Somewhere

Somewhere – Stati Uniti/Regno Unito/Italia/Giappone 2010 – di Sofia Coppola

Commedia/Drammatico – 97′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Johnny Marco, giovane star hollywoodiana in depressione, abita allo Chateau Marmont di Los Angeles come fosse casa propria, sollazzandosi tra psicofarmaci e lap dancer gemelle. Annoiato e abulico, vegeta tra le lenzuola aspettando la chiamata della sua agente, adempie a futili impegni lavorativi e scorrazza per le strade a bordo di una Ferrari, condendo una vita fatta di niente con qualche occasionale incontro erotico. Il tempo trascorso con la figlia Cleo, “affidatagli” dall’ex-moglie, darà nuovo valore alla sua esistenza.

Vinci​to​re​ del Leone d’oro alla 67sima Mostra del Cinema di Venezia, So- mewhere quarto​ lungo​me​trag​gio​ di Sofia Coppola, aspira​ a ripro​por​re​ in veste (se possi​bi​le)​ ancor più mini​ma​le​ i moti​vi​ già splendi​da​men​te​ svi-​ scera​ti​ in Lost in Translation: la vacui​tà​ dell’es​se​re​ e l’ari​di​tà​ emoti​va​ che si accom​pa​gna​ al succes​so​.

   

Per scelta​ anzi​ché​ per costri​zio​ne​ profes​sio​na​le​ anche Johnny​ Marco, come Bob Harris/​Bill Murray prima di lui, speri​men​ta​ gli effet​ti​ stranian​ti​ del non-luogo​ alber​ghie​ro​ ma l’alie​na​zio​ne​ non è più il prodot​to​ dell’i​so​la​men​-​ to lingui​sti​co​ e geogra​fi​co​ di una metro​po​li​ asiati​ca​ vista attra​ver​so​ gli occhi di due ameri​ca​ni​ turi​sti​ per caso: Johnny​ vive l’alie​na​zio​ne​ para​dos​sale​ dell’uo​mo​ al posto giusto​ nel momen​to​ giusto​. La Mecca del cine​ma​ non offre orizzon​ti​ di gloria​ per la star svoglia​ta​ in cerca di un brivi​do​ not-​ turno​ e tra i corri​doi​ sovraf​fol​la​ti​ dello Chateau​ Marmont​ (non che in ascenso​re​ non si faccia​no​ incon​tri​ inte​res​san​ti)​ la soli​tu​di​ne​ non potreb​be​ esse​re​ più abissa​le​. Che si tratti​ di un hotel losan​ge​li​no​ o di un dove asso​lu​-​ tamen​te​ impre​ci​sa​to​ (come sugge​ri​to​ dal tito​lo)​ non ha più molta impor​-​ tanza​.

 

Sofia Coppo​la​ ci tiene a preci​sa​re​ come il suo film non sia il ritrat​to​ di una gene​ra​zio​ne​ di divi ameri​ca​ni​ ma soltan​to​ quello​ di un singo​lo​ uomo, ep-​ pure​ il senso effi​me​ro​ della cele​bri​tà​ trasu​da​ da un’esi​sten​za​ priva di com-​ plica​zio​ni​ che non potreb​be​ esse​re​ più proble​ma​ti​ca​.

Bob Harris​ sorseg​gia​va​ whisky​ sorri​den​do​ senza feli​ci​tà​ per uno spot mi-​ liona​rio​ e Johnny​ Marco si presta​ allo stesso​ ritua​le​ ipocri​ta​ per il lancio​ del suo nuovo film: per entram​bi​ la passio​ne​ sembra​ esser​si​ sgonfia​ta​ come un pallon​ci​no​ lascian​do​li,​ privi di smalto,​ a contem​pla​re​ la propria​ carrie​ra​ dall’e​ster​no,​ adattan​do​si​ a forma​li​smi​ di rito. Forma​li​smi​ come la confe​ren​za​ stampa​ surrea​le,​ in cui l’idio​zia​ dei giorna​li​sti​ va a braccet​to​ con la pover​tà​ intel​let​tua​le​ di Marco (inca​pa​ce​ di formu​la​re​ rispo​ste​ pluri​-silla​bi​che)​ o la ceri​mo​nia​ mila​ne​se​ dei Tele​gat​ti,​ in cui la Coppo​la,​ oltre a mostra​re​ vivi​da​men​te​ tutta la volga​ri​tà​ della tele​vi​sio​ne​ nostra​na,​ rimet​te​ in scena frammen​ti​ auto​bio​gra​fi​ci​ di un evento​ vissu​to,​ bambi​na​ come Cleo, a fianco​ del padre.

Lo stile si coniu​ga​ al conte​nu​to​ e la fissi​tà​ della macchi​na​ da presa dupli​ca​ la stati​ci​tà​ del perso​nag​gio​ di Johnny,​ conge​la​to​ nella ripe​ti​ti​vi​tà​ di una routi​ne​ asetti​ca,​ in cui ogni emozio​ne​ sembra​ esse​re​ stata risuc​chia​ta​ nel vorti​ce​ dell’a​pa​tia​. La spoglia​ foto​gra​fia​ di Harris Savides non può che acuire​ il senso di vuoto di una realtà​ eracli​tea,​ in cui tutto scorre​ ma nulla di consi​sten​te​ perma​ne,​ se non qualche​ affet​to​ isola​to​. E non è un caso che solo di fronte​ ai volteg​gi​ sul ghiaccio​ della figlia​ undi​cen​ne,​ Johnny,​ anno​-​ iato​ dalla vita al punto da addor​men​tar​si​ tra le cosce di un’aman​te​ occa​sio​-​ nale,​ riesca​ a ritro​va​re​ un barlu​me​ di joie de vivre.

Che cosa può offri​re​ a Cleo quel padre​-ragaz​zi​no​ che si diver​te​ a gioca​re​ a Guitar Hero e a prende​re​ il tè sott’ac​qua​ ma nell’u​ni​co​ momen​to​ in cui po-​ trebbe​ confes​sa​re​ i propri​ erro​ri​ getta le paro​le​ al vento, nel rumo​re​ assor​-​ dante​ di un elicot​te​ro​ in parten​za?​

La pelli​co​la​ di Sofia Coppo​la​ si gira un po’ intor​no,​ senza una meta, esatta​-​ mente​ come il suo prota​go​ni​sta​, mesco​lan​do​ nevro​si,​ affet​ti​ risco​per​ti​ e una rinno​va​ta​ consa​pe​vo​lez​za​. Al tele​fo​no​ con l’ex-moglie​ Johnny​ ammet​te​ il proprio​ falli​men​to​ umano ma dall’al​tra​ parte della cornet​ta​ non trova so-​stegno​ (non che a Bob Harris,​ consul​ta​to​ sulle scelte​ di tappez​ze​ria,​ andas​-​ se poi meglio)​ e la lenta agonia​ della sua vita senza senso si sfilac​cia​ in un fina​le​ talmen​te​ aperto​ da sembra​re​ fin troppo​ sconta​to​. O fuori da ogni in-​ terpre​ta​zio​ne​.

Il confron​to​ con Lost in Translation è incom​ben​te​ e impre​scin​di​bi​le​ e non può che gene​ra​re​ delu​sio​ne​ in chi si vede servi​re​ di nuovo lo stesso​ piatto​ in salsa un po’ più insi​pi​da​. Stephen Dorff, nono​stan​te​ l’otti​ma​ perfor​man​ce,​ non ha il cari​sma​ né lo humour​ sala​ce​ di Bill Murray​ in trasferta​ a Tokyo e già questo​ sareb​be​ suffi​cien​te​ a marca​re​ una diffe​ren​za​ insormon​ta​bi​le​. I dialo​ghi​ rare​fat​ti,​ le lunghe​ pause, la came​ra​ immo​bi​le,​ non basta​no​ a repli​ca​re​ lo stesso​ risul​ta​to​ e d’altra​ parte ci si potreb​be​ chiede​re​ a che pro repli​ca​re​ un capo​la​vo​ro​.

 

Tra i silen​zi​ contem​pla​ti​vi​ si insi​nua​no​ le musi​che​ origi​na​li​ compo​ste​ dai Phoenix e una colon​na​ sono​ra​ frammen​ta​ta​ (si spazia​ dal rock all’hip​-hop) da cui spicca​no​ I’ll Try Anything Once dei The Strokes (già presen​ti​ nella soundtrack​ di Marie Antoinette) e una balla​ta​ della buona notte suona​ta​ live dal came​rie​re​ dello Chateau​ Marmont,​ Romu​lo​. Alle scelte​ musi​ca​li​ di miss Coppo​la,​ come sempre,​ tanto di cappel​lo​.

Voto: 6

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: