Ciliegine

Ciliegine – Italia/Francia 2012 – di Laura Morante

Commedia/Romantico – 83′

Scritto da Nicole Musto (fonte immagine: comingsoon.it)

Amanda soffre di androfobia: teme il tradimento, la menzogna e l’abbandono, per questo si dimostra fredda, cinica e distaccata nei confronti degli uomini, sempre pronta a individuare un passo falso, un segnale di debolezza o inadeguatezza nell’altro. La notte di capodanno incontra Antoine, a causa di un malinteso crede che sia gay e si dimostra con lui dolce, comprensiva e tenera… è solo un qui pro quo o cupido ha scoccato la sua freccia?

La protagonista di questa commedia romantica dal retrogusto un po’ amaro è una donna delusa e scoraggiata dalle esperienze avute col genere maschile, esigente quasi fino alla ricerca di perfezione e per questo capricciosa, affezionata a un’idea talvolta fiabesca dell’amore, fatta di una totale intesa e comunione di idee, intenti, gesti e modi di vivere, una simbiosi insomma difficile da trovare in una relazione di coppia che è fatta anche di incomprensioni, compromessi ed errori alle volte. La paura della delusione spinge Amanda ad adottare un atteggiamento da gendarme, il suo fare sempre sospettoso e diffidente nei confronti dell’altro rende il personaggio simpatico fino al ridicolo in alcuni frangenti.

E’ evidente che questo suo comportamento è una sorta di autodifesa, una protezione dalla sofferenza che teme di provare qualora i rapporti sentimentali si rivelino un buco nell’acqua; la sua paura di scegliere, di affidarsi all’altro la paralizza a tal punto che preferisce evitare qualsiasi contatto, rifugiandosi nel suo mondo di convinzioni e paranoie che sviliscono il genere maschile in toto. L’intreccio, seppur grottesco in alcuni frangenti, regge nella quasi totalità del film, cala nell’ultima parte, dove a mio giudizio è ormai orchestrato da troppe persone, tra chi sa e chi non sa, dove subentra inoltre la figura dello psichiatra interpretato dal marito di Florance, la migliore amica della protagonista, che nei suoi siparietti cerca di trarre conclusioni e annotazioni sull’evolversi della vicenda con opinioni e frasi filosofiche spesso enigmatiche, che a volte strappano un sorriso, mentre a volte restano incomprensibili e noiose.

La prova degli attori è buona, il cast è brillante e la recitazione è leggera e adatta allo spirito di una commedia; oltre a Laura Morante, che incarna la protagonista, degna di nota è l’interpretazione di Isabelle Carré, che conferisce al ruolo di Florance, una figura chiave dell’intreccio, brio e vivacità, compensando e mitigando il cinismo e la negatività dell’amica Amanda, ma senza scadere nell’immagine di una donna superficiale o frivola. L’esordio alla regia della Morante, che ha anche curato la sceneggiatura del film, è positivo, l’ambientazione e la realizzazione di alcune scene, come quelle nell’appartamento tanto ammirato dalla protagonista o quelle nel parco, sono suggestive. Nonostante ciò non si nota un linguaggio personale, il racconto si svolge in maniera lineare e l’impressione è quella che sia stata dedicata maggiore attenzione alla stesura della storia piuttosto che alla ricerca di un modo originale di rappresentarla.

Voto: 6

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: