Hugo Cabret

Hugo – Regno Unito/Stati Uniti/Francia 2011 – di Martin Scorsese

Drammatico/Family/Fantasy – 126′

Scritto da Fulvia Massimi (fonte immagine: mymovies.it)

1931. Hugo Cabret (Asa Butterfield) è un orfano che vive di espedienti nella stazione ferroviaria di Parigi, regolando orologi e rubacchiando ingranaggi per aggiustare un vecchio automa, unico ricordo del padre defunto. L’incontro con un vecchio giocattolaio scontroso (Ben Kingsley) e la sua intrepida figlioccia (Chloë Moretz) trascine Hugo in un’avventura fantasmagorica: un viaggio a ritroso nelle origini del cinema.

Si apre con una carrel​la​ta​ in avanti​ mozza​fia​to,​ Hugo Cabret di Martin Scorsese, e fin dalle prime, vorti​co​se​ battu​te,​ rivi​vo​no​ nell’o​pe​ra​ ulti​ma​ del grande​ cinea​sta​ ameri​ca​no​ le splendi​de​ pagi​ne​ in bianco​ e nero di Brian Selznick. È al suo roman​zo​ illu​stra​to​ (The Invention of Hugo Cabret) – defi​ni​to,​ non a caso, dal New York Times, un “film muto su carta” – che Scorse​se​ si ispira,​ per realiz​za​re​ un omaggio​ al cine​ma​ di spiazzan​te​ intensi​tà​ visi​va​ e senti​men​ta​le:​ un film che coniu​ga​ la bellez​za​ genui​na​ e un po’ naïf del cine​ma​ attra​zio​na​le​ del passa​to​ a quella​ levi​ga​ta​ e perfet​ta​men​te consa​pe​vo​le​ della stereo​sco​pia​ contem​po​ra​nea​.

  

Oltre ad esse​re​ – citan​do​ le paro​le​ di James Came​ron​ – una mira​bi​le​ appli​-​ cazio​ne​ della tecno​lo​gia​ 3D al cine​ma​ d’auto​re,​ Hugo Cabret rappre​sen​ta​ infat​ti​ una rifles​sio​ne​ sullo statu​to​ stesso​ del cine​ma​ nel momen​to​ più alto della sua rivo​lu​zio​ne​ digi​ta​le​. Laddo​ve​ Michel​ Haza​na​vi​cius​ – princi​pa​le​ avver​sa​rio​ di Scorse​se​ nella corsa agli Oscar 2012 – realiz​za​va​ con The Ar- tist una cele​bra​zio​ne​ del cine​ma​ vecchio​ stile recu​pe​ran​do​ in pieno gli sti-​ lemi,​ il regi​sta​ di The Departed prefe​ri​sce​ percor​re​re​ la via del meta​lin​gui​-​ smo operan​do​ per commi​stio​ne​ e traendo​ dal roman​zo​ di Selznick​ tutti gli spunti​ neces​sa​ri​ per farlo.

Conce​pi​to,​ appun​to,​ come l’equi​va​len​te​ carta​ceo​ di un film senza sono​ro,​ The Invention of Hugo Cabret offre a Scorse​se​ gli elemen​ti​ ideali​ per con-​ durre​ lo spetta​to​re​ attra​ver​so​ i percor​si​ giran​do​le​schi​ della fanta​sia​ (e non solo di quella​ infan​ti​le)​. La maestria​ indi​scus​sa​ di Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo ha dunque​ il compi​to,​ arduo sì ma svolto​ a mera​-​ viglia,​ di dare forma plasti​ca​ e concre​tez​za​ sceno​gra​fi​ca​ ai dise​gni​ a car-​ bonci​no​ di Selznick,​ sbalzan​do​ dalla pagi​na​ le atmo​sfe​re​ retrò della Pari​gi​ anni ’30 e traspor​tan​do​le​ nella corni​ce​ dora​ta​ del grande​ schermo​ stereo​-​ scopi​co​.

L’arti​fi​cio​ della tridi​men​sio​na​li​tà,​ esalta​to​ dalla foto​gra​fia​ magi​ca​ di Ro- bert Richardson e dal funam​bo​li​smo​ della steady​-cam, è allo​ra​ un trucco di presti​gio​ non meno amma​lian​te​ di quelli​ elabo​ra​ti​ da Georges​ Méliès​ nei suoi film delle origi​ni​. Dietro​ il doppio​ obietti​vo​ della macchi​na​ da presa e di quella​ foto​gra​fi​ca​ (si rita​glia​ uno scherzo​so​ cameo “hitch​coc​kia​no”), Scorse​se​ ambi​sce​ a diven​ta​re​ egli stesso​ illu​sio​ni​sta​ contem​po​ra​neo,​ cele​bran​do​ la nasci​ta​ del cine​ma​ nella sua dupli​ce​ forma arti​sti​ca​ e scienti​fica​ ma prestan​do​ un occhio​ di riguar​do​ special​men​te​ alla prima.

Ampio rico​no​sci​men​to​ viene tribu​ta​to​ ai fratel​li​ Lumié​re,​ che del cine​ma​-​ togra​fo​ furo​no​ padri e padri​ni,​ e nella ricor​ren​za​ del simbo​lo​ ferro​via​rio​ – reite​ra​to​ e repli​ca​to​ in forma tanto reale quanto​ oniri​ca​ – si esplica​ il recu​-​ pero​ commos​so​ e diver​ti​to​ di un tempo in cui il cine​ma​ era anco​ra​ terri​to​-​ rio dell’i​gno​to,​ incan​te​si​mo​ capa​ce​ di strega​re​ con la forza dirom​pen​te​ della novi​tà​. Eppu​re​ è nelle ulti​me​ sequen​ze​ del film, dedi​ca​te​ al raccon​to​ in flash​back​ della carrie​ra​ di Méliès​ (inter​pre​ta​to​ da un quanto​ mai somi​-​ gliante​ Ben Kingsley), che l’amo​re​ di Scorse​se​ per la setti​ma​ arte si eleva al di sopra dell’in​te​res​se​ docu​men​ta​ri​sti​co​ (risa​le​ ormai al 1995 Un secolo di cinema – Viaggio nel cinema americano) per farsi cele​bra​zio​ne​ meta​fil​mica​ a trecen​to​ses​san​ta​ gradi.

 

Il “castel​lo​ delle mera​vi​glie”,​ eretto​ da Méliès​ per dare forma ai sogni pro-​ pri e altrui,​ è il luogo in cui la passio​ne​ pionie​ri​sti​ca​ per il cine​ma​ prende​ il soprav​ven​to​ sulla realtà,​ che pure rientra,​ bruta​le,​ dalla fine​stra​ nel mo-​ mento​ stesso​ in cui la Grande​ Guerra​ inter​vie​ne​ a spezza​re​ gli incan​ti​. Ro-​ manzan​do​ la vera storia​ del proto​-regi​sta​ france​se,​ Selznick​ (e Scorse​se​ con lui), costrui​sce​ una figu​ra​ eroica​ ed emble​ma​ti​ca,​ un mito risco​per​to,​ grazie​ al quale l’ari​di​tà​ iper-commer​cia​le​ della tecno​lo​gia,​ troppo​ spesso​ appli​ca​ta​ a equazio​ni​ da botte​ghi​no,​ cede il posto ad una valo​riz​za​zio​ne​ delle forme espressi​ve,​ così come di quelle​ narra​ti​ve​.

Il tre volte candi​da​to​ all’O​scar​ John Logan (ce la farà quest’an​no?)​ si conce​de​ qualche​ licen​za​ “poeti​ca”​ laddo​ve,​ forse, non ce ne sareb​be​ biso​gno, correg​gen​do​ o elimi​nan​do​ perso​nag​gi​ (ad esempio​ il giova​ne​ Ètienne), ma allo stesso​ tempo la sua sceneg​gia​tu​ra​ ha il pregio​ di foca​liz​zar​si​ su altri (fanta​sti​co​ il ruolo rita​glia​to​ su misu​ra​ per Sacha Baron Cohen e il “suo” cane), valo​riz​zan​do​ il cast britan​ni​co​ – unica ecce​zio​ne​ la promet​tente​ Chlöe Moretz – e inca​sto​nan​do​ la storia​ all’in​ter​no​ di un dise​gno​ “filo​so​fi​co”​ perfet​ta​men​te​ in linea con il perso​nag​gio​ del picco​lo​ Hugo (Asa Butterfield, calzan​te​ ma un po’ smarri​to)​.

   

Il mondo​-macchi​na,​ cali​bra​to​ come l’ingra​nag​gio​ di un orolo​gio​ (o di un auto​ma),​ richie​de​ la colla​bo​ra​zio​ne​ di ogni pezzo del siste​ma,​ giusti​fi​can​do​ l’uti​li​tà​ del singo​lo​ con una logi​ca​ così lampan​te​ da trascen​de​re​ qualsia​si​ discor​so​ sull’e​si​sten​za​ o meno di un dise​gno​ divi​no​. La soli​tu​di​ne,​ acuita​ dallo scontro​ quoti​dia​no​ con la realtà​ affol​la​ta​ e frene​ti​ca​ di una stazio​ne​ di passag​gio,​ trova conso​la​zio​ne​ nella certez​za​ di uno scopo, sia esso far ri-​ parti​re​ un mecca​ni​smo​ rotto o far rivi​ve​re​ lo spiri​to​ agoniz​zan​te​ di un arti​-​ sta in crisi con se stesso​. Ed è solo con una chiave​ a forma di cuore (non potreb​be​ esse​re​ altri​men​ti)​ che quell’in​gra​nag​gio​ può esse​re​ messo in moto, avvian​do​si​ verso il lieto fine.

E se lo script di John Logan non attri​buis​se​ a Isabel​le​ il meri​to​ di aver messo per iscritto​ le straordi​na​rie​ gesta di Hugo Cabret,​ sareb​be​ Hugo stesso,​ oramai​ adulto,​ a lascia​re​ che un auto​ma,​ il suo auto​ma,​ le raccon​ti​. Ma questa,​ forse, sareb​be​ stata un’altra​ storia​. Quella​ che Martin​ Scorse​se​ sceglie​ di narra​re​ – un inno d’amo​re​ ricco di innu​me​re​vo​li​ cita​zio​ni​ (a co-​ mincia​re​ dalla locan​di​na),​ realiz​za​to​ con la consue​ta​ atten​zio​ne​ al detta​glio​– è perfet​ta​ così com’è: capa​ce​ di rende​re​ onore al suo ante​ce​den​te​ lette​ra​-​ rio restan​do​ fede​le​ a se stessa​.

Voto: 8

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: