Come Ammazzare il Capo e Vivere Felici

Horrible Bosses – Stati Uniti 2011 – di Seth Gordon

Commedia/Crime – 98′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Esasperati dai rispettivi datori di lavoro – psicopatici e fuori controllo (con tanto di aggettivi in sovrimpressione) – i tre “soci” ultratrentenni Dale, Nick e Kurt decidono di sbarazzarsene. Il progetto omicida si rivelerà più difficile del previsto, sfuggendo loro di mano.

Lavo​ra​to​ri​ frustra​ti​ di tutto il mondo, unite​vi:​ arri​va​ nelle sale italia​ne​ il film che vi inse​gna​ come libe​rar​vi​ del vostro​ capo e, maga​ri,​ farla franca​. L’idea​ è dello sceneg​gia​to​re​ tele​vi​si​vo​ Michael Markowitz che, in colla​-​ bora​zio​ne​ con John Francis Daley e Jonathan Goldstein, conse​gna​ al regi​sta​ Seth Gordon (al suo secon​do​ lungo​me​trag​gio​ dopo Tutti insieme inevitabilmente) una comme​dia​ nera irre​si​sti​bil​men​te​ scorret​ta:​ Horrible Bosses (la “tradu​zio​ne”​ italia​na​ non è altret​tan​to​ sinte​ti​ca​ ma rende bene l’idea)​.

I ‘bosse​s’​ in questio​ne​ sono niente​me​no​ che Jennifer Aniston nei panni (sexy e assai succin​ti)​ di una denti​sta​ ninfo​ma​ne,​ un Colin Farrell cocai​-​ noma​ne​ con impro​ba​bi​le​ ripor​to​ e una passio​ne​ per le arti marzia​li​ (il suo cellu​la​re​ squilla​ al ritmo di Kung Fu Fighting) e, dulcis in fundo, uno spie-​ tato,​ insop​por​ta​bi​le​ e disu​ma​no​ Kevin Spacey – atto​re​ che, prima anco​ra​ di diven​ta​re​ serial​ killer​ senza nome per David Fincher​ (Se7en), era stato Kaiser​ Soze per Bryan Singer​ (I Soliti Sospetti): il diavo​lo​ incar​na​to​.

Insom​ma,​ uno che di crudel​tà​ se ne inten​de​.

A fronteg​giar​li,​ con inespe​rien​za​ e buona volon​tà,​ sono tre volti noti della comme​dia​ all’a​me​ri​ca​na,​ parti​ti​ dalla gavet​ta​ tele​vi​si​va​ per appro​da​re​ con succes​so​ al grande​ schermo:​ l’esu​be​ran​te​ coppia​ di comi​ci​ Jason Sudeikis e Charlie Day (già insie​me​ in Amore a mille miglia di Nanet​te​ Burstein), affian​ca​ta​ dal più paca​to​ Jason Bateman, otti​mo​ carat​te​ri​sta​ lanciato​ dal serial​ mocku​men​ta​ry​ Arrested Development e diven​ta​to​ in breve presen​za​ fissa di ogni comme​dia​ made in US – demen​zia​le​ e non – che si rispetti​.

 

Una misce​la​ esplosi​va,​ dunque,​ resa ancor più incan​de​scen​te​ da un uso sa-​ piente​ dell’or​mai​ abusa​ta​ “rego​la​ del cameo”: la parte​ci​pa​zio​ne,​ diver​ten​te​ e diver​ti​ta,​ di atto​ri​ “impe​gna​ti”​ o entra​ti​ nell’i​co​no​gra​fia​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ holly​woo​dia​na,​ infi​la​ti​ per assur​do​ e con conse​guen​ze​ esila​ran​ti​ in ruoli grotte​schi​ e impen​sa​ti​. E’ il caso del premio​ Oscar Jamie Foxx – che della stessa​ ‘rego​la’​ aveva bene​fi​cia​to​ in Parto col Folle – qui impe​gna​to​ a presta​-​ re il volto (tatua​to)​ ad un “consu​len​te​ in omici​di”​ piutto​sto​ vena​le​ e dall’e​-​ loquen​te​ nomi​gno​lo​ di ‘Fotti​ma​dre’​ (motherfucker in origi​na​le)​ Jones. Meno fortu​na​to​ il britan​ni​co​ Ioan Gruffudd – il Mister​ Fanta​stic​ de I Fantastici Quattro – impec​ca​bi​le​ forni​to​re​ di servi​zi​ per “lavo​ri​ bagna​ti”;​ per non parla​re​ di Donald Sutherland in una parti​ci​na​ da tocca​ta​ scara​manti​ca​.

 

Se il cast in piena forma si assu​me​ la tota​le​ respon​sa​bi​li​tà​ della buona riu-​ scita​ del film, il semi​-esordien​te​ Gordon​ dimo​stra​ di avere i nume​ri​ per ge-​ stirlo,​ adottan​do​ la formu​la​ à la Todd Phillips (quella​ di Una Notte da Leoni, per inten​der​ci):​ un ristret​to​ gruppo​ di amici (meglio​ se in tre, da sempre​ il nume​ro​ perfet​to),​ maga​ri​ cono​sciu​ti​si​ ai tempi del liceo e ora coaliz​za​ti​ in una missio​ne​ comu​ne,​ condot​ta​ con strumen​ti​ ai limi​ti​ della lega​li​tà​ (laddo​ve​ c’era​no​ alcool​ e narco​tiz​zan​ti​ qui c’è cocai​na​ in quanti​tà​ indu​stria​le)​ e – in barba agli inizia​li​ propo​si​ti​ di buon senso e profes​sio​na​li​-​ tà – all’in​se​gna​ di goliar​dia​ e tota​le​ follia​. Se la norma​li​tà​ alber​gas​se​ nella comme​dia,​ d’altron​de,​ il gene​re​ smette​reb​be​ di fare il proprio​ dove​re​.

 

I codi​ci​ del male bonding, il lega​me​ viri​le​ sacro e indis​so​lu​bi​le,​ vengo​no​ così rispet​ta​ti​ piena​men​te:​ la presen​za​ femmi​ni​le,​ santi​fi​ca​ta​ (la timi​da​ e pudi​ca​ quasi​-mogliet​ti​na​ di Dale) o ecces​si​va​men​te​ sessua​liz​za​ta​ (la moglie di Spacey​ e la Aniston​ che, in quanto​ man heater, deve esse​re​ oltre​tut​to demo​niz​za​ta),​ rima​ne​ ai margi​ni,​ priva di un effet​ti​vo​ valo​re​ dramma​ti​co. Agli uomi​ni,​ inve​ce,​ resta tutta la scena e gli effet​ti​ si vedo​no​.

Volga​ri​tà,​ doppi sensi di ogni sorta e allu​sio​ni​ nemme​no​ troppo​ vela​te​ (la Aniston​ che consu​ma​ in progres​sio​ne​ “clima​ti​ca”​ alimen​ti​ dall’in​ne​ga​bi​le​ signi​fi​ca​to​ falli​co),​ si spreca​no​ come da copio​ne​ – e il doppiag​gio,​ inuti​le​ ri-​ peter​lo,​ non aiuta – ma la cari​ca​ dissa​cran​te​ del film di Gordon,​ special​-​ mente​ nei dialo​ghi​ tra i prota​go​ni​sti,​ non è priva di una certa legge​rez​za​ capa​ce​ di smorza​re​ perfi​no​ i tabù più deli​ca​ti​ (lo stupro,​ anche in versio​ne​ “carce​ra​ria”,​ e le mole​stie​ sessua​li,​ per citar​ne​ alcu​ni)​.

Il buon vecchio​ cita​zio​ni​smo​ post​-moder​no​ sembra​ non aver perso il pro-​ prio appeal,​ visto e consi​de​ra​to​ l’uso smoda​to​ che la comme​dia​ ne fa, ma anche a tal propo​si​to​ gli sceneg​gia​to​ri​ di Horrible Bosses (e Gordon​ con loro) sembra​no​ aver trova​to​ la chiave​ per rende​re​ il feno​me​no​ meno inva​-​ dente​ e fasti​dio​so​ – al punto da lancia​re​ un nuovo “modo di dire” duran​te​ i tito​li​ di coda (i fretto​lo​si​ sono invi​ta​ti​ a non lascia​re​ la sala).

Nel clima di surrea​le​ e viri​le​ condi​vi​sio​ne​ promos​so​ dal film, il sotto​te​sto​ socia​le​ lega​to​ alle diffi​col​tà​ del mondo del lavo​ro​ – e alla natu​ra​ compe​ti​ti​-​ va che lo contrad​di​stin​gue​ in epoca di peno​sa​ reces​sio​ne​ (le cui conse​guen​-​ ze sono ben visi​bi​li​ sul perso​nag​gio​ dell’a​mi​co​ disoc​cu​pa​to)​ – sembra​ per-​ dersi​ in beffa, per non dire in farsa. Dave Harken,​ Bobby Pellit​ e Julia Har-​ ris sono il ritrat​to​ ecces​si​vo​ del capo peggio​re​ che potreb​be​ capi​ta​re,​ o forse ne sono la copia esatta​. Quindi,​ istruzio​ni​ per l’uso: prima di lasciar​vi​ anda​re​ ad una risa​ta​ libe​ra​to​ria,​ pensa​te​ci​. I prossi​mi​ ad esse​re​ rinchiu​si​ in un baga​glia​io​ per un caffè troppo​ freddo​ potre​ste​ esse​re​ voi.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: