Beginners

Beginners – Stati Uniti 2010 – di Mike Mills

Commedia/Drammatico/Romantico – 115′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: ivid.it)

A pochi mesi dalla morte del padre (Christopher Plummer) – omosessuale a scoppio ritardato e consumato da un cancro ai polmoni – il disegnatore Oliver Fields (Ewan McGregor) incontra Anna (Mélanie Laurent), stra- vagante attrice francese di passaggio a Los Angeles. Insieme cercheranno di capire come proteggere l’amore da quella tristezza che li accomuna e al tempo stesso li allontana.

L’usci​ta​ italia​na​ era previ​sta​ per il 9 dicem​bre​ ma l’ope​ra​ secon​da​ di Mike Mills, recen​te​men​te​ inve​sti​ta​ di rico​no​sci​men​ti​ ai Gotham​ Awards new-​ yorke​si,​ arri​ve​rà​ da noi soltan​to​ in DVD, confer​man​do​ una triste​ tenden​za​ distri​bu​ti​va​ tipi​ca​men​te​ nostra​na,​ volta a pena​liz​za​re,​ senza ragio​ne,​ pro-​ dotti​ indie di indi​scu​ti​bi​le​ quali​tà​ (vedi Restless di Gus Van Sant).

  

Pelli​co​la​ libe​ra​men​te​ auto​bio​gra​fi​ca,​ salvo lievis​si​me​ varia​zio​ni,​ Begin ners riper​cor​re​ in modo volu​ta​men​te​ non linea​re,​ e con sugge​stio​ni​ di chiara​ ispira​zio​ne​ euro​pea,​ un anno deci​si​vo​ nella vita del regi​sta:​ il 2003, segna​to​ dalla scompar​sa​ del padre e dall’in​con​tro​ con una donna che, dopo anni di falli​men​ti​ più o meno consa​pe​vo​li,​ potreb​be​ rive​lar​si​ quella​ giusta​.

Quello​ di Mills, auto​re​ presso​ché​ esordien​te​ nel cine​ma​ di “fiction”​ ma dal talen​to​ imma​gi​na​ti​vo​ non indif​fe​ren​te,​ è un film che ha il pregio​ del silen​-​ zio, l’abi​li​tà​ di saper raccon​ta​re​ le rela​zio​ni​ tra indi​vi​dui​ (non neces​sa​ria​-​ mente​ umani) senza biso​gno​ di ecce​de​re​ nella dialet​ti​ca,​ contan​do​ piutto​-​ sto sull’im​me​dia​tez​za​ dell’im​ma​gi​ne​. Affet​to​ e amore posso​no​ nasce​re​ anche senza paro​le,​ conser​van​do​ una natu​ra​lez​za​ ed una sponta​nei​tà​ che il confron​to​ verba​le​ rischia​ inve​ce​ di distrug​ge​re:​ la storia​ tra Oliver​ e Anna si affer​ma​ all’in​se​gna​ del muti​smo​ – una sorta di slapstick senti​men​ta​le​ che inve​ste​ anche la rela​zio​ne​ tra il prota​go​ni​sta​ e l’inse​pa​ra​bi​le​ jack russell Arthur​ (muni​to​ di genia​li​ sotto​ti​to​li)​ – mentre​ alle musi​che​ di Roger Neill, Dave Palmer e Brian Reitzell è affi​da​to​ il compi​to​ di colma​re,​ e a tratti​ copri​re,​ gli istanti​ di verba​li​tà​ non neces​sa​ria​.

Attra​ver​so​ gli occhi e la voce del suo alter ego Oliver​ Fields (un perfet​to​ Ewan McGre​gor),​ Mills espone​ dunque​ le diffi​col​tà​ dei rappor​ti,​ umani oltre che senti​men​ta​li,​ recu​pe​ran​do​ un percor​so​ di rifles​sio​ne​ inizia​to​ con il suo primo lungo​me​trag​gio,​ Thumbsucker – Il succhiapollice, e orienta​to​ all’e​splo​ra​zio​ne​ di un male di vive​re​ che sembra​ afflig​ge​re​ l’uomo​ dalla na-​ scita​ (dell’u​ni​ver​so)​.

Se in Thumbsucker l’ina​de​gua​tez​za​ adole​scen​zia​le​ veni​va​ combat​tu​ta​ a colpi di pillo​le​ anti​-depres​si​ve​ e timi​de​ (ma frustra​te)​ conqui​ste​ sessua​li,​ in Beginnersche del film d’esor​dio​ di Mills è l’ipo​te​ti​ca​ conti​nua​zio​ne​ – al-​ l’inca​pa​ci​tà​ di confron​tar​si​ con le incer​tez​ze​ della vita matu​ra​ si oppo​ne​ l’anti​do​to​ più insta​bi​le​ e dunque​ più peri​co​lo​so:​ l’amo​re​. Lascia​to​ solo, privo di istruzio​ni​ – senza forse averle​ mai avute – e con alle spalle​ un mo-​ dello​ geni​to​ria​le​ tutt’al​tro​ che confor​tan​te,​ Oliver Fields incar​na,​ dopo il Justin​ Cobb di Thumbsucker (Lou Pucci, qui in un brevis​si​mo​ cameo), la secon​da​ età di quell’homo patiens che il cine​ma​ di Mills si propo​ne​ di ri-​ trarre​ (nel vero senso della paro​la)​ con origi​na​li​tà​.

Graphic designer prima anco​ra​ che docu​men​ta​ri​sta​ e auto​re​ di video​clip​ musi​ca​li,​ il regi​sta​ cali​for​nia​no​ filtra​ attra​ver​so​ l’este​ti​ca,​ appros​si​ma​ti​va​ ma puntua​le,​ del dise​gno​ la propria,​ perso​na​lis​si​ma​ riela​bo​ra​zio​ne​ dell’in​-​ comu​ni​ca​bi​li​tà​ dei senti​men​ti​ anto​nio​nia​na:​ quel naufra​gio​ emoti​vo​ che colpi​sce​ la coppia​ con la forza di un mare​mo​to​ ma che si trattie​ne​ nell’in​te​-​ riori​tà​ del corpo, cere​bra​le,​ senza far deflui​re​ all’e​ster​no​ la propria​ fero​cia​. La spere​qua​zio​ne​ femmi​ni​le​ e femmi​ni​sta​ soste​nu​ta​ dal cine​ma​ di Anto​-​ nioni​ – che alla donna riser​va​va​ il ruolo “atti​vo”​ di riso​lu​tri​ce​ dei conflit​ti​ – non trova però uguale​ appli​ca​zio​ne​ nella pelli​co​la​ di Mills, dove l’inet​ti​tu​-​ dine​ emoti​va​ di Oliver,​ inca​pa​ce​ di lasciar​si​ avvi​ci​na​re​ senza ferir​si,​ vede nell’in​sta​bi​li​tà​ di Anna (magni​fi​ca​ Mélanie Laurent) il suo corri​spet​ti​vo​.

 

Entram​bi​ soli, diso​rien​ta​ti,​ in qualche​ modo vitti​me​ di un noma​di​smo​ che si esplica​ nell’a​no​ni​ma​to​ mai stanzia​le,​ mai vera​men​te​ libe​ro,​ di came​re​ d’alber​go​ e appar​ta​men​ti​ svuota​ti​ (ma cari​ca​ti​ di una vita propria),​ Oliver​ e Anna si ritro​va​no,​ insie​me,​ nel solco traccia​to​ tra due diver​se​ forme di umani​tà:​ chi crede che le cose non funzio​ne​ran​no​ mai e chi inve​ce​ ripo​ne​ le proprie​ speran​ze​ nei sogni. Ma l’obiet​ti​vo,​ forse fati​co​sa​men​te​ conqui​-​ stato​ soltan​to​ nel fina​le,​ rima​ne​ quello​ di scopri​re​ un luogo in cui tutto sia sempli​ce​ e feli​ce,​ in cui le presen​ze​ ingom​bran​ti​ del passa​to​ non abbia​no​ più ragio​ne​ di ostaco​la​re​ l’unio​ne​ di due soli​tu​di​ni​ che aspira​no​ a fonder​si​ pur senza rinun​cia​re​ a se stesse​.

Il montag​gio​ di Olivier Bugge Coutté costrui​sce​ un tempo fluido,​ un im-​ pasto​ di ricor​di​ e vita vissu​ta​ che oscilla,​ con stabi​li​tà,​ tra un presen​te​ da costrui​re​ e un passa​to​ che ha lascia​to​ il segno. I detta​gli​ di un affet​to​ po-​ tente,​ costrui​to​ con devo​zio​ne​ filia​le​ ed estrema​ sensi​bi​li​tà​ nello spazio​ ef-​ fime​ro​ degli ulti​mi​ anni di vita pater​na,​ si affian​ca​no​ ad una coscien​za​ sto-​ rica​ che non si esplica​ soltan​to​ su muri segna​ti​ dal vanda​li​smo​ graffit​ta​ro​ della notte, ma anche, e soprat​tut​to,​ nel dispie​gar​si​ di una memo​ria​ visi​va​ che fa da suppor​to​ alla voce​-over narran​te​.

Nella segmen​ta​zio​ne​ pop-docu​men​ta​ri​sti​ca​ dell’im​ma​gi​ne​ filmi​ca,​ inter​-​ valla​ta​ da inser​ti​ foto​gra​fi​ci​ “di reper​to​rio”,​ la creati​vi​tà​ arti​sti​ca​ di Mills ha modo di rive​lar​si​ in tutta la sua effi​ca​cia,​ affi​dan​do​ un senso nuovo al concet​to​ di “flusso​ di coscien​za”​. La storia​ indi​vi​dua​le​ di Oliver​ si dipa​na​ come un libro illu​stra​to​ (o il cofa​net​to​ di un album), traccian​do​ al tempo stesso​ la croni​sto​ria​ univer​sa​le​ della tristez​za​ e le tappe salien​ti​ di una cul-​ tura​ ameri​ca​na​ intrin​se​ca​men​te​ lega​ta​ all’e​vo​lu​zio​ne​ del singo​lo​. Com’era​-​ no il sole, le stelle,​ la bellez​za,​ l’amo​re​ cinquan​t’an​ni​ fa? Come sono adesso,​ che cosa è cambia​to,​ quale eredi​tà​ ci è stata lascia​ta?​

Sul perso​nag​gio​ di Hal Fields, splendi​da​men​te​ inter​pre​ta​to​ da Cristopher Plummer, il contra​sto​ tra vecchio​ e nuovo mondo si compie​ con maggio​re​ chiarez​za​ e un pizzi​co​ di ironia:​ la (ri)scoper​ta​ tardi​va​ della propria omoses​sua​li​tà,​ resa prati​ca​bi​le​ da un conte​sto​ (la Los Ange​les​ ultra​-liberal​ del ventu​ne​si​mo​ seco​lo)​ e da un corol​la​rio​ di affet​ti​ since​ri,​ diven​ta​ la dimo​stra​zio​ne​ di un cambia​men​to​ epoca​le,​ una meta​mor​fo​si​ stori​ca​ che, dalle lotte anni ’70 per i dirit​ti​ civi​li,​ transi​ta​ fino all’or​go​glio​ arco​ba​le​no​ di un’epo​ca​ in cui tutti cono​sco​no​ il signi​fi​ca​to​ di una bandie​ra​ a sei colo​ri​.

Pur raccon​tan​do​ se stesso​ attra​ver​so​ il recu​pe​ro​ di un’atmo​sfe​ra​ cine​ma​to​-​grafi​ca​men​te​ euro​pea,​ Mills non fa altro che raccon​ta​re​ l’Ame​ri​ca​ e le sue contrad​di​zio​ni,​ cercan​do​ di compren​de​re​ gli effet​ti​ dell’e​vo​lu​zio​ni​smo​ sto-​ rico​-socia​le​ sull’ap​pa​ra​to​ emoti​vo​ dell’in​di​vi​duo​. Ciò che era inizia​to​ come un viaggio​ a ritro​so​ nella propria​ biogra​fia​ si trasfor​ma​ allo​ra​ in un bozzet​-​ to, poco più di uno schizzo​ prepa​ra​to​rio,​ un’idea​ anco​ra​ grezza​ di futu​ro​ poten​zia​le,​ racchiu​so​ in un ulti​mo​ sguardo​ muto tra due possi​bi​li​ compa​-​ gni di vita. La bellez​za​ puli​ta,​ tersa, degli affet​ti​ concre​ti​ – l’incon​tro​ tra due anime gemel​le,​ la devo​zio​ne​ di un figlio​ per un padre risco​per​to​ – sono i temi univer​sa​li​ che Mills porta a galla con deli​ca​tez​za,​ facen​do​ propria,​ e infi​ne​ difen​den​do,​ la mora​le​ racchiu​sa​ nel Coniglietto di Velluto di Marge​ry Williams:​ «Quando​ sei vero non puoi esse​re​ brutto,​ se non per quelli​ che non capi​sco​no​.»

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: