Bronson

Bronson – Regno Unito/Isole Cayman/Danimarca/Stati Uniti 2008 – di Nicolas Winding Refn

Azione/Biografico/Crime – 92′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: mymovies.it)

Diciannovenne introverso e incazzato, Michael Peterson cerca la notorietà rapinando un ufficio postale ma finisce in carcere, dove l’occasione di diventare famoso (con lo pseudonimo di “Charlie Bronson”) si fa ancora più ghiotta, in un crescendo di violenza e follia lungo trentaquattro anni.

Forse persua​si​ dal succes​so​ otte​nu​to​ a Cannes​ 2011 da Nicolas Winding Refn – Palma d’oro per la miglior​ regia grazie​ all’at​te​so​ Drive i distri​bu​-​ tori​ italia​ni​ si deci​do​no​ a far arri​va​re​ anche nelle nostre​ sale (a due anni dall’u​sci​ta​ britan​ni​ca)​ il cult carce​ra​rio​ realiz​za​to​ dal regi​sta​ dane​se​ nell’in​-​ terval​lo​ tra il capi​to​lo​ conclu​si​vo​ della trilo​gia​ Pusher e Valhalla Rising.

    

Ispira​to​ alla vera storia​ del “prigio​nie​ro​ più peri​co​lo​so​ del Regno Unito” (in carce​re​ dal ’74 e per trent’an​ni​ in comple​to​ isola​men​to),​ Bronson si inse​ri​sce​ a pieno tito​lo​ nel filo​ne​ britan​ni​co​ del biopic​ atipi​co,​ costrui​to​ per frammen​ti​ pesan​te​men​te​ roman​za​ti​ e incen​tra​to​ su una figu​ra​ comples​sa​ (e comples​sa​ta)​ ai limi​ti​ del surrea​le​.

 

Apprez​za​to​ in RocknRolla di Guy Ritchie e più recen​te​men​te​ nel capo​-​ lavo​ro​ oniri​co​ di Christo​pher​ Nolan Inception, Tom Hardy offre con Bronson una perfor​man​ce​ sorpren​den​te,​ fonda​ta​ su una capa​ci​tà​ di mi-​ mesi​ inter​pre​ta​ti​va​ che nulla ha da invi​dia​re​ a quella​ del conna​zio​na​le​ pre-​ mio Oscar Christian​ Bale. Ingras​sa​to,​ rasa​to,​ nasco​sto​ dietro​ gli strava​gan​ti​ baffi e i tic psico​ti​ci​ di Bronson​ (con cui l’atto​re​ ingle​se​ ha lavo​ra​to​ a stret-​ to contat​to),​ Hardy si trasfi​gu​ra​ total​men​te,​ assu​men​do​ la natu​ra​ anima​le​-​ sca, l’istrio​ni​smo​ e la profon​da​ soli​tu​di​ne​ del suo perso​nag​gio​ come fosse​-​ ro le proprie​.

   

Sovver​ten​do​ le rego​le​ del gene​re​ biogra​fi​co​ tradi​zio​na​le,​ Refn (cui norme e conven​zio​ni​ sembra​no​ anda​re​ piutto​sto​ strette)​ gioca con testi e para​te​sti​cine​ma​to​gra​fi​ci​ (ma non solo), proce​den​do​ per sottra​zio​ne​ ellit​ti​ca​ e rare​-​ fazio​ne​ dialo​gi​ca​ e trovan​do​ nella reci​ta​zio​ne​ “slapstick”​ di Hardy il veico​lo​ per trasfor​ma​re​ la propria​ opera in un film (quasi) muto.

L’inte​res​se​ predo​mi​nan​te​ per l’esplo​ra​zio​ne​ degli aspetti​ visi​vi​ spinge​ il ci-​ neasta​ dane​se​ verso la deco​stru​zio​ne​ della linea​ri​tà​ narra​ti​va​ (attra​ver​so​ una sceneg​gia​tu​ra​ dalla struttu​ra​ non conven​zio​na​le,​ scritta​ a quattro​ mani con Brock Norman Brock) e l’inten​to​ defor​man​te​ della messa in scena, impron​ta​ta​ ad un grotte​sco​ iperrea​li​smo,​ si esalta​ negli spazi claustro​fo​bi​ci​ dell’i​sti​tu​to​ di deten​zio​ne​ (pena​le​ e menta​le)​ come nello squallo​re​ della vita picco​lo​-borghe​se​ di provin​cia,​ sui ring clande​sti​ni​ come nello spazio​ santi​fi​ca​to​ (dall’ul​ti​mo​ foto​gram​ma)​ della cella.

Sul tema del doppio​ la pelli​co​la​ di Refn – riusci​to​ pastiche stili​sti​co​ – si struttu​ra​ tanto a livel​lo​ psico​lo​gi​co​ che dramma​tur​gi​co:​ la follia​ schizo​fre​-​ nica​ di Charlie​ e le sue vellei​tà​ arti​sti​che​ trova​no​ un corri​spet​ti​vo​ nello sdoppia​men​to​ dell’im​pian​to​ “narra​ti​vo”,​ che alla sempli​ce​ voce​-over del prota​go​ni​sta​ prefe​ri​sce​ l’alle​sti​men​to​ di un grotte​sco​ (avan)spetta​co​lo​ tea-​ trale​ (in cui Hardy, mimo inquie​tan​te​ e sessual​men​te​ bifron​te,​ dà il meglio​ di sé) e l’espli​ci​ta​ inter​pel​la​zio​ne​ del pubbli​co,​ diege​ti​co​ ed extra​-diege​ti​co​.

Delle sugge​stio​ni​ kubric​kia​ne​ che hanno indot​to​ la criti​ca​ al rischio​so​ pa-​ rago​ne​ con Arancia MeccanicaBronson conser​va​ certa​men​te​ l’inno​va​-​ zione​ forma​le,​ il gusto per l’ano​ma​lia​ e la commi​stio​ne​ postmo​der​na​ degli stili nonché​ l’acco​sta​men​to​ tra violen​za​ gratui​ta​ (esplici​ta​ta​ nei suoi detta​-​ gli più racca​pric​cian​ti)​ e musi​ca​ classi​ca​ (da anto​lo​gia​ la sequen​za​ fina​le​ nell’a​te​lier​ d’arte),​ rilet​to​ in un’otti​ca​ contra​sti​va​ che non ha, però, nulla a che vede​re​ con gli inten​ti​ para​dos​sal​men​te​ riedu​ca​ti​vi​ del roman​zo​ di Bur-​ gess.

Sebbe​ne​ entram​bi​ frutto​ di una ribel​lio​ne​ socia​le​ più o meno consa​pe​vo​le,​ inscrit​ta​ nel clima sovver​si​vo​ (a livel​lo​ stori​co​ quanto​ cine​ma​to​gra​fi​co)​ dei Seven​ties​ (Kubrick​ per ovvia collo​ca​zio​ne​ crono​lo​gi​ca​ e Refn per rico​stru​-​ zione​ filmi​ca),​ Alex DeLar​ge​ e Charlie​ Bronson​ non parte​ci​pa​no​ della stes-​ sa forma di follia:​ la norma​liz​za​zio​ne​ indot​ta​ e il pensie​ro​ criti​co​ matu​ra​to​ dal “drugo” nel suo contat​to​ con la riabi​li​ta​zio​ne​ carce​ra​ria​ non trova​no​corri​spet​ti​vi​ nella bruta​li​tà​ cieca di Bronson,​ show​man​ della violen​za​ alla ricer​ca​ di una realiz​za​zio​ne​ media​ti​ca​ impos​si​bi​le​ oltre le sbarre​.

Lighting came​ra​man​ per l’ulti​mo​ Kubrick,​ il diret​to​re​ della foto​gra​fia​ Larry Smith lavo​ra​ di satu​ra​zio​ne​ croma​ti​ca​ e sporca​tu​ra​ dell’im​ma​gi​ne,​ nella dire​zio​ne​ di un uso stranian​te​ ed espressio​ni​sta​ della luce, vici​no​ più al ruvi​do​ (sur)reali​smo​ di Gangster n°1 di McGuigan (pelli​co​la​ di cui Bronson condi​vi​de​ tanto l’eti​ca​ che l’este​ti​ca)​ che non alle atmo​sfe​re​ pop e allu​ci​na​te​ di Arancia Meccanica.

  

Nella scelta​ dei brani per la colon​na​ sono​ra​ perma​ne​ l’inten​zio​ne​ (anch’es​-​ sa kubric​kia​na)​ di indi​riz​za​re​ la forma filmi​ca​ verso valo​ri​ visi​vo​-sono​ri​ piutto​sto​ che narra​ti​vi,​ impri​men​do​ alla messa in scena un anda​men​to​ rit-​ mico​-musi​ca​le​ attra​ver​so​ il montag​gio​ (di Mat Newman), atti​vo​ anche in senso “dramma​ti​co”​. La sintas​si​ irre​go​la​re,​ infat​ti,​ confon​de​ crono​lo​gie​ ed eventi,​ destrut​tu​ran​do​ la progres​sio​ne​ biogra​fi​ca​ e ridu​cen​do​ il raccon​to​ ad un ruvi​do​ mini​ma​li​smo,​ volto ad inda​ga​re​ le moti​va​zio​ni​ psico​lo​gi​che​ del perso​nag​gio​ piutto​sto​ che la feno​me​no​lo​gia​ dei suoi compor​ta​men​ti​.

Il carat​te​re​ eversi​vo​ del cine​ma​ di Refn ha così modo di dispie​gar​si​ attra​-​ verso​ il concor​so​ di coeffi​cien​ti​ tecni​co​-arti​sti​ci​ anti​-conven​zio​na​li,​ elevan​-​ do un’este​ti​ca​ della defor​ma​zio​ne​ a esempio​ di fasci​na​zio​ne​ filmi​ca​. Prati​-​ camen​te​ scono​sciu​to​ in Italia​ se non nei circui​ti​ web per estima​to​ri​ di ge-​ nere​, Bronson potreb​be​ trarre​ giova​men​to​ dal prossi​mo​ passag​gio​ in sala (nono​stan​te​ la preve​di​bi​le​ pena​liz​za​zio​ne​ “lingui​sti​ca”)​ ma se la congiun​-​ tura​ distri​bu​ti​va​ non doves​se​ rive​lar​si​ favo​re​vo​le​ rimar​reb​be​ in ogni caso tito​lo​ irri​nun​cia​bi​le​ per cine​fi​li​ ed esplora​to​ri​ di nuovi orizzon​ti​ visi​vi​.

Voto: 8

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: