La Svolta di Riccardo Antonaroli – Pulp fiction alla romana tra luci al neon e racconti di formazione on the road

fonte immagine: ufficio stampa

Scritto da Sarah Panatta

Cani sciolti e iene in perlustrazione. Aspettando i sicari, sulla strada, dietro la finestra.

Come giungla di vetri e cementi, come radura aperta, solcata dai venti della caccia più feroce. Quella per i soldi.

In mezzo scorre paura e furore, nascosti come uomini o topi, in un appartamento alla Garbatella. Uomini non super eroi, circondati da sentinelle, sognando dietro le tapparelle.

Un film che rappa e insieme cerca melodia, deve crescere e sognare ma anche ferire e ferirsi, per vivere. Come i suoi protagonisti. Come i suoi autori.

Il trentacinquenne ma già esperto regista Riccardo Antonarelli, fin da ragazzo a lavoro sui set, denso dell’entusiasmo e della rabbia giovane di chi è cinefilo e il cinema l’ha respirato sulla strada prima che dietro la macchina da presa, sceglie una pulp fiction romana per il suo esordio al lungometraggio di fiction. Dopo la presentazione in anteprima fuori concorso al Torino Film Festival, è fruibile su Netflix La Svolta, trainato già nei titoli iniziali, tra luci fosforescenti e presagi di morte, dal brano scritto e interpretato ad hoc dal musicista altrettanto romano Carl Brave.

 

E’ una “final destionation/ … tardi per tornare indietro”. Chi siamo e che cosa vogliamo diventare ma prima ancora, avremo il tempo di farlo? Strizzando l’occhio con accademica dedizione tanto a Tarantino quanto a Dino Risi passando per Jeeg Robot e limbi di vaga memoria garroniana, l’opera di Antonaroli, tra inquadrature eclettiche e ironia a fuoco, notturni adrenalinici e interni claustrofobici ma allo stesso tempo complici e divertiti, imbastisce una storia di amicizia e un bignami di formazione, prima che un thriller da strada.

Due ragazzi ai poli opposti, due antieroi senza super poteri che in parte scappano in parte rubano brandelli da una vita incerta. Un ladro in fuga braccato dal branco della cosca romana e un fumettista in erba che non ha ancora coraggio di conoscersi. Tutto per uno zaino pieno di contanti e un’utopia di fuga, trasformazione, realizzazione.

Tra Cartesio, Socrate e Nietzsche, una spolverata di comicità all’italiana ben dosata e una regia serrata scandita da un montaggio lucido e senza sbavature, la prova di Antonaroli si snoda veloce e con i canoni perfetti dell’intrattenimento Netflix, trascinata dal carisma di un cast eterodosso ma armonioso.

Una buona lezione di stile e una promessa per un futuro non scontato. Ma ancora manca la carne viva sulla brace del racconto e la “svolta” narrativa giunge passo dopo passo attesa.

 

 

 

Regia: Riccardo Antonaroli

Soggetto: Gabriele Scarfone

Sceneggiatura: Roberto Cimpanelli, Gabriele Scarfone

Fotografia: Roberto Cimpanelli, Gabriele Scarfone

Montaggio: Esmeralda Calabria

Musiche: Michele Braga

Il Brano “La Svolta” È scritto e interpretato da Carl Brave

Cast: Andrea Lattanzi, Brando Pacitto, Ludovica Martino, Max Malatesta, Chabeli Sastre Gonzalez, Federico Tocci, Tullio Sorrentino, Cristian Di Sante, Aniello Arena, Grazia Schiavo, Claudio Bigagli, Marcello Fonte

Produzione Rodeo Drive E Life Cinema Con Rai Cinema

Distribuzione dal 20 aprile su Netflix

 

Voto: 6

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: