La custode di mia sorella

My sister’s keeper – Stati Uniti 2009 – di Nick Cassavetes

Drammatico/Familiare – 109′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: imdb.com)

Quella dei Fitzgerald potrebbe sembrare una vita perfetta: una bella casa losangelina immersa nel verde, un quadretto familiare inappuntabile: due genitori (Sara e Brian) presenti e premurosi, tre figli adolescenti (Kate, Jesse e Anna) non problematici. O quasi. Perchè Kate ha la leucemia e non c’è niente che a Sara interessi di più che salvare la vita di sua figlia. Per questo è stata concepita Anna, ultimogenita nata in provetta con l’unico scopo di donare alla sorella tutto il necessario per farla sopravvivere. Ma per l’undicenne è arrivato il momento di dire basta: stanca di fare la “cavia”, la ragazzina si rivolge al popolare e affermato avvocato Campbell Alexander per fare causa ai genitori. Sara, ex-avvocatessa, sarà costretta a tornare in aula per scontrarsi con la figlia.

Tratto​ dal bel roman​zo​ omoni​mo​ di Jodi Picoult, My Sister’s Keeper (nella fede​le​ tradu​zio​ne​ italia​na:​ La custode di mia sorella) – sceneg​gia​to​ da Jeremy Leven e Nick Cassavetes e diret​to​ dallo stesso​ Cassavetes​ – si prefig​ge​ l’arduo​ obietti​vo​ di getta​re​ nuova luce su un tema ostico​ come quello​ della malat​tia​ termi​na​le,​ che rischia​ di susci​ta​re​ troppo​ spesso​ inuti​-​ li senti​men​ta​li​smi,​ special​men​te​ in campo cine​ma​to​gra​fi​co​. È purtrop​po​ questo​ il caso, ed è curio​so​ vede​re​ come un regi​sta​ capa​ce​ di affron​ta​re​ la rifles​sio​ne​ su malat​tia​ e morte da una prospet​ti​va​ incon​sue​ta​ (è il caso della dona​zio​ne​ di orga​ni​ e della criti​ca​ alla sani​tà​ ameri​ca​na​ in John Q), trasfor​mi​ un roman​zo​ poten​te​ – per spesso​re​ di perso​nag​gi​ e trama – in una pelli​co​la​ melo​dram​ma​ti​ca​ e bana​le​ che strizza​ l’occhio​ allo spetta​to​re​ dalla lacri​ma​ faci​le​.

Cassavetes sembra​ segui​re,​ alme​no​ inizial​men​te,​ l’espe​dien​te​ narra​ti​vo​ propo​sto​ dalla Picoult: far prende​re​ la paro​la,​ o meglio,​ il pensie​ro​ ad un narra​to​re​ di volta in volta diffe​ren​te,​ così da presen​ta​re,​ all’in​ter​no​ del ro-​manzo,​ e del film, la comples​si​tà​ dei vari punti di vista. Ma mentre​ nel ro-​ manzo​ il ruolo di Kate è rele​ga​to​ a figu​ra​ di sfondo,​ di cui tutti parla​no​ e di cui tutti si preoc​cu​pa​no​ ma che prende​ voce solo nell’ul​ti​mo​ capi​to​lo,​ nella pelli​co​la​ diven​ta​ il perso​nag​gio​ centra​le,​ così come centra​le​ è il dramma​ della sua malat​tia,​ la nausea,​ il sangue,​ le ecchi​mo​si,​ il cranio​ rasa​to​ (scelta​ corag​gio​sa​ della giova​nis​si​ma​ Sofia Vassilieva, capa​ce​ di rende​re​ sola​re,​ ma non stucche​vo​le,​ un perso​nag​gio​ che avrebbe​ ben poche ragio​ni​ di es-​ serlo)​ e soprat​tut​to​ la conti​nua,​ inces​san​te,​ quasi pato​lo​gi​ca​ lotta di Sara (Cameron Diaz), impe​gna​ta​ nell’o​sti​na​to​ ruolo della “madre cazzu​ta​ che non molla mai”.

  

Scivo​la​ impie​to​sa​men​te​ in secon​do​ piano il nucleo​ portan​te​ della storia,​ il proble​ma​ etico dell’e​man​ci​pa​zio​ne​ medi​ca​ e della capa​ci​tà​ di una ragaz​zi​-​ na undi​cen​ne​ di deci​de​re​ cosa fare del proprio​ corpo, in bili​co​ tra la soffe​-​ renza​ della perso​na​ più cara e la propria​. Il proces​so,​ molto più ampio al-​ l’inter​no​ del roman​zo,​ si ridu​ce​ a un paio di scene, a causa dei pesan​ti​ tagli opera​ti​ dalla sceneg​gia​tu​ra​. Trova spazio​ l’ati​pi​ca​ storia​ d’amo​re​ tra Tylor e Kate, entram​bi​ mala​ti​ di cancro,​ desti​na​ta​ a conclu​der​si​ mala​men​te,​ ep-​ pure​ idealiz​za​ta,​ lonta​na​ dal reale, dall’a​ma​ra​ tene​rez​za​ tratteg​gia​ta​ dalla Picoult (l’imma​gi​ne​ dei due inna​mo​ra​ti​ che balla​no​ con le masche​ri​ne​ sulla bocca e i cate​te​ri​ infi​la​ti​ nel petto). E trova​no​ spazio​ i ricor​di​ (il cranio​ ra-​ sato​ della madre, la disles​sia​ di Jesse, le smorfie​ davan​ti​ alla macchi​na​ fo-​ togra​fi​ca),​ rievo​ca​ti​ in lunghi​ flash​back​ e lega​ti​ ai colla​ges​ foto​gra​fi​ci​ rea-​ lizza​ti​ da Kate per ricor​da​re​ la sua vita passa​ta​ giunta​ ormai al termi​ne​.

Comple​ta​men​te​ dimen​ti​ca​ta​ la trava​glia​ta​ rela​zio​ne​ senti​men​ta​le​ tra Cam- pbell e il vecchio​ amore del colle​ge​ Julia Romano, nel roman​zo​ tutri​ce​ ad litem di Anna. Sfuma così un altro degli elemen​ti​ più sugge​sti​vi​ della nar-​ razio​ne,​ che avrebbe​ consen​ti​to​ di appro​fon​di​re​ una figu​ra​ comples​sa​ e tutt’al​tro​ che sconta​ta​ come quella​ dell’av​vo​ca​to​ tutto d’un pezzo che na-​ sconde​ un miste​rio​so​ segre​to​ (e a cui Alec Baldwin, tra l’altro,​ asso​mi​glia​ ben poco). Certo, nessu​no​ stravol​gi​men​to​ è peggio​re​ di quello​ adotta​to​ nel fina​le,​ vero colpo di genio della Picoult e unico coup de théâtre in grado di risol​le​va​re​ una sceneg​gia​tu​ra​ fiacca,​ una storia​ già vista e rivi​sta​. Si fini​sce​ inve​ce​ con un preve​di​bi​le​ trionfo​ di faci​le​ reto​ri​ca​ e buoni senti​men​ti​.

 

Cassavetes sa attua​re​ scelte​ visi​ve​ inte​res​san​ti:​ molto sugge​sti​vi​ i tito​li​ di testa che scorro​no​ sulle imma​gi​ni​ in movi​men​to​ della vita feli​ce​ dei Fitzge rald, ricor​di​ sfoglia​ti​ come le pagi​ne​ di un libro e la voce di Anna in sotto​-​ fondo,​ a raccon​ta​re​ il suo desti​no​ di bambi​na​ nata non dal caso ma dalla scienza,​ mentre​ flash di ovuli e sperma​to​zoi​ si susse​guo​no​ rapi​di​ come bat-​ titi​ di ciglia​. Ma la sequen​za​ sulla spiaggia,​ che dovreb​be​ rappre​sen​ta​re​ l’ulti​mo​ desi​de​rio​ realiz​za​bi​le,​ l’api​ce​ di quella​ dolo​ro​sa​ feli​ci​tà​ rappre​sen​-​ tata​ dagli ulti​mi​ giorni​ di vita, si trasfor​ma​ in un’inter​mi​na​bi​le​ clip musi​ca​-​ le, di sorri​si​ e giochi​ tra le onde, abbon​dan​te​men​te​ condi​ta​ da quella​ luce morbi​da​ e pati​na​ta​ che rende fanta​sti​ca​ la perfet​ta​ cola​zio​ne​ in fami​glia​ di molti e ben noti spot pubbli​ci​ta​ri​. Il buoni​smo​ trionfa​ e non si riesce​ a ca-​ pire​ da che parte si debba stare, se da quella​ di Anna ragaz​zi​na​ stanca​ di esse​re​ usata, desi​de​ro​sa​ di esse​re​ amata, o da quella​ di Sara, madre troppo​ spaven​ta​ta​ dal dolo​re​ della morte per non accor​ger​si​ di sfrutta​re​ un figlio​ non volu​to​.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: