soderbergh a dichia​ra​re,​ in confe​ren​za​ stampa​ a Berli​no,​ che «il moti​vo​ per cui i film di Hitchcock sono anco​ra​ belli da vede​re​ è perché​ esplora​no​ la colpe​vo​lez​za,​ una condi​zio​ne​ affa​sci​nan​te​ da raccon​ta​re», espressa​ in Effetti Collaterali grazie​ all’e​spe​dien​te​ narra​ti​vo​ del “trasfe​ri​men​to​ di colpa”, un leitmo​tiv​ hitch​coc​kia​no​ di cui L’Altro​ Uomo (1951) è senza dubbio​ il caso più emble​ma​ti​co​. Il confi​ne​ labi​le​ che sepa​ra​ inno​cen​za​ e respon​sa​bi​li​tà​ crimi​na​le​ non avvie​ne​ tutta​via,​ nel film di Soderbergh, attra​ver​so​ uno scambio​ diret​to​ di crimi​ni​ – come acca​de​va inve​ce​ nel barat​to​ (parzial​men​te​ volon​ta​rio)​ di omici​di​ tra il tenni​sta​ Guy Haines​ (Farley Granger) e lo psico​la​bi​le​ Bruno Anto​ny​ (Robert Walker).

La sceneg​gia​tu​ra​ decen​na​le​ di Scott Z. Burns – già colla​bo​ra​to​re​ di Soderbergh in Contagion e The Informant! – si avva​le​ piutto​sto​ dei mecca​ni​smi​ sotti​li​ del thril​ler​ a svela​men​to,​ disse​mi​nan​do​ indi​zi​ che lo sguardo​ atten​to​ dello spetta​to​re​ può coglie​re​ soltan​to​ in parte, e ai quali la confes​sio​ne​ fina​le​ del colpe​vo​le​ sarà in grado di forni​re​ davve​ro​ piena coerenza​. Il siste​ma​ del trasfe​ri​men​to​ di colpa resta tutta​via​ inca​sto​na​to​ nella struttu​ra​ portan​te​ del film, che di esso si serve non solo per intor​bi​da​re​ le false certez​ze​ del pubbli​co​ – sviato​ dalla veri​tà​ proprio​ nel momen​to​ in cui crede di averla​ raggiun​ta​ – ma anche per creare​ un clima di sospen​sio​ne​ che renda effet​ti​va​men​te​ impos​si​bi​le​ identi​fi​car​si​ o parteg​gia​re​ senza riserve​ per ciascu​no​ dei perso​nag​gi​ princi​pa​li​.

Compli​ce​ un trailer​ giusta​men​te​ fuorvian​te,​ lo spetta​to​re​ entra in sala con idee precon​cet​te​ che Soderbergh non manca di smonta​re​ una per una, serven​do​si​ della natu​ra​ trasfor​ma​ti​va​ dello script di Burns per far muta​re​ il proprio​ film sotto gli occhi di chi lo guarda​. Esatta​men​te​ come in Sesso, bugie e videotape, ciò che appa​re​ – o meglio,​ ciò che viene mostra​to​ non corri​spon​de​ quasi mai al reale, e la veri​tà​ giace sotto la super​fi​cie​ non già del solo raccon​to,​ ma soprat​tut​to​ dello stesso​ medium​ cine​ma​to​gra​fi​co,​ mani​po​la​to​re​ e infi​ne​ testi​mo​ne​ di false veri​tà​.

Data l’inaf​fi​da​bi​li​tà​ dei perso​nag​gi​ – in parti​co​la​re​ la contur​ban​te​ prota​go​nista​ Rooney Mara, in un ruolo sfaccet​ta​to​ che le rende piena giusti​zia​ – proprio​ all’oc​chio​ della macchi​na​ da presa che lo spetta​to​re​ deve fare affi​damen​to,​ lascian​do​ che siano la regia e il montag​gio​ dello stesso​ Soder​ber​gh (con lo pseudo​ni​mo​ “coenia​no”​ di Mary Ann Bernard) a guidar​lo​ verso la scoper​ta​ della veri​tà​. Intrico narra​ti​vo​ e intrigo farma​ceu​ti​co​-finanzia​rio​ si sovrap​pon​go​no​ fino a fonder​si​ in un raccon​to​ teso al diso​rien​tamen​to,​ che ai sinto​mi​ indot​ti​ (forse) dalle alte​ra​zio​ni​ fisio​lo​gi​che​ della malat​tia​ e a quelle​ chimi​che​ della sua tera​pia​ fa rife​ri​men​to​ diege​ti​co​ per confer​ma​re​ la propria​ natu​ra​ insta​bi​le​.

Che sia sempre​ Soderbergh, appun​to​ sotto falso nome, a farsi cari​co​ delle incom​ben​ze​ tecni​co​-arti​sti​che​ del film (sua anche la foto​gra​fia​ dai toni freddi,​ acidi e deci​sa​men​te​ finche​ria​ni)​ è anch’es​so​ lo specchio​ (auto​riale)​ di una tenden​za​ comples​si​va​ all’am​bi​gui​tà:​ un gioco al massa​cro​ con le fragi​li​ convin​zio​ni​ del pubbli​co,​ che, proprio​ come nel cine​ma​ di Hitchcock, viene mano​vra​to​ e spinto​ a prova​re​ esatta​men​te​ ciò che il regi​sta​ deside​ra,​ perden​do​si​ anima e corpo nella croyance. Il ritor​no​ ad una rifles​sione​ sul ruolo della tera​pia​ psicoa​na​li​ti​ca​ – grazie​ anche all’ot​ti​ma​ perfor​mance​ di Jude Law e della Zeta-Jones – è in tal senso signi​fi​ca​ti​vo:​ non più la talking​ cure amiche​vo​le​ dell’a​na​li​sta​ di Ann Mulla​ny​ in Sesso, bugie e videotape, ma la sua peri​co​lo​sa​ svolta​ farma​co​lo​gi​ca,​ che affi​da​ alle pillo​le​ più che al confron​to​ dialet​ti​co​ il raggiun​gi​men​to​ di uno statu​to​ di salu​te​ psico​-fisi​ca​.

La criti​ca​ al control​lo​ dell’in​di​vi​duo,​ così come del merca​to,​ da parte delle lobby farma​ceu​ti​che​ viene condot​ta​ da Soderbergh con spiri​to​ mili​tan​te,​ meno scoper​to​ che in passa​to​ ma più acuto e pungen​te​ nello sfrutta​re​ “l’optio​nal​ della fiction”​ (Mauri​zio​ Porro) per instil​la​re​ nello spetta​to​re​ il neces​sa​rio​ esame di coscien​za​. Alla denun​cia​ del siste​ma​ di compliance psico​te​ra​pi​ca​ e della colla​bo​ra​zio​ne​ anti​-etica​ tra medi​co​ e grandi​ aziende si affian​ca​ inoltre​ un’attua​lis​si​ma​ incur​sio​ne​ nel mondo dell’a​sim​me​tria​ infor​ma​ti​va​ in ambi​to​ finan​zia​rio,​ incar​na​ta​ prima dal perso​nag​gio​ di Martin (Channing Tatum, atto​re​-fetic​cio​ dell’ul​ti​mo​ Soderbergh, in un ruolo acces​so​rio​ e appe​na​ accen​na​to)​ e poi estesa​ in termi​ni​ di intrec​cio​ narra​ti​vo​ all’in​te​ra​ pelli​co​la​.

La cura del detta​glio​ nella costru​zio​ne​ del quadro​ e la predi​le​zio​ne​ per movimen​ti​ di macchi​na​ scoper​ti,​ ango​la​zio​ni​ incon​sue​te​ e volon​ta​rie​ sgrammati​ca​tu​re​ di montag​gio​ si abbi​na​no,​ come di consue​to,​ ad una straordi​na​ria abili​tà​ nella dire​zio​ne​ del cast e nella levi​ga​tu​ra​ dell’im​ma​gi​ne,​ attri​bu​ti​ indi​spen​sa​bi​li​ di un cine​ma​ che confe​ri​sce​ maestria​ e consa​pe​vo​lez​za​ auto​riale​ anche ad intrec​ci​ non parti​co​lar​men​te​ inno​va​ti​vi​ sul piano del raccon​to. E se il grande​ schermo​ senti​rà​ senza dubbio​ la mancan​za​ di Soder​ber​gh​ negli anni del suo “riti​ro​ volon​ta​rio”,​ resta da vede​re​ come inve​ce​ lo acco​glierà​ la tele​vi​sio​ne:​ che sia l’ini​zio​ di una nuova era?

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: