Red

Red – Stati Uniti/Cina 2010 – di Robert Schwentke

Azione/Commedia/Crime – 111′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: mymovies.it)

Quando la sua quieta esistenza di pensionato viene sconvolta da un tentato omicidio, l’ex-agente della CIA Frank Moses si convince a rimettere insieme la vecchia squadra di “reduci estremamente distruttivi” per sventare il complotto che lo vorrebbe vedere morto. Nella sua rocambolesca avventura trascine anche l’ignara centralinista Sarah Ross.

Per Sene​ca​ “la vecchia​ia​ è una malat​tia​ ingua​ri​bi​le”​ ma per quanto​ Mor- gan Freeman (alias Joe Mathe​son)​ possa dispia​cer​si​ di esser​ne​ rima​sto​ vitti​ma​ non sembra​no​ pensar​la​ allo stesso​ modo i prota​go​ni​sti​ di RED (l’acro​ni​mo​ origi​na​le​ sta per “Reti​red​ Extre​me​ly​ Dange​rous”),​ adrena​li​ni​ca​ comme​dia​ della terza età ispira​ta​ al graphic​ novel di Warren Ellis e Cully Hamner e candi​da​ta​ ai Golden​ Globe 2011 come miglior​ film comi​co/musi​ca​le​.

Perchè​ passa​re​ il tempo a colti​va​re​ avoca​do​ e a sforna​re​ torti​ne?​ Rimet​ter​-​ si in pista a sessan​t’an​ni​ suona​ti​ è deci​sa​men​te​ più diver​ten​te​. Dopo Bat-​ man, Super​man​ e Wonder​ Woman alla DC Comics​ appro​da​no​ i super​-pen-​ siona​ti,​ armi leta​li​ che con l’avan​za​re​ dell’e​tà​ non hanno perso il proprio​ morden​te​ e non vedo​no​ l’ora di rispol​ve​ra​re​ l’arti​glie​ria​ pesan​te​. Affi​dan​-​ dosi​ allo script dei fratel​li​ Jon e Erich Hoeber – un misto di Mission Impossible e Charlie’s Angels nuova manie​ra​ shake​ra​to​ a dove​re​ – il regi​sta​ tede​sco​ Robert Schwentke (Flightplan, Un amore all’improvviso) li porta sullo schermo​ renden​do​li​ prota​go​ni​sti​ di un action​-movie​ dal ritmo incal​zan​te,​ retto senza fati​ca​ più dai rampan​ti​ ultra​cin​quan​ten​ni​ che non dalle nuove leve (l’agen​te​ William​ Cooper/​Karl Urban).

  

Prota​go​ni​sta​ della tetra​lo​gia​ super​-action​ Die Hard, Bruce Willis non ha proble​mi​ ad assu​me​re​ i panni di Frank Moses, effi​ca​cis​si​ma​ macchi​na​ da guerra​ cui la sere​na​ (e noio​sa)​ routi​ne​ provin​cia​le​ va piutto​sto​ stretta​ ma che anco​ra​ spera di poter​si​ fare una vita, maga​ri​ leggen​do​ roman​zet​ti​

 

Harmo​ny​ e conqui​stan​do​ la donna di cui è (tele​fo​ni​ca​men​te)​ inna​mo​ra​to​ (una svampi​ta​ Mary​-Louise​ Parker)​. Ovvian​do​ all’e​stre​ma​ pover​tà​ del suo reper​to​rio​ espressi​vo​ (e qui non vale neppu​re​ la defi​ni​zio​ne​ di Sergio Leone “con cappel​lo​ e senza cappel​lo”,​ semmai​ solo “senza capel​li”)​ con un piglio​ sornio​ne​ che lo mantie​ne​ indif​fe​ren​te​ e compas​sa​to​ perfi​no​ quando​ spezza​ trachee​ e scende​ da auto​mo​bi​li​ in corsa (il surrea​li​smo​ dell’action​ holly​woo​dia​no,​ si sa, non ha confi​ni),​ Willis​ è il perfet​to​ trasci​na​to​re – distrut​ti​vo​ sì, ma anche “smiela​to”​ – di una gang di inter​pre​ti​ etero​ge​nea eppu​re​ compat​ta​ nel suo esse​re​ sopra le righe.

  

Fiore all’oc​chiel​lo​ di una pelli​co​la​ ultra​-commer​cia​le,​ che nell’an​zia​ni​tà​ dei prota​go​ni​sti​ trova l’uni​co​ elemen​to​ di origi​na​li​tà,​ il cast stella​re​ riuni​sce​ premi Oscar e candi​da​ti,​ volti noti del block​bu​ster​ a stelle​ e strisce​ e pro-​ fessio​ni​sti​ dota​ti​ di una versa​ti​li​tà​ tale da poter inter​pre​ta​re​ qualsia​si​ ruolo. E’ il caso della “dame” Helen Mirren che non perde la propria,​ regale,​ elegan​za​ neppu​re​ quando​ imbrac​cia​ un mitra​glia​to​re​ e che, a diffe​renza​ dell’al​tret​tan​to​ divi​na​ Meryl Streep (di cui sareb​be,​ pare, il corri​spetti​vo​ britan​ni​co),​ non esita a lanciar​si​ nella mischia​ insie​me​ ai colle​ghi​ maschi,​ senza sfigu​ra​re​ mini​ma​men​te​.

  

Più “in parte” uno strepi​to​so​ John Malkovich, nel folle ruolo (compli​ce​ un aiuti​no​ “liser​gi​co”)​ dell’a​gen​te​ Marvin​ Boogs, psico​pa​ti​co​ con manie di perse​cu​zio​ne​ e vero centro​ comi​co​ del film. Parti​co​lar​men​te​ suscet​ti​bi​le​ al-​ l’argo​men​to​ “vecchia​ia”,​ è a lui che si deve uno dei momen​ti​ più impro​ba​-​ bili​ della pelli​co​la,​ rivi​si​ta​zio​ne​ in chiave​ action​ del cele​ber​ri​mo​ scontro​ a fuoco di Per un pugno di dollari. Della serie: “quando​ una donna col bazoo​ka​ incon​tra​ un uomo con la pisto​la,​ la donna col bazoo​ka​ è una donna morta.”

  

Infar​ci​to​ di esplosio​ni,​ spara​to​rie​ e combat​ti​men​ti​ che hanno dell’i​nu​ma​no​ (la scazzot​ta​ta​ tra Willis​ e Urban avrebbe​ manda​to​ al creato​re​ qualsia​si​ morta​le​ degno di tale nome) e basa​to​ su un intrec​cio​ appe​na​ più svilup​pa​to​ di un Mac​Guf​fin​ hitch​coc​kia​no​ (aperto​ a possi​bi​li​ sequel),​ RED sfrutta​ le marche​ stili​sti​che​ più eviden​ti​ del gene​re​ senza preoc​cu​par​si​ di quanto​ possa​no​ risul​ta​re​ stereo​ti​pa​te​ o infla​zio​na​te,​ giocan​do​ a carte scoper​te​ con uno spetta​to​re​ che allo sforzo​ intel​let​ti​vo​ prefe​ri​sce​ un paio d’ore di evasio​-​ ne poco impe​gna​ti​va​. Insom​ma,​ intrat​te​ni​men​to​ holly​woo​dia​no​ allo stato puro: niente​ che non sia già stato visto ma che fa sempre​ piace​re​ rive​de​re​.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: