Albert Nobbs

Albert Nobbs – Regno Unito/Irlanda/Francia/Stati Uniti 2011 – di Rodrigo Garcia

Drammatico/Romantico – 113′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: mymovies.it)

Al Morrison’s Hotel di Dublino lavora Albert Nobbs (Glenn Close), mag- giordomo impeccabile con un grande sogno – aprire un negozio di proprietà – e due segreti: uno nascosto sotto il pavimento e l’altro sotto ai vestiti. Ad essergli fatale, però, non sarà una vita fatta di menzogne ma il desiderio di riscattarsi socialmente, chiedendo in sposa la cameriera Helen Dawes (Mia Wasikowska) e rivaleggiando con il fattorino Joe Mackins Aaron Johnson).

L’abi​to​ non farà il mona​co,​ ma nel caso di Albert Nobbs fa certa​men​te l’uomo​. Basan​do​si​ sulla novel​la​ omoni​ma​ di George Moore, il colom​bia​no Rodrigo Garcìa – quattro​ lungo​me​trag​gi​ all’at​ti​vo​ e una lunga mili​tanza​ tele​vi​si​va​ (con Six Feet Under e In Treatment) – ne porta malde​stra​mente​ sul grande​ schermo​ le rifles​sio​ni​ butle​ria​ne,​ ricor​ren​do​ all’ec​ce​zio​nale​ trasfor​mi​smo​ di Glenn Close per dar loro corpo.

 

I costu​mi​ di Pierre-Yves Gayraud (ed è sempre​ ciò che sta sotto di essi a fare la diffe​ren​za),​ così come il make​-up da Oscar del trio Martial Corne ville, Lynn Johnson e Matthew W. Mungle, sono i princi​pa​li​ respon​sabi​li​ di una meta​mor​fo​si​ che , seppur​ parzial​men​te​ debi​li​tan​te​ a livel​lo​ recita​ti​vo,​ consen​te​ alla Close di otte​ne​re​ la sua sesta nomi​na​tion​ in trent’anni​ e, soprat​tut​to,​ riscat​ta​ le sorti di una pelli​co​la​ altri​men​ti​ priva di spesso​re​ espressi​vo​.

Spalleg​gia​ta​ da una sceneg​gia​tu​ra​ ecces​si​va​men​te​ linea​re​ e per nulla esau-​ stiva,​ scritta​ a sei mani da John Banville, Gabriella Prekop e dalla stessa​ Close, anche la regia di Garcìa – che pure si è fatto le ossa (e ha dato i nata​li)​ a due dei miglio​ri​ serial​ mai prodot​ti​ da HBO – si dimo​stra​ sorpren​den​te​men​te​ piatta,​ a tratti​ dilet​tan​te​sca,​ renden​do​ assai arduo il natu​ra​le​ proces​so​ empa​ti​co​ dello spetta​to​re​ verso il prota​go​ni​sta​.

Il timi​do,​ paca​to​ Albert Nobbs – che sceglie​ di indos​sa​re​ il costu​me​ ma-​ schile​ per sottrar​si​ agli svantag​gi​ del proprio​ sesso nell’Ir​lan​da​ del dician​-​ nove​si​mo​ seco​lo​ – è una figu​ra​ con la quale non sareb​be​ diffi​ci​le​ soli​da​riz​-​ zare,​ se solo la forza dei suoi desi​de​ri​ non fosse frustra​ta​ da uno script che ne rende fumo​si​ i propo​si​ti,​ impe​den​do​ al perso​nag​gio​ di otte​ne​re​ quel cambia​men​to​ che costi​tui​sce,​ di fatto, l’esi​gen​za​ dramma​ti​ca​ portan​te​ di ogni ossa​tu​ra​ filmi​ca​ ben conge​gna​ta​.

Davan​ti​ allo specchio​ o in soli​lo​qui​ spezza​ti​ Albert Nobbs prende​ forma come identi​tà​ scissa,​ corro​sa​ da dubbi che non riesco​no​ a trova​re​ spiega​-​ zione​ e da un passa​to​ risol​to​ in una confes​sio​ne​ altret​tan​to​ incom​ple​ta​. Neppu​re​ l’incon​tro​ con un proprio​ simi​le​ (il pitto​re​ Hubert Page, magi​-​ stralmen​te​ inter​pre​ta​to​ dalla candi​da​ta​ all’O​scar​ Janet McTeer, unico perso​nag​gio​ vera​men​te​ vibran​te​ del film) serve a chiari​re​ ciò che è comun​que desti​na​to​ a rima​ne​re​ taciu​to​.

La ricer​ca​ spasmo​di​ca​ di una norma​li​tà,​ anche se trave​sti​ta​ e costan​te​men​-​ te in aller​ta,​ s’infran​ge​ contro​ il muro dei rifiu​ti​ e dell’u​ma​na​ meschi​ne​ria,​ in una socie​tà​ che spezza​ ogni vellei​tà​ con la legge secca e crude​le​ del più forte. Chi condu​ce​ un’esi​sten​za​ mise​ra​bi​le​ è condan​na​to,​ giacché​ l’occa​sio​-​ ne di elevar​si​ non gli viene forni​ta​ e, anche quando​ potreb​be​ sfiorar​la,​ un desti​no​ peggio​re​ soprag​giun​ge,​ ponen​do​ fine ad ogni ambi​zio​ne​.

La questio​ne​ socia​le,​ più anco​ra​ di quella​ sessua​le,​ emerge​ dalle trame sfi-​ brate​ del film di Garcìa,​ defi​nen​do​ la figu​ra​ di Albert Nobbs al di là della sua (in)consa​pe​vo​lez​za​ di gender. Dietro​ la morsa soffo​can​te​ dei corset​ti​ e di un corpo che non viene mai mostra​to​ nella sua carna​li​tà,​ se non in un istante​ di fuga​ce​ e frene​ti​ca​ disat​ten​zio​ne,​ Nobbs resta comun​que​ un uomo. E se il sesso biolo​gi​co​ è una costri​zio​ne​ inevi​ta​bi​le​ (alme​no​ per l’epoca),​ il gene​re​ rima​ne​ inve​ce​ salda​men​te​ lega​to​ all’a​gi​re,​ alla perfor​ma​ti​vità​ di un ruolo che diven​ta​ parte inte​gran​te​ della defi​ni​zio​ne​ dell’in​di​vi​duo.

La vesti​zio​ne​ “al femmi​ni​le”​ è quindi​ falli​men​ta​re​ e la corsa in riva al mare, lonta​na​ dall’es​se​re​ libe​ra​to​ria,​ si conclu​de​ infi​ne​ con una rovi​no​sa​ cadu​ta:​ la fluidi​tà​ di gene​re​ s’inter​rom​pe​ di schianto,​ rive​lan​do​ tutta la sua ineffi​-​ cacia,​ e ritor​na​re​ al ruolo socia​le​ auto​-impo​sto​ appa​re​ la sola oppor​tu​ni​tà​ possi​bi​le​ per impri​me​re​ una svolta​ alla propria​ vita. Eppu​re​ non è suffi​-​ ciente:​ l’ingiu​sti​zia​ fago​ci​ta​ gli inten​ti​ e sforzar​si​ di non esse​re​ se stessi​ per resi​ste​re​ alla furia delle onde (l’idea​le​ verghia​no​ dell’o​stri​ca​ trova qui una sua moder​na​ appli​ca​zio​ne)​ non basta più.

Il fina​le,​ che si vorreb​be​ lieto, ha allo​ra​ lo scopo di ripa​ra​re​ a un torto, of-​ frendo​ allo spetta​to​re​ la possi​bi​li​tà​ di vede​re​ infi​ne​ costi​tui​to​ un nucleo​ fa-​ milia​re,​ per quanto​ atipi​co,​ insuf​fla​to​ di calo​re​ umano, nel tenta​ti​vo​ di can-​ cella​re​ la freddez​za​ di un mondo in cui la bontà non viene ripa​ga​ta​ e l’arro​-​ ganza,​ la violen​za,​ sono le uniche​ mone​te​ di valo​re​ (ben lungi dall’es​se​re​ nasco​ste​ sotto le assi del pavi​men​to)​.

Ed è anche a causa della foto​gra​fia​ di Michael McDonough che quella​ stessa​ freddez​za​ traspa​re​ e infi​ne​ permea​ l’inte​ra​ pelli​co​la​ di Garcìa, do-​ mina​ta​ da perso​nag​gi​ squalli​di​ (picco​lo​ ruolo per un imbol​si​to​ Jonathan Rhys Meyers) ma ingiu​sta​men​te​ trionfan​ti​ e da un gene​ra​le​ senso di sgrade​vo​le​ incom​piu​tez​za,​ che a una trama narra​ti​va​ debo​le​ e preve​di​bi​le​ asso​cia​ uno sguardo​ super​fi​cia​le,​ senza inci​si​vi​tà,​ cui neppu​re​ un cast di livello​ (oltre a Close e McTeer anche Mia Wasikowka in un ruolo non parti​co​lar​men​te​ feli​ce)​ è in grado di ripa​ra​re​ davve​ro​.

Voto: 6

  

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: