Kill Me Please

Kill me please – Francia/Belgio 2010 – di Olias Barco

Commedia – 95′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Nella sua clinica isolata tra i monti il dottor Krueger esaudisce i desideri di morte di pazienti paganti e ben motivati ma la comuni non sembra approvarne i metodi. Braccati da un gruppo di montanari moralisti, gli ospiti dell’istituto (un campionario di grottesca “umanità”) diventeranno i bersagli di un esilarante gioco al massacro che non risparmie (quasi) nessuno.

Meri​ta​tis​si​mo​ vinci​to​re​ del Marc’Aurelio d’oro al quinto Festival Interna zionale del Film di Roma, Kill Me Please black comedy poli​ti​ca​men​te​ scorret​ta​ che ironiz​za​ sulla morte (assi​sti​ta)​ affron​tan​do​ con causti​co​ sar-​ casmo​ il deli​ca​to​ tema dell’eu​ta​na​sia​ – arri​va​ (a sorpre​sa)​ nelle sale italia​-​ ne grazie​ alla sapien​te​ opera distri​bu​ti​va​ della Archibald Enterprise.

 

Arma​to​ di una sceneggiatura al vetriolo (scritta​ a sei mani con Stéphane Malandrin e Virgile Bramly, anche inter​pre​te),​ il regista belga Olias Barco confe​zio​na​ un ordi​gno​ alta​men​te​ esplosi​vo​ di diver​ti​men​to​ intel​li​gente,​ inne​sca​to​ ancor prima dei tito​li​ di testa (con la parte​ci​pa​zio​ne​ straordi​na​ria​ dell’attore-regista Benoît Poelvoorde) e capa​ce​ di conqui​stare​ il plauso​ unani​me​ di pubbli​co​ e criti​ca​.

    

Kill me please” implo​ra​no​ i disfun​zio​na​li​ pazien​ti​ del dottor Krueger​ (Aurélien Recoing), e ognuno​ sembra​ avere le creden​zia​li​ giuste​ per ot-​ tene​re​ un bigliet​to​ di sola anda​ta​ desti​na​zio​ne​ “miglior​ vita”. Aspiran​ti​ sui-​ cidi​ di tutto il mondo, unite​vi!,​ alla corte di Herr Doktor c’è posto per tutti (ma non per tutte le tasche):​ sopra​ni​ (trans) che hanno perso la voce, mala​-​ ti termi​na​li,​ depres​si​ croni​ci​ e sposta​ti​ di ogni sorta hanno un solo desi​de​-​ rio, abban​do​na​re​ in fretta​ (e con stile) le rispet​ti​ve,​ mise​ra​bi​li​ esisten​ze​.

Con spirito “punk” e decisamente anticonvenzionale, Barco oppo​ne​ allo spino​so​ dibat​ti​to​ etico l’esi​bi​zio​ne​ (criti​ca)​ di una raffi​na​ta​ cultu​ra​ della buona morte e le assur​de​ prete​se​ avanza​te​ dai perso​nag​gi​ per andar​se​ne​ “con grazia​ ed elegan​za”​ (maga​ri​ cantan​do​ la Marsi​glie​se​ o gustan​do​ un’ul-​ tima​ cena pari​gi​na)​ fini​sco​no​ con l’adom​bra​re​ la serie​tà​ di un tema ad oggi talmen​te​ rischio​so​ da esse​re​ consi​de​ra​to​ tabù. La comi​ci​tà​ taglien​te​ si stempe​ra​ nel mono​lo​go​ fina​le​ di Krueger, forte di una logi​ca​ inappun​ta​bi​-​ le: un suici​da​ costa allo stato 850.000 dolla​ri​ l’anno​ (a quanto​ pare i cana​-​ desi​ ci sanno fare con le stati​sti​che),​ quale modo miglio​re​ per rispar​mia​re​ se non creare​ una clini​ca​ che ne conten​ga​ e dissua​da​ i propo​si​ti?​ Ma i fana​-​ tici​ bigot​ti​ arroc​ca​ti​ sulle monta​gne​ non sembra​no​ pensar​la​ allo stesso​ modo.

Accer​chia​ti​ e senza cibo, i dieci picco​li​ insa​ni​ si barri​ca​no​ nella fortez​za​ go-​ tica​ di Krueger, bacca​glian​do​ sul prima​to​ di morte che ciascu​no​ sente di meri​ta​re​ più degli altri. Esplode​ il pani​co,​ allean​ze​ inso​spet​ta​bi​li​ si strin-​ gono​ e la clini​ca​ della morte, amman​ta​ta​ com’era​ di “decen​za”​ e “digni​tà”,​ si trasfor​ma​ in un campo di batta​glia​ dagli esiti irre​si​sti​bil​men​te​ spasso​si​. L’inte​ro​ cast cora​le​ ce la mette tutta per rende​re​ l’espe​rien​za​ morti​fe​ra​ il più folle possi​bi​le,​ con un’inven​ti​va​ assas​si​na​ che avrebbe​ reso certa​men​te​ orgo​glio​so​ un morbo​so​ esteta​ dell’o​mi​ci​dio​ quale Alfred Hitchcock: le sequen​ze​ memo​ra​bi​li​ non si conta​no​. In un bianco e nero da espressioni smo tedesco – scelto​ saggia​men​te​ da Barco con la compli​ci​tà​ del direttore della fotografia Frédéric Noirhomme – la paura non riesce​ ad avere il soprav​ven​to​ sul black humour dominante e la grottesca sequela di omicidi più o meno inten​zio​na​li​ susci​ta​ lo stesso,​ ironi​co​ distac​co​ di certe surrea​li​ pelli​co​le​ dei fratel​li​ Coen (vedi Burn After Reading).

  

Impos​si​bi​le​ darsi un conte​gno:​ la sati​ra​ di Barco è impla​ca​bi​le​. E poiché​ il catti​vo​ gusto è di casa, possia​mo​ permet​ter​ci​ di dire che si muore dal ride​-​ re, anche sui tito​li​ di coda (con fina​le​-gioiel​lo),​ ma di quel riso amaro, pi- randelliano, che apre alla rifles​sio​ne​ proprio​ quando​ l’effet​to​ della sero​to​-​ nina​ comin​cia​ a svani​re​.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: