Flight

Flight – Stati Uniti/Emirati Arabi – di Robert Zemeckis

Drammatico/Thriller – 138′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Dopo una notte di bagordi tra alcol, sesso e droga, il pilota Whip Whitaker (Denzel Washington) si mette alla guida del Southjet 227 per Atlanta. Complicazioni meccaniche e turbolenze conducono l’aereo allo schianto, ma Whitaker riesce a portare miracolosamente in salvo quasi tutti i passeggeri. La sua condotta, però, potrebbe costargli il carcere a vita.

Non è la prima volta che Denzel Washington si ritro​va​ inve​sti​to​ dall’in​-​ fausta​ respon​sa​bi​li​tà​ di salva​re​ centi​na​ia​ di vite umane. Era già succes​so​ nel 2009 con Pelham 123 – Ostaggi in metropolitana, e nel 2010 con Unstoppable – Fuori Controllo, entram​bi​ sotto la dire​zio​ne​ del compian​to​ Tony Scott, che di Washington aveva fatto il proprio​ atto​re​ fetic​cio​ al pari del fratel​lo​ Ridley​ con Russell Crowe.

   

Ma il ruolo che Robert Zemeckis asse​gna​ a Washing​ton​ in Flight disa​-​ ster-movie​ con inver​sio​ne​ (a testa in giù) verso il (melo)dramma​ etili​sta​ e proces​sua​le​ – è deci​sa​men​te​ diver​so​. Laddo​ve​ in entram​bi​ i film di Scott all’at​to​re​ due volte premio​ Oscar tocca​va​ la parte del quieto​ impie​ga​to​ pub-​ blico,​ costret​to​ da minac​ce​ terro​ri​sti​che​ (Pelham) o dall’al​trui​ negli​gen​za​ (Unstoppable) ad impe​di​re​ il dera​glia​men​to​ fata​le​ di una metro​po​li​ta​na​ prima, e di un treno merci poi, nell’o​pe​ra​ ulti​ma​ di Zemeckis l’eti​ci​tà​ del perso​nag​gio​ è messa seria​men​te​ in discus​sio​ne​.

 

Venti​cin​que​ minu​ti​ da brivi​do​ aprono​ un film che ambi​sce​ a diven​ta​re​ (l’enne​si​mo)​ tratta​to​ teolo​gi​co​-mora​le​ sulle conse​guen​ze​ nefa​ste​ dell’al​co​-​ lismo​ – tanto sull’in​di​vi​duo​ che sulla collet​ti​vi​tà​ – e sull’a​ta​vi​co​ bistic​cio​ tra i segua​ci​ del fata​li​smo​ reli​gio​so​ e i soste​ni​to​ri​ del ben più laico e blando​ concet​to​ di “desti​no”​. Pecca​to​ che le buone inten​zio​ni​ non siano adegua​ta​-​ mente​ bilan​cia​te,​ né tanto meno confer​ma​te​ dal risul​ta​to​. Zemeckis, caro alle gene​ra​zio​ni​ cresciu​te​ tra gli anni ’80 e ’90 a pane e Ritorno al Futuro (ma come dimen​ti​ca​re​ Chi ha incastrato Roger Rabbit e Forrest​ Gump?), sembra​ infat​ti​ esser​si​ progres​si​va​men​te​ e drasti​ca​men​te​ allon​ta​-​ nato​ dalla “retta via” – con una discu​ti​bi​le​ trilo​gia​ di proget​ti​ in motion-capture – senza farvi mai più ritor​no​.

La tensio​ne​ magi​stral​men​te​ orche​stra​ta​ nel terri​fi​can​te​ (all’in​gle​se)​ inci​pit​ del film si disper​de​ al momen​to​ dell’im​pat​to,​ e lo script di John Gatins – inspie​ga​bil​men​te​ candi​da​to​ all’O​scar​ per la miglior​ sceneg​gia​tu​ra​ origi​na​le​– preci​pi​ta​ al suolo con essa. Ad ecce​zio​ne​ dei brani dei Rolling​ Stones​ ascolta​ti​ in cuffia​ dall’e​si​la​ran​te​ pusher​ John Goodman (in peren​ne​ stato di grazia),​ la pelli​co​la​ di Zemeckis non ha ritmo, e la sua è una discesa​ lenta ma leta​le​ nella noia e nella bana​li​tà​ (perfi​no​ dell’in​ci​den​te​ si conosco​no​ già tutte le cause!). Del tipi​co​ prodot​to​ holly​woo​dia​no​ auto​re​fe​renzia​le​ e mora​liz​zan​te​ Flight ha tutti i difet​ti​ ma quasi nessun​ pregio,​ e d’altron​de,​ per uno che si è fatto le ossa sceneg​gian​do​ film sporti​vi​ (Hard Ball, Coach Carter, Dreamer – La strada per la vittoria) – dunque​ buoni​sti​ per onor di gene​re​ – non dev’es​se​re​ poi questa​ gran novi​tà​.

Il dramma​ del disa​stro​ aereo sventa​to​ per mira​co​lo​ (divi​no?​ umano?) – poco origi​na​le​ fin dalle premes​se​ – scivo​la​ ineso​ra​bil​men​te​ nel cliché,​ o meglio,​ nell’ac​cu​mu​lo​ indif​fe​ren​zia​to​ di stereo​ti​pi​ narra​ti​vi,​ e Denzel Wa- shington, che pure fa la propria​ parte in modo enco​mia​bi​le​ (portan​do​si​ a casa la sesta nomi​na​tion​ all’O​scar),​ lo abbrac​cia​ piena​men​te​.

  

Il fanta​sma​ edipi​co​ del padre, pilo​ta​ senza macchia​ e senza paura, perse​-​ guita​ Whita​ker​ nella casa di campa​gna​ dove vorreb​be​ rifu​giar​si​ e maga​ri​ disin​tos​si​car​si,​ perché​ no, in compa​gnia​ di una splendi​da​ rossa ex-eroino​-​ mane​ e massag​gia​tri​ce​ (l’ingle​se​ Kelly Reilly, credi​bi​le​ nei panni di un’a-​ meri​ca​na​ del Sud quanto​ Washington in quelli​ di un Inuit). Il nobi​le​ pro-​ posi​to​ di chiude​re​ con l’alcol​ dura, direb​be​ro​ i france​si,​ l’espace du matin, nono​stan​te​ l’incu​bo​ lega​le​ penda sulla testa indif​fe​ren​te​ di Whita​ker​ e uno zelan​te​ avvo​ca​to​ (Don Chaedle) faccia​ di tutto per ricor​dar​glie​lo;​ l’ex-moglie​ non lo vuole vede​re​ nemme​no​ dipin​to,​ e il figlio​ post​-adole​scen​te​ vorreb​be​ gonfiar​lo​ di botte come una zampo​gna​.

 

In tutto ciò, natu​ral​men​te,​ ecco inter​ve​ni​re​ una sana spolve​ra​ta​ di reli​gio​-​ sità​ made in South (Zemeckis torna a gira​re​ in Georgia​ a quasi vent’an​ni​ dal suo capo​la​vo​ro,​ Forrest Gump), tanto per allie​ta​re​ un quadro​ di de-​ grada​zio​ne​ rura​le​ altri​men​ti​ incom​ple​to​. Da un lato, il giova​ne​ co-pilo​ta​ bi-​ gotto​ invo​ca​ il princi​pio​ dell’ “act of God”, citan​do​ l’ope​ra​to​ imper​scru​ta​bi​-​ le del Signo​re,​ o piutto​sto​ del suo sventu​ra​to​ figlio​lo​ (“praise​ Jesus!”), a giusti​fi​ca​zio​ne​ dei mali del mondo. Dall’al​tro,​ il mala​to​ termi​na​le​ di cancro​ (altret​tan​to​ giova​ne)​ si appel​la​ più cini​ca​men​te​ all’u​ma​na​ inca​pa​ci​tà​ di control​la​re​ ciò che il buon Dio ha messo in serbo per noi («Once you reali​-​ ze all the random​ events​ in your life are God, you live a much easier​ life»).

A ben guarda​re,​ tutta​via,​ che Whip Whita​ker​ sia creden​te​ o meno ha ben poca impor​tan​za,​ giacché​ la sola fede conces​sa​gli​ è quella​ nei santis​si​mi​ Stati Uniti d’Ame​ri​ca​. Il fina​le​ – con gradi​ta​ appa​ri​zio​ne​ di Melissa Leo –rive​la​to​re:​ l’one​stà​ trionfa​ sulla menzo​gna,​ offren​do​ al reo confes​so​ la possi​bi​li​tà​ di otte​ne​re​ l’ago​gna​ta​ catar​si​ e di svergo​gnar​si​ senza rite​gno​ di fronte​ all’in​te​ro​ Paese, con una procla​ma​zio​ne​ di colpe​vo​lez​za​ che è più una carez​za​ allo smisu​ra​to​ ego nazio​na​le​. «I’ve betrayed​ the public​ trust», ammet​te​ infi​ne​ Whita​ker,​ e non potreb​be​ esser​ci​ frase miglio​re​ per ringal​luzzi​re​ gli animi di una nazio​ne​ che conce​pi​sce​ come “scanda​lo”​ l’even​tua​le​ possi​bi​li​tà​ che Beyoncé​ abbia canta​to​ “The Star-Spangled​ Banner”​ in play-​ back di fronte​ al Presi​den​te​ rieletto​.

 

Insom​ma,​ un uomo non può esse​re​ un eroe se la sua coscien​za​ non è im-​ maco​la​ta,​ se non ha la digni​tà​ e il corag​gio​ di ammet​te​re​ pubbli​ca​men​te​ il proprio​ erro​re​. E non è forse questa​ la soli​ta​ mine​stra​ riscal​da​ta​ che Holly​-​ wood ci propi​na​ a cucchia​ia​te​ da mezzo seco​lo​ a questa​ parte? Gatins,​ biso​-​ gna ammet​ter​lo,​ condi​sce​ la favo​let​ta​ senten​zio​sa​ e presun​tuo​sa​men​te​ edi-​ fican​te​ con un paio di trova​te​ ammi​re​vo​li​ (la tenta​zio​ne​ del frigo​-bar, la sniffa​ta​ rinvi​go​ren​te),​ e Zemeckis ci mette del suo diri​gen​do​ con inne​ga​-​ bile​ bravu​ra​ una sequen​za​ d’aper​tu​ra​ strepi​to​sa,​ che pone lo spetta​to​re​ nei panni del passeg​ge​ro​ terro​riz​za​to​. La cadu​ta,​ tutta​via,​ è inevi​ta​bi​le,​ preve​-​ dibi​le​ come tutto ciò che la prece​de,​ e niente​ e nessu​no​ può fare nulla per arre​star​la​.

Anzi​ché​ lancia​re​ freccia​ti​ne​ sarca​sti​che​ contro​ i cana​de​si​ (che già Ben Af- fleck si era premu​ra​to​ di casti​ga​re​ in Argo), allo​ra,​ sareb​be​ forse il caso che ogni tanto anche gli ameri​ca​ni​ si prendes​se​ro​ l’umi​le​ briga di guarda​re​ in casa propria,​ se non proprio​ per rinne​ga​re,​ quanto​ meno per evita​re​ di attri​bui​re​ rico​no​sci​men​ti​ a film che conti​nua​no​ a perpe​tua​re​ lo stanco​ refrain dell’au​to​-cele​bra​zio​ne​ mora​le​. E a Zemeckis, che dire? Forse un bel Ritor​no​ al Passa​to​ non potreb​be​ che giovar​gli​.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: