Lasciami entrare

Låt den rätte komma in – Svezia 2008 – di Tomas Alfredson

Crime/Drammatico/Fantasy – 114′

Scritto da Francesco Carabelli (fonte immagine: movieplayer.it)

Svezia 1981. Il dodicenne Oskar fa conoscenza con la vicina di casa, Eli sua coetanea. Ben presto se innamore ma dovrà fare i conti con il suo lato oscuro

Cosa c’è di più candi​do​ ed inno​cen​te​ di un amore tra due pre-adole​scen​ti​. Appa​ren​te​men​te​ nulla, se non fosse che lei è un vampi​ro​ e per soprav​vi​ve​-​ re deve ucci​de​re​ e succhia​re​ sangue​ alle sue vitti​me​. Come far coesi​ste​re​ amore e vampirismo in una picco​la​ donna, che appa​ren​te​men​te​ sembra​ soffe​ren​te​ e indi​fe​sa?​ La sua diver​si​tà​ ne marca ogni gesto, persi​no​ l’entra​-​ re a casa di un amico deve esse​re​ accom​pa​gna​to​ dal permes​so​ mani​fe​sto​ dell’o​spi​te​ (“lasciami entrare”).

Eli prefe​ri​sce​ la notte, di giorno​ dorme nella sua culla/bara per non veni​re​ in contat​to​ con la luce; veste legge​ro​ pur nel freddo​ dell’in​ver​no;​ emana uno strano​ odore che subi​to​ l’ami​co​ Oskar nota; non può mangia​re​ nulla di quello​ che mangia​no​ gli umani, neppu​re​ un sempli​ce​ dolciu​me​. In lei vive una doppia​ natu​ra​ che fa coesi​ste​re​ il bambi​no​ e l’amo​re​ di cui questo​ è ca-​ pace​ con una rabbia​ repres​sa​ che sfoga sulle sue vitti​me​ senza rite​gno​ e pietà. L’uni​ca​ pietà sembra​ prova​re​ nei confron​ti​di Oskar, al quale riesce​ ad evita​re​ l’attac​co​ diret​to,​ nono​stan​te​ sia provo​ca​ta​ dalla vista del sangue​.

Forse che l’amore riesca​ in qualche​ modo a vince​re​ sul vampirismo? Il film non manca di tocca​re​ temi impor​tan​ti​quali la diffi​col​tà​ di esse​re​ adolescen​ti,​ con i feno​me​ni​ di bullismo verso i più debo​li​ (Oskar) e i conflit​ti​ e la voglia​ di rivin​ci​ta​ che ne deri​va​no​. La violenza sembra​ esse​re​ l’uni​ca​ ri-​ sposta​ alle violen​ze​ subi​te​ e in molti passi del film la violen​za​ va ben oltre ogni pur fervi​da​ imma​gi​na​zio​ne​. In qualche​ modo viene tocca​to​ anche il proble​ma​ della morte, dando​ne​ una visio​ne​ pessi​mi​sta​ e tragi​ca:​ molte le morti causa​te​ diret​ta​men​te​ da Eli e dal padre che non mostra​no​ alcu​na​ pietà per le proprie​ vitti​me,​ ma molte sono anche le soffe​ren​ze​ indi​ret​te​. Vi è poi una denun​cia​ dell’u​so​ di droghe e alcool, messe quasi sullo stesso​ piano del vampi​ri​smo,​ quasi alcool e sangue fosse​ro​ due vizi che mostra​no le stesse​ proble​ma​ti​che:​ si cerca di sfuggir​ne,​ ma se ne rima​ne​ invi​schiati​per soprav​vi​ve​re​.

Eppu​re​ l’amo​re​ di Oskar ed Eli è qualco​sa​ che li lega e che dà loro sicu​rez​-​ za, pur nella tragi​ci​tà​ delle esperien​ze​ vissu​te,​ renden​do​li ​in qualche​ modo altri. Visi​va​men​te​ la pelli​co​la​ è molto cura​ta​ con una prefe​ren​za​ per le am-​ bienta​zio​ni​ nottur​ne:​ neve e notte sono, insie​me​ al sangue​, delle costan​ti​ che ci accom​pa​gna​no​ per tutto il corso della pelli​co​la​ e marca​no​ profon​da​-​ mente​ la storia​ raccon​ta​ta​. Nel comples​so​ una pelli​co​la​ ben struttu​ra​ta,​ che si avva​le​ di una reci​ta​zio​ne​ vissu​ta​ dei giova​ni​ atto​ri​ e che ha permes​so​ al regi​sta​ Tomas Alfredson di fregiar​si​ di molti rico​no​sci​men​ti​ a livel​lo​ inter​na​zio​na​le​. Il film si basa sul best​-seller​ dell’au​to​re​ svede​se​ John Ajvide Lindqvist.

Voto: 7

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: