Dieci Inverni

Dieci Inverni – Italia/Russia 2009 – di Valerio Mieli

Romantico – 99′

Scritto da Francesco Carabelli (fonte immagine: ivid.it)

E’ bastato ritrovarsi​ sullo stesso vaporetto per cambiare le vite dei due protagonisti Camilla e Silvestro.

Inverno 1999 i due ragazzi​ sbarcano a Venezia in una fredda giornata di fine anno alla ricerca di un posto nel mondo. È l’inizio della carriera universitaria e di un rapporto che prima di trovare il suo pieno compimento​ dovrà passare per molte peripezie ed errori​ da entrambe le parti. Prima Silvestro si impegna con la persona sbagliata, poi sarà la volta di Camilla​ che si trasferisce a Mosca per perfezionare il suo russo e che finisce per diventare l’amante di Fjodor, un regista padre-padrone dalla quale alla fine si separe rientrando in patria. Ma quando sembra che tra Camilla​ e Silvestro l’idillio stia portando a un rapporto duraturo, l’infedel di una sera cambie il destino dei due giovani che dovranno passare attraverso la materni di Camilla, nel frattempo passata tra le braccia di Simone, amico di lunga data di Silvestro.

Il film è costrui​to​ signi​fi​ca​ti​va​men​te​ da brevi episo​di​ di dura​ta​ varia​bi​le​ che ci ripro​pon​go​no​ la vicen​da​ esisten​zia​le​ di questi​ due giova​ni​ a distan​za​ di un anno, da un inver​no​ all’al​tro,​ sia quando​ i due vivo​no​ momen​ti​ vera​-​ mente​ assie​me,​ sia quando​ si incon​tra​no​ fortui​ta​men​te​ o vivo​no​ incon​sa​-​ pevol​men​te​ le stesse​ esperien​ze​.

Signi​fi​ca​ti​vo​ che il raccon​to​ abbia una struttu​ra​ cicli​ca​ che dalla notte ini-​ ziale,​ passa​ta​ insie​me​ poco dopo l’incon​tro​ sul vapo​ret​to,​ si dipa​na​ fino alla notte conclu​si​va​ in cui, di nuovo su un vapo​ret​to​, i due deci​do​no​ del loro futu​ro​ e hanno il corag​gio​ di prender​si​ per mano senza timo​ri​e di vivere​ fino in fondo la loro amicizia come amore.

Il regi​sta​ non è mai inde​li​ca​to,​ costrui​sce​ con pazien​za​ la storia,​ giocan​do​ molto sulle incom​pren​sio​ni​ tipi​che​ di un rappor​to​ amica​le​ che guarda​ oltre e costruen​do​ la psico​lo​gia​ dei perso​nag​gi​ in modo accu​ra​to​ attra​ver​so​ il loro rappor​to​ reci​pro​co,​ i momen​ti​di feli​ci​tà,​ quelli​ di pietà e quelli​ di di-​ spera​zio​ne,​ mante​nen​do​ un equili​brio​ nella storia​ ed elimi​nan​do​ (lo si vedrà guardan​do​ le scene taglia​te​ in fase di montag​gio)​ ciò che è super​fluo​ e che potreb​be​ risul​ta​re​ pleona​sti​co​.

Una foto​gra​fia​ che osa (penso ad una delle ulti​me​ scene nella quale c’è un uso inso​li​to​ di un grandan​go​lo)​ e una rico​stru​zio​ne​ accu​ra​ta​ di ambien​ti​ e costu​mi​ che danno quel tocco in più di veri​di​ci​tà​ alla storia​.

La storia​ è ambien​ta​ta​ in parte in Russia a Mosca e in altre loca​li​tà​ che ci fanno sogna​re​ per il paesag​gio​ inne​va​to​ imma​co​la​to​.

Nato come opera di diplo​ma​ di Valerio Mieli al Centro sperimentale di Cinematografia, il film ha trova​to​ l’appog​gio​ produt​ti​vo​ di Rai Cinema e di una socie​tà​ di produ​zio​ne​ russa che hanno permes​so​ alla pelli​co​la​ una diffu​sio​ne​ in sala.

Un’ope​ra​ equili​bra​ta​ e stili​sti​ca​men​te​ molto ben fatta che ci fa spera​re​ in un cine​ma​ italia​no​ giova​ne​ capa​ce​ di impor​si​ per origi​na​li​tà​ e concre​tez​za​ anche grazie​ all’ap​por​to​ di atto​ri​ effi​ca​ci​ come Isabella Ragonese e Mi- chele Riondino e alla parte​ci​pa​zio​ne​ straordi​na​ria​ di Vinicio Capossela che con le sue canzo​ni​ da spesso​re​ alla storia​ d’amo​re​ dei prota​go​ni​sti​.

  

Un film che ha tutti i requi​si​ti​ per diven​ta​re​ un classi​co​ per la sua capa​ci​tà​ di tratta​re​ con profon​di​tà​ il tema dell’a​mi​ci​zia​ tra uomo e donna.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: