Oltre la notte

MV5BODc2NTkyZjEtMTYxNC00YTJmLTgzZjMtNTVmOTZmNDBhMjQ5XkEyXkFqcGdeQXVyODAzODU1NDQ@._V1_SY1000_CR0,0,674,1000_AL_

Aus dem Nichts – Germania/Francia 2017 – di Fatih Akin

Crime/Drammatico/Thriller – 106′

Scritto da Francesco Ruzzier (fonte immagine: imdb.com)

Una donna perde marito e figlio in un attentato e medita vendetta.

Sempre complesso, quando si ascolta un discorso di chi la pensa in modo completamente diverso da noi, rimanere lucidi e obiettivi. Quando il discorso viene articolato attraverso un oggetto culturale – che sia un libro, un disco o un film – risulta sempre complicato scindere il valore dell’opera dal discorso di fondo. Per fortuna, In the Fade di Fatih Akin, di difficoltà, in questo senso, non ne crea alcuna: tanto debole e grossolana la messa in scena, tanto moralmente condannabile il messaggio veicolato.

Strutturata in 3 atti decisamente didascalicila narrazione di In the Fade: una donna, a seguito di un attentato da parte di due membri di un partito neo-nazista, perde figlio e marito; dopo un lunghissimo processo i due presunti colpevoli vengono dichiarati innocenti; lei vuole vendetta. Lo schema narrativo è quello consolidato dei film di giustizia privata, in cui però Akin decide di inserire una componente politica decisamente attuale: quella degli attentati terroristici a sfondo razziale. Lo fa schierandosi apertamente, dipingendo le varie componenti attraverso degli stereotipi quantomeno esagerati (come i due avvocati del processo, uno bello, buono e bravo, l’altro brutto e strafottente), inserendo tutta una serie di dettagli fondamentalmente inutili senza i quali la storia però non potrebbe proseguire.

Tutto sembra costruito per sostenere una tesi estrema, ma mai supportata da un’apparato narrativo che risulta invece monocorde e mai incisivo. L’idea che il regista de La sposa turca sembra voler trasmettere senza alcuna ambiguità è che gli attentati a sfondo razzista vanno condannati, quelli volti a fare giustizia no. E non vuole mascherare il concetto inscenando una storia di vendetta privata da western o noir: parla proprio di attentati. La protagonista, non ottenendo giustizia attraverso il tribunale, decide di creare una bomba in casa per farsi esplodere, uccidendo i due ragazzi neo-nazisti. Un sacrificio da terrorista estremista giustificato e appoggiato in tutto e per tutto. Per quanto quella di Akin potrebbe passare solo per una provocazione, il risultato d’insieme è talmente sbilanciato che ascoltarlo è impossibile ed indignarsi è d’obbligo.

Voto: 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: