Hunger

MV5BOWY5YTNkOTMtNmE2NC00ODhlLWJiYzEtYThhYWU2MjQ1MmNmXkEyXkFqcGdeQXVyNjU0OTQ0OTY@._V1_SY1000_CR0,0,678,1000_AL_

Hunger – Irlanda/Regno Unito 2008 – di Steve McQueen

Biografico/Drammatico – 96′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

1981, Irlanda del Nord. Da quattro anni i detenuti paramilitari del carcere di Maze sostengono le proteste “del sapone” e “dello sporco”, con l’obiettivo di ottenere dal governo britannico lo status di prigionieri politici. Il 1 maggio Bobby Sands (Michael Fassbender), leader della rivolta, inaugura lo sciopero della fame che lo porte alla morte.

Sull’on​da​ del succes​so​ di criti​ca​ e pubbli​co​ regi​stra​to​ da Shame – caso cinema​to​gra​fi​co​ della stagio​ne​ 2011-2012 – arri​va​ nelle sale italia​ne​ Hunger, capo​la​vo​ro​ d’esor​dio​ del britan​ni​co​ Steve McQueen. Con un tratta​mento​ analo​go​ a quello​ riser​va​to​ a Bronson di Nico​las​ Winding​ Refn, l’opera​ prima di McQueen​ fa la sua compar​sa​ sugli schermi​ nostra​ni​ a quattro anni di distan​za​ dalla proie​zio​ne​ in ante​pri​ma​ a Cannes​ 2008 che gli valse la Golden​ Came​ra​.

Inaugu​ra​zio​ne​ magi​stra​le​ del soda​li​zio​ tra l’arti​sta​-cinea​sta​ londi​ne​se​ e Michael Fassbender (immen​so​ nella sua abili​tà​ meta​mor​fi​ca),​ Hunger pone le basi di un cine​ma​ che trove​rà​ in Shame ulte​rio​re​ conso​li​da​mento;​ un cine​ma​ che lavo​ra​ sul corpo e con il corpo, scenden​do​ nelle profondi​tà​ visce​ra​li​ della carne per inda​ga​re​ le “questio​ni​ dell’a​ni​ma”,​ e inter​seca​ le coordi​na​te​ di uno dei momen​ti​ più gravi della storia​ britan​ni​ca​ sfruttan​do​ l’exemplum del singo​lo​ per coglie​re​ la porta​ta​ univer​sa​le​ delle sue scelte​.

Unica solu​zio​ne​ possi​bi​le​ per la messa in atto di una rivo​lu​zio​ne​ giusta,​ la fame del tito​lo​ origi​na​le​ – come la “vergo​gna”​ di Shame – è solo la punta più estrema​ di una pelli​co​la​ straordi​na​ria​men​te​ poten​te,​ che inne​sta​ sui bisogni​ primor​dia​li​ dell’in​di​vi​duo​ la porta​ta​ di una rifles​sio​ne​ asso​lu​ta,​ sciolta dai vinco​li​ della ridon​dan​za​ e della verbo​si​tà​ e in grado di affer​mar​si​ nella corni​ce​ inso​ste​ni​bi​le​ dell’horror vacui, dove il silen​zio​ gravi​do​ di attesa​ accom​pa​gna​ la costru​zio​ne​ di un’archi​tet​tu​ra​ visi​va​ presso​ché​ perfet​ta. Uno stile, quello​ di McQueen,​ che coglie​ l’essen​za​ più piena del fare cinema,​ rifiu​tan​do​ la conven​zio​na​li​tà​ degli stile​mi​ narra​ti​vi​ e discor​si​vi​ per affer​ma​re​ la forza di una voce unica.

Forma​to​si​ nel terri​to​rio​ ambi​guo​ dell’ar​te​ contem​po​ra​nea​ – tra seria​li​tà​ post​-warholia​ne​ e scarti​ foto​gra​fi​ci​ del reale – McQueen​ trasfe​ri​sce​ nel cinema​ il gusto per le struttu​ra​zio​ni​ mini​ma​li​ste​ e i luoghi​ meta​fi​si​ci,​ agendo​ per sottra​zio​ne​ e contra​sto,​ secon​do​ una reto​ri​ca​ dell’an​ti​te​si​ che alle geometrie​ quasi chirur​gi​che​ degli spazi chiusi​ (la casa, la cella, gli infi​ni​ti​ corridoi)​ contrap​po​ne​ il caos della violen​za​ anima​le​sca​ e della degra​da​zio​ne​ umana colta nel suo farsi.

“Le idee che ho le invento soffrendole io stesso, passo passo, io scrivo soltanto ciò che ho sofferto punto per punto in tutto il mio corpo, quello che ho scritto l’ho sempre trovato attraverso tormenti dell’anima e del corpo”,

Affer​ma​va​ Anto​nin​ Artaud,​ e il “cine​ma​ della crudel​tà”​ di McQueen​ sembra​ sotto​scri​ver​ne​ piena​men​te​ il pensie​ro​. Le sevi​zie​ fisi​che​ e psico​lo​gi​che​ subite​ (e ricer​ca​te)​ dai carce​ra​ti​ di Maze si riflet​to​no​ sui corpi e sulla loro psiùche come su quella​ dei loro aguzzi​ni​ (straordi​na​rio​ lo split-screen impro​prio del giova​ne​ poli​ziot​to​ in lacri​me),​ assu​men​do​ la forma scioccan​te​ dell’ispe​zio​ne​ corpo​ra​le,​ dell’a​bu​so,​ della viola​zio​ne​ spieta​ta​ dei confi​ni​ più elemen​ta​ri​.

Laddo​ve​ in Shame era la concre​tez​za​ steri​le​ dell’at​to​ sessua​le​ e del corpo sessua​to​ ad occu​pa​re​ il quadro,​ in Hunger è piutto​sto​ la consi​sten​za​ mate​rica​ delle secre​zio​ni​ umane e il volon​ta​rio​ deca​di​men​to​ della fisio​lo​gia​ organi​ca​ a provo​ca​re​ l’obiet​ti​vo​. L’ani​ma​le​ eroti​co​ diven​ta​ allo​ra​ sempli​ce​mente​ anima​le,​ invo​lu​cro​ dappri​ma​ pulsan​te​ e infi​ne​ svuota​to,​ prosciu​ga​to, freddo:​ “paren​te​ della spazza​tu​ra​ nel secchio”,​ avrebbe​ detto Isher-​ wood. Eppu​re​ sono solo venti i minu​ti​ nei quali il disfa​ci​men​to​ fisi​co​ di Bobby Sands – e di Fassben​der​ in sua vece – si compie,​ toccan​do​ l’api​ce​ di un film sul quale domi​na​ l’ina​spet​ta​to,​ e la piega pur annun​cia​ta​ degli eventi​ è tutt’al​tro​ che preve​di​bi​le​.

La strada​ inso​li​ta​ della foca​liz​za​zio​ne​ multi​pla​ è quella​ percor​sa​ dalla sceneggia​tu​ra​ di Enda Walsh e dello stesso​ McQueen,​ che alla conven​zio​na​lità​ della struttu​ra​ “mona​di​ca”​ prefe​ri​sce​ la triade​ cristo​lo​gi​ca​ (la guardia,​ il giova​ne​ prigio​nie​ro,​ il leader),​ e alla natu​ra​le​ presen​ta​zio​ne​ del prota​go​nista​ oppo​ne​ un’entra​ta​ in scena “per svela​men​to”,​ ritar​da​ta​ e affat​to​ annuncia​ta:​ uno scalcia​re​ feri​no​ di nervi e sangue​ in cui è quasi impos​si​bi​le​ ritro​va​re​ il volto cono​sciu​to​ di Fassben​der​.

La macchi​na​ da presa, natu​ra​le​ estensio​ne​ dell’oc​chio​ così come del braccio del regi​sta,​ si muove a costrui​re​ un tritti​co​ della violen​za​ muta, predi​li​-​ gendo​ inqua​dra​tu​re​ stabi​li,​ movi​men​ti​ prolun​ga​ti​ senza inter​ru​zio​ne​ e una logi​ca​ del suono diege​ti​co​ accu​ra​ta​men​te​ piani​fi​ca​ta​. Nell’e​co​no​mia​ di un’ope​ra​ fonda​ta​ sull’es​sen​za​ pura del cine​ma​ – il mostrare McQueen​ dimostra​ infat​ti​ di saper utiliz​za​re​ l’ele​men​to​ sono​ro​ con rara consa​pe​vo​lez​za. Words are very unnecessary, canta​va​ Dave Gahan nel 1990, e Hunger non potreb​be​ dimo​strar​lo​ meglio​.

L’urlo​ bestia​le,​ profon​do,​ primor​dia​le,​ usato come valvo​la​ di sfogo, sosti​tuisce​ l’arti​co​la​zio​ne​ verba​le,​ mentre​ il brusio​ indi​stin​to​ della collet​ti​vi​tà​ sovra​sta​ l’ome​lia​ catto​li​ca,​ in una ridu​zio​ne​ blasfe​ma​ della paro​la​ del Signore​ a puro diver​si​vo,​ mate​ria​le​ utile solo ad esse​re​ inala​to​. La paro​la​ “vera” inter​vie​ne​ allo​ra,​ come in Shame, soltan​to​ quando​ non se ne può fare a meno, quando​ lo spetta​co​lo​ della natu​ra​ nella sua forma clima​ti​ca​ (la neve) o anima​le​ (la mosca) non è più suffi​cien​te​ a colma​re​ il pani​co​ dell’i​sola​men​to​ o, anco​ra,​ quando​ il dialo​go​ si rende neces​sa​rio​ a chiari​re​ una convin​zio​ne​ suici​da,​ omici​da​ ma sempli​ce​men​te​ inevi​ta​bi​le​.

Si spiega​ così, fuori da ogni compia​ciu​to​ virtuo​si​smo,​ il memo​ra​bi​le​ piano​-sequen​za​ di diciot​to​ minu​ti​ che occu​pa​ la parte centra​le​ del film: un’inqua​dratu​ra​ fissa, un confron​to​ dialet​ti​co​ incon​sue​to​ (perché​ del tutto privo di campo e contro​cam​po)​ tra due perso​nag​gi​ specu​la​ri​ ma forgia​ti​ da esperienze​ distin​te;​ una conver​sa​zio​ne​ appa​ren​te​men​te​ super​fi​cia​le​ che evolve​ infi​ne​ in dichia​ra​zio​ne​ d’inten​ti​ irre​mo​vi​bi​le,​ volon​ta​ria​ auto​-condan​na​ a morte. Vita e liber​tà​ quali emble​mi​ del pote​re​ di convin​zio​ne​ sosten​go​no​ il raccon​to​ di Bobby, la sua para​bo​la​ paga​na,​ così luci​da,​ così vivi​da​ da non richie​de​re​ il suppor​to​ delle imma​gi​ni​ per radi​car​si​ nella mente dello spettato​re​ ed esplici​tar​ne​ la meta​fo​ra:​ l’agnel​lo​ di Dio, il pule​dro​ sacri​fi​ca​le​ annega​to​ per il bene di tutti, in un atto di euta​na​sia​ bene​vo​la​ senza prete​se​ di marti​rio​.

La pelli​co​la​ di McQueen​ si consu​ma​ così: soffren​do,​ asciugan​do​si​ all’in​ve​rosi​mi​le,​ come il corpo su cui concen​tra​ e sfoga il proprio​ sguardo​. E non basta un lenzuo​lo​ bianco​ a coprir​ne​ le tracce,​ a far dimen​ti​ca​re​ la forza di un’ope​ra​ che è forse la più riusci​ta​ mani​fe​sta​zio​ne​ arti​sti​ca​ del regi​sta​ londine​se​. Un film subli​me,​ che riesce​ a dire tutto senza quasi parla​re​. Silen​zioso​ e spiazzan​te,​ come una piuma che attra​ver​sa​ l’inqua​dra​tu​ra​.

Voto: 10

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: