La pelle che abito

La piel que habito – Spagna 2011 – di Pedro Almodovar

Drammatico/Horror/Thriller – 120′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: mymovies.it)

Nella sua casa-clinica fuori Toledo il chirurgo plastico Robert Ledgard conduce esperimenti su una misteriosa paziente reclusa, con l’obiettivo di creare una pelle artificiale pressoché perfetta: dietro la reale identi della donna si cela però un segreto custodito per quattro lunghi anni.

Il cine​ma​ di Pedro Almovar cambia​ pelle: dopo trent’an​ni​ di ecces​si​ cine​ma​to​gra​fi​ci,​ volti a raccon​ta​re​ con surrea​le​ ironia​ gioie, tormen​ti​ e (melo)drammi​ della contem​po​ra​nei​tà​ (iberi​ca),​ il vulca​ni​co​ regi​sta​ spagno​-​ lo impri​me​ una svolta​ deci​si​va​ alla propria​ carrie​ra​. Con La pelle che abito strepi​to​so​ thril​ler​ presen​ta​to​ in concor​so​ al 65esi​mo​ Festi​val​ di Cannes​ – Almovar non rinne​ga​ i capi​sal​di​ tema​ti​ci​ ed espressi​vi​ della propria​ filo​so​fia​ cine​ma​to​gra​fi​ca​ ma si adden​tra​ nei terri​to​ri,​ solo parzial​mente​ esplora​ti,​ della più luci​da​ follia​ umana, inda​gan​do​ con stile glacia​le​ le ragio​ni​ di un desi​de​rio​ senza più legge.

  

Riadat​tan​do​ per lo schermo​ il roman​zo​ di Thierry Jonquet, Tarantola, e traspor​tan​do​ne​ la storia,​ densa di violen​za​ ed eroti​smo,​ in una Spagna​ ap-​ pena​ futu​ri​bi​le​ (la Tole​do​ del 2012), Almovar cuce fra loro frammen​ti​ di melò e noir, confe​zio​nan​do​ l’abi​to​ (attil​la​to)​ più adatto​ alla sua rinno​va​ta sensi​bi​li​tà​ regi​sti​ca:​ un cine​ma​ chirur​gi​co​ e mini​ma​le,​ che non rinun​cia​ a certe grotte​sche​ esube​ran​ze​ del passa​to​ (incar​na​te​ qui dal perso​nag​gio​ del “Tigre”/Roberto Álamo) ma che si allon​ta​na​ dalla passio​na​li​tà​ calo​rosa​ ed estrinse​ca​ della cine​ma​to​gra​fia​ prece​den​te​ per dedi​car​si​ alla visce​rali​tà​ dei senti​men​ti​ umani, all’or​ro​re​ psico​lo​gi​co​ che si mani​fe​sta​ nel corpo e sul corpo.

A vent’an​ni​ di distan​za​ da Legami! – pelli​co​la​ tra le più genia​li​ della filmo​-​ grafia​ almo​do​va​ria​na​ e non priva di legà​mi​ (si perdo​ni​ il gioco di paro​le)​ con La pelle che abito – un Antonio Banderas più cupo e distur​ba​to​ che mai torna a lavo​ra​re​ con il “maestro”​ che lo lanciò,​ nel 1982, in Labirinto di passioni, avvian​do​ un soda​li​zio​ che trova uguali​ soltan​to​ nel binomio​ holly​woo​dia​no​ Tim BurtonJohnny Depp. Franken​stein​ contempo​ra​neo,​ consu​ma​to​ da un’osses​sio​ne​ vendi​ca​ti​va​ che si trasfor​ma​ in osses​sio​ne​ d’amo​re,​ il Robert​ Ledgard​ di Banderas recu​pe​ra,​ esaspe​ran​doli,​ i tratti​ del giova​ne​ psico​pa​ti​co​ Ricky, infa​tua​to​ a tal punto dell’at​tri​cetta​ Mari​na​ (Victoria Abril) da tener​la​ prigio​nie​ra​ nel suo stesso​ appar​tamen​to​.

  

Sulle mede​si​me​ dina​mi​che​ di reclu​sio​ne​ e conse​guen​te​ sindro​me​ di Stoc-​ colma​ (vera o presun​ta)​ si fonda anche l’ulti​ma​ fati​ca​ di Almovar, che inten​si​fi​ca​ la linea thril​le​ri​sti​ca​ a (parzia​le)​ disca​pi​to​ di quella​ melo​dram​-​ mati​ca​ e asciuga​ le esage​ra​zio​ni​ pop-surrea​li​ste​ a favo​re​ di uno stile teso, spieta​to,​ razio​na​le​ – ma non per questo​ emoti​va​men​te​ freddo​ – nel quale i fili condut​to​ri​ del suo cine​ma​ trova​no​ modo di dipa​nar​si​. In linea con la produ​zio​ne​ più recen​te​ (da La mala educacìon in poi), il regi​sta​ casti​-​ gliano​ si insi​nua​ nei torbi​di​ meandri​ della vendet​ta​ e di un crimi​ne​ che, una volta commes​so,​ pone vitti​ma​ e carne​fi​ce​ a conti​nuo​ confron​to​ con gli spettri​ del passa​to:​ un tormen​to​ costan​te​ e sotta​ciu​to​ che non può esse​re​ espiato​ se non con la morte.

In perfet​ta​ armo​nia​ con un concept regi​sti​co​ atten​to​ a non offri​re​ mai anti​-​ cipa​zio​ni​ deci​si​ve​ ma solo indi​zi​ spora​di​ci,​ il magni​fi​co​ lavo​ro​ di montag​-​ gio del fede​lis​si​mo​ José Salcedo (con Almovar fin dagli esordi)​ – fonda​to​ sulla destrut​tu​ra​zio​ne​ dell’or​di​ne​ crono​lo​gi​co​ degli eventi​ e sul progres​si​vo​ svela​men​to​ delle infor​ma​zio​ni​ – accom​pa​gna​ lo spetta​to​re​ verso l’usci​ta​ di un labi​rin​to​ psico​lo​gi​co​ (e geome​tri​co)​ di tormen​ti​ inte​rio​ri e follia,​ nel quale i confi​ni​ di gene​re​ e sessua​li​tà,​ tipi​ca​men​te​ inda​ga​ti​ dal cine​ma​ almo​do​va​ria​no,​ si fanno anco​ra​ più ambi​gui​ ed insta​bi​li​. Trave​sti​mento​ e transes​sua​li​tà​ cedo​no​ il posto ad una radi​ca​le​ (e fanta​scien​ti​fi​ca)​ meta​mor​fo​si,​ nella quale maschi​le​ e femmi​ni​le​ risul​ta​no​ divi​si​ soltan​to​ da una barrie​ra​ epite​lia​le​ creata​ a tavo​li​no:​ le doman​de​ etiche​ soccom​bo​no​ alla distur​ban​te​ mera​vi​glia​ della creazio​ne​ (o della rina​sci​ta),​ allon​ta​nan​do​ l’atten​zio​ne​ dalla matri​ce​ scienti​fi​ca​ della vicen​da​ narra​ta​ per foca​liz​zar​si​su quella​ (dis)umana.

“L’ero​ti​smo,​ prima di tutto, può esse​re​ reale o imma​gi​na​to,​ reci​pro​co​ o no, il desi​de​rio,​ il flirta​re,​ il timo​re​ di falli​re,​ vulne​ra​bi​li​tà,​ gelo​sia,​ e violen​za” soste​ne​va​ Louise​ Bourgeois,​ dalle cui “scultu​re”​ trae ispira​zio​ne​ l’enig​mati​ca​ Vera, prigio​nie​ra​ di un corpo impo​sto,​ una cella senza sbarre​ che potreb​be​ condur​la​ alla pazzia​ se lo yoga non fosse l’uni​ca​ via per la salu​te​ menta​le. Ne Gli Abbracci Spezzati l’espli​ci​to​ rife​ri​men​to​ a Gli Amanti di Magrit​te​ segna​va​ l’imma​gi​na​rio​ icono​gra​fi​co​ di un film dall’e​le​va​to​ potenzia​le​ meta​lin​gui​sti​co;​ in La pelle che abito i codi​ci​ espressi​vi​ dell’ar​te​ contem​po​ra​nea​ e rina​sci​men​ta​le​ (la ripro​du​zio​ne​ de La Venere di Tizia​no​ troneg​gia​ nella villa di Robert)​ diven​ta​no​ i signi​fi​can​ti​ di un morbo​so​ culto della bellez​za​ e della perfe​zio​ne​.

  

Nei lavo​ri​ inquie​tan​ti​ di Vera – assem​blag​gi​ antro​po​mor​fi​ di tessu​to​ e stof-​ fa lace​ra​ta​ – risie​de​ una sessua​li​tà​ incer​ta​ e rabbio​sa,​ para​dos​sal​men​te​ (auto)distrut​ti​va:​ la ribel​lio​ne​ dello sguardo​ (e del corpo) femmi​ni​le​ contro​ l’aggres​sio​ne​ maschi​le​ (rappre​sen​ta​ta,​ nelle opere della Bourgeois,​ da un padre “fame​li​co”​ che deve esse​re​ a sua volta divo​ra​to)​. Ed è proprio​ lo sguardo​ della “donna” a perfo​ra​re​ il quadro​ filmi​co,​ gene​ran​do​ una molti​-​ plica​zio​ne​ dei punti di vista che contri​bui​sce​ a diso​rien​ta​re​ lo spetta​to​re,​ renden​do​ i mecca​ni​smi​ di identi​fi​ca​zio​ne​ sempre​ più incer​ti​ e pale​san​do​ l’atti​tu​di​ne​ almo​do​va​ria​na​ ad un uso meta​ri​fles​si​vo​ dei media visi​vi​ e vi-​ suali​.

Sulla pare​te​-schermo​ di Robert​ l’imma​gi​ne​-affe​zio​ne​ deleu​zia​na​ – la “la-​ stra inner​va​ta”​ del primo piano – si ampli​fi​ca​ a dismi​su​ra,​ diven​tan​do​ fe-​ ticcio​ dupli​ce:​ copia arti​fi​cia​le​ di un amore passa​to​ e, al contem​po,​ donna​-ogget​to,​ donna​-giocat​to​lo,​ creatu​ra​ mostruo​sa​ e perfet​ta​ parto​ri​ta​ dalla scienza​. Remi​ne​scen​ze​ bergma​nia​ne​ si conden​sa​no​ nell’im​ma​gi​ne​ di un volto ormai privo della propria​ identi​tà​ prima​ria:​ uomo e donna si sovrap​-​ pongo​no,​ annul​lan​do​si​ l’uno nell’al​tra,​ ma dietro​ la masche​ra​ inquie​tan​te​ e le cica​tri​ci​ di un assem​blag​gio​ magi​stral​men​te​ riusci​to​ la consa​pe​vo​lez​za​ di sé resta salda e pazien​te,​ pronta​ ad esplode​re​.

Affian​ca​ta​ dall’e​spe​rien​za​ di due almo​do​va​ria​ni​ di vecchia​ data (Bande​ras​ e Marisa Paredes, nel ruolo di “gover​nan​te”​ devo​ta),​ la flessuo​sa​ Elena Anaya si conce​de​ con grazia​ alle tortu​re​ del proprio​ demiur​go​ – dentro​ e fuori lo schermo​ – con l’inten​to​ di farsi icona, oltre che nuova musa (dopo Carmen Maura, Victoria Abril e Penelope Cruz). Sul suo volto e sul suo corpo Almovar – regi​sta​ “di donne” senza eguali​ – diagno​sti​ca​ le nevro​si​ di un sogget​to​ “femmi​ni​le”​ capa​ce​ di una matu​ri​tà​ e di una forza che non trova para​go​ni​ nel suo corri​spet​ti​vo​ maschi​le,​ sancen​do​ne​ la netta supe​rio​ri​tà​.

     

Aperto​ a conti​nue​ speri​men​ta​zio​ni​ pur senza mai dimen​ti​ca​re​ i pila​stri​ portan​ti​ del proprio​ credo cine​ma​to​gra​fi​co,​ Almovar si confer​ma​ capa​-​ ce di stare al passo coi tempi, cimen​tan​do​si​ con scena​ri​ inno​va​ti​vi​ e trac-​ ciati​ non anco​ra​ battu​ti:​ tra i colo​ri​ sati​na​ti​ della cupa foto​gra​fia​ di José Luis Alcaine e le splendi​de​ melo​die​ compo​ste​ da Alberto Iglesias ha luogo la trasfor​ma​zio​ne​ di un cine​ma​ sempre​ fede​le​ ma mai uguale​ a se stesso,​ che dalla sicu​rez​za​ dell’a​bi​tu​di​ne​ trae l’impul​so​ vita​le​ al cambia​mento​. Un cine​ma​ che, lungo tre decen​ni,​ conti​nua​ anco​ra​ a sorpren​de​re,​ sconvol​ge​re​ ed emozio​na​re,​ con la stessa​ – forse maggio​re​ – freschez​za​ delle prime volte.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: