Quasi Amici

Intouchables – Francia 2011 – di Olivier Nakache, Éric Toledano

Biografico/Commedia/Drammatico – 112′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: mymovies.it)

Contro il parere di tutti, Philippe (François Cluzet), miliardario tetraplegico, assume l’ex-galeotto Driss (Omar Sy) come badante, convinto che il ragazzo abbia più potenziale di quanto sembri. Il tempo gli darà ragione e l’amicizia che nasce tra i due cambie la vita di entrambi.

In Francia​ è diven​ta​to​ un picco​lo​ caso, incas​san​do​ più di settan​ta​ milio​ni​ di euro (dieci soltan​to​ nel week-end d’aper​tu​ra)​ e scalan​do​ le vette del box-offi​ce​ nel giro di poche setti​ma​ne​. Ma il succes​so​ di Quasi Amici (l’imba​-​ razzan​te​ tito​la​zio​ne​ italia​na​ è total​men​te​ priva di giusti​fi​ca​zio​ne)​ – comme​-​ dia esube​ran​te​ e spudo​ra​ta​ firma​ta​ e diret​ta​ da Eric Toledano e Olivier Nakache – non accen​na​ a fermar​si​ qui, promet​ten​do​ di sbanca​re​ il botte​-​ ghino​ anche nei Paesi d’oltre​ma​ni​ca​.

   

Traendo​ ispira​zio​ne​ dalla storia​ vera dell’a​ri​sto​cra​ti​co​ Philip​pe​ Pozzo di Borgo e della sua amici​zia​ quasi venten​na​le​ con Abdel Yasmin​ Sellou​ (cui è dedi​ca​to​ anche un capi​to​lo​ del roman​zo​ auto​bio​gra​fi​co​ Le Second Souffle), Tole​da​no​ e Naka​che​ affron​ta​no​ il tema della disa​bi​li​tà​ con un piglio​ ironi​co​ irre​si​sti​bi​le​ e al tempo stesso​ disar​man​te,​ capa​ce​ di rove​scia​re​ – per non dire dissa​cra​re​ – i tabù di una condi​zio​ne,​ emoti​va​ prima anco​ra​ che fisi​ca,​ tutt’al​tro​ che comi​ca​.

  

L’incon​tro​ tra due diver​si​tà​ appa​ren​te​men​te​ incon​ci​lia​bi​li​ ma para​dos​sal​-​ mente​ affi​ni​ – topos ricor​ren​te​ nella tradi​zio​ne​ della comme​dia​ cine​ma​to​-​ grafi​ca​ – è il moti​vo​ trainan​te​ di una sceneg​gia​tu​ra​ priva di sbava​tu​re,​ che non si lascia​ intrap​po​la​re​ nelle maglie​ del senti​men​ta​li​smo​ o nella descri​-​ zione​ dida​sca​li​ca​ e mora​leg​gian​te​ di una realtà​ socia​le​ degra​da​ta​ (pochi ac-​ cenni​ sono suffi​cien​ti​ a mostra​re​ la vita di Driss nelle banlieues pari​gi​ne),​ ma prefe​ri​sce​ affi​da​re​ alla carat​te​riz​za​zio​ne​ dei due prota​go​ni​sti​ (straordi​-​nari​ Cluzet​ e Sy) il compi​to​ di risol​ve​re​ le tensio​ni,​ umane e cultu​ra​li,​ insi​te​ nella loro rela​zio​ne​.

La quali​tà​ di scrittu​ra​ della coppia​ Tole​da​no​-Naka​che​ (insie​me​ su picco​lo​ e grande​ schermo​ fin dal ’95) si esprime​ al meglio​ fin dalle primis​si​me​ battu​-​te – una corsa mozza​fia​to​ sul lungo​-Senna​ con risvol​ti​ (im)preve​di​bil​men​te​comi​ci​ – metten​do​ in risal​to​ la predi​spo​si​zio​ne​ natu​ra​le​ dei due auto​ri​ ad uno humour​ poli​ti​ca​men​te​ scorret​to​ ma proprio​ per questo​ incre​di​bil​men​-​te effi​ca​ce​. La naïveté di Driss verso la condi​zio​ne​ di Philip​pe​ – esplici​ta​ta​nelle esila​ran​ti​ sequen​ze​ di “adde​stra​men​to”​ – agisce​ come un vero e pro-​prio deto​na​to​re​ di risa​te,​ scate​nan​do​ una reazio​ne​ a cate​na​ di umori​smo​irre​fre​na​bi​le,​ ed è anche all’u​so​ sapien​te​ di strate​gie​ oppo​si​ti​ve​ che si deveil perfet​to​ funzio​na​men​to​ di questa​ comme​dia​ brillan​te​ e deli​ca​ta​.

Al ricco indu​stria​le​ che ascolta​ Berlioz​ e mano​vra​ un’orche​stri​na​ da came​ra​come fosse il proprio​ stereo​ perso​na​le,​ l’irri​ve​ren​te​ (ma adora​bil​men​te​ in-​genuo)​ Driss oppo​ne​ la gioia funk e caoti​ca​ dei Kool and the Gang e degli Earth Wind and Fire (memo​ra​bi​le​ la sequen​za​ di ballo), il canto stonato​ da vasca da bagno, la risa​ta​ incon​te​ni​bi​le​ di fronte​ al ridi​co​lo​ uomo​-albe​ro​ dell’o​pe​ra​ wagne​ria​na​. E sulla tela, imbrat​ta​ta​ quasi per gioco, appronta​ il campo per una rifles​sio​ne​ colla​te​ra​le​ sul valo​re​ esteti​co​ ed econo​mico​ dell’ar​te,​ che è piutto​sto​ un modo impli​ci​to​ e meno sconta​to​ di affronta​re​ la questio​ne​ feno​me​no​lo​gi​ca​ delle appa​ren​ze​ su cui, in fondo, tutto il film si gioca.

Sia nella linea narra​ti​va​ princi​pa​le​ (il confron​to​-scontro​ tra due mondi op-​ posti​ e reci​pro​ca​men​te​ stereo​ti​pa​ti)​ che nella sotto​tra​ma​ roman​ti​ca​ (il ten-​ tati​vo​ di Philip​pe​ di costrui​re​ un nuovo amore) il proble​ma​ del sembrare, piutto​sto​ che dell’essere, ovve​ro​ del cela​re​ più o meno volon​ta​ria​men​te​ agli altri la propria​ natu​ra,​ si pone con una certa eviden​za​. Sbada​to,​ imper​ti​-​ nente,​ spasso​sa​men​te​ sfaccia​to​ (con l’irrag​giun​gi​bi​le​ segre​ta​ria​ Maga​lie),​ Driss conqui​sta​ Philip​pe​ con la sua sponta​nei​tà,​ proprio​ perché,​ con l’inge​-​ nuità​ di un bambi​no,​ non è in grado di rico​no​sce​re​ la diffe​ren​za​ tra ciò che la socie​tà​ defi​ni​sce​ diver​so​ (o “diver​sa​men​te​ abile”) e ciò che inve​ce​ defi​ni​-​ sce norma​le​.

Nel rappor​to​ tra i due “intoc​ca​bi​li”​ del tito​lo​ origi​na​le​ (Intouchables, ap-​ punto)​ – giacché​ entram​bi​ paria socia​li,​ per ragio​ni​ diffe​ren​ti​ ma con esito comu​ne​ – non c’è spazio​ per la finzio​ne​ o le buone manie​re​ di faccia​ta:​ i di-​ scorsi​ (sulla vita, il passa​to,​ il sesso) sono schietti,​ onesti,​ aperti​ alla condi​-​ visio​ne​ delle idee così come delle esperien​ze​ (il fumo, le escort) e offro​no,​ senza girar​ci​ troppo​ intor​no,​ la misu​ra​ di un’ami​ci​zia​ a tutto tondo, ben di-​ versa​ da quella​ sugge​ri​ta​ dal tito​lo​ italia​no​ del film. Un’ami​ci​zia​ che è anche e soprat​tut​to​ liber​tà:​ un senti​men​to​ d’infra​zio​ne​ di barrie​re​ (archi​tetto​ni​che)​ e ostaco​li​ socia​li​ di cui il delta​pla​no,​ quel brivi​do​ adrena​li​ni​co​ e pazzo di chi si libra nel cielo senza curar​si​ dei peri​co​li,​ è la più calzan​te​ delle meta​fo​re​.

Ed è magni​fi​co,​ infi​ne,​ come la risa​ta​ sappia​ trasfor​mar​si​ in tene​rez​za,​ ri-​ solven​do​si​ di fronte​ ad uno specchio,​ nel gesto sempli​ce​ ma inti​mo​ di una rasa​tu​ra​ scherzo​sa​ (ma non troppo),​ e poi ad un tavo​lo​ sul mare, in un atto di affet​tuo​sa​ gene​ro​si​tà​ che sa anche commuo​ve​re​ e scivo​la​ via sulle note legge​re​ delle musi​che​ compo​ste​ da Ludovico Einaudi.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: