Itinerario nel verde e nella storia nel Varesotto

Scritto da Francesco Carabelli

Sesto Calende è città di lago e di fiume, città turistica per un turismo “mordi e fuggi”, ma anche per un turismo internazionale, essendo la porta lombarda al lago Maggiore, facilmente collegata a Milano via autostrada e via treno.

Ci dimentichiamo molto spesso che però oltre alle attrattive naturali ci sono delle attrattive legate alla storia, al passato di questa cittadina, un passato che è ancora vivo e rifulge nelle costruzioni che ce lo testimoniano.

IMG_3744

IMG_3756

Un monumento molto importante storicamente parlando è l´Abbazia romanica di San Donato che sorge oltre la ferrovia del Sempione, nella zona di Sesto Calende  ove sono posti gli uffici ed ambulatori della ASL, che sono contigui appunto all´abbazia.

IMG_3711

Un complesso monumentale imponente e ben conservato che merita una visita alla ricerca di testimonianze medievali e romaniche del Cristianesimo, che ha cambiato la storia e la fisionomia dei nostri territori.

IMG_3710

La storia di questa abbazia è inizialmente legata alla storia di Pavia e del suo vescovo Liutardo. Costruita nel IX secolo dopo Cristo, fu eretta e gestita dai monaci benedettini per lungo tempo. Solo nel XIX secolo l´abbazia passò sotto la giurisdizione della Diocesi di Milano.

IMG_3716

IMG_3718

IMG_3735

IMG_3717

IMG_3720

Oltre ai numerosi pregevoli affreschi della Chiesa e della sottostante Cripta, interessante è il Coro ligneo che caratterizza l´abside della Chiesa stessa.

IMG_3731

IMG_3732

IMG_3709

IMG_3722

IMG_3725

IMG_3724

All´esterno l´abbazia è caratterizzata da tutti gli elementi classici della architettura romanica, che la avvicinano per bellezza ad un altro complesso romanico importante e ben conservato del Varesotto, quale quello di Arsago Seprio.

IMG_3738

IMG_3733

IMG_3751

IMG_3748

A poche centinaia di metri da S. Donato si trova l´Oratorio campestre di San Vincenzo, che sorge in un´area vicino al Masso erratico della Preja Buia, che è stata luogo di diversi insediamenti sin dai tempi dei romani e che ha dunque una lunga storia, che è stata oggetto di molte ricerche e di scavi archeologici.

IMG_3760

IMG_3766

IMG_3770

IMG_3763

Maggiori informazioni su questi monumenti sono disponibili acquistando anche presso l’abbazia il libro

Abbazia di San Donato. Sesto Calende – scritto da Michele Aramini per l´editore Elledici nel 2012

P05285-12

Passa in queste zone un itinerario che è possibile svolgere a piedi, denominato Anello delle Castagne, che corre tra Sesto Calede, la sua frazione Lisanza e il comune di Taino.

IMG_3771

Continuando il nostro percorso possiamo muoverci in auto appunto  verso l´abitato della vicina Taino, di cui ci colpisce il centro storico, in particolare il parco comunale, luogo importante per la comunità e punto panoramico sulle Alpi e sulle Prealpi, oltre che sul vicino lago Maggiore.

IMG_3788

IMG_3789

IMG_3791

IMG_3793

All´interno del parco possiamo godere oltre che del verde anche della visione di una imponente scultura di Giò Pomodoro, realizzata nel 1991, dal titolo “Il luogo dei quattro punti Cardinali”.

IMG_3792

IMG_3808

Possiamo passeggiare anche nelle vicinanze del parco percorrendo il viale alberato di accesso e percorrere poi la salita Tainenberg, o muro di Taino, al culmine della quale possiamo godere di un bellissimo panorama su tutto il paese e il circondario.

IMG_3809

IMG_3786

IMG_3782

IMG_3775

Concludiamo questo percorso storico dirigendoci in auto verso Barza di Ispra per godere della quiete della Casa don Guanella, centro di spiritualità e di formazione oltre ad essere casa di riposo, centro congressi, ristorante e locanda della Misericordia. La Casa don Guanella gestita dalla Congregazione dei Servi della Carità si ispira agli insegnamenti del prete don Luigi Guanella, originario del Val Chiavenna, ma operante soprattutto a Como tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX secolo. La Casa sorge all´interno di una antica villa settecentesca, edificata su un precedente castello medievale. La villa è circondata da un vasto parco con una ampia varietà di fiori e piante anche esotiche. Bella la Torre che caratterizza il complesso della villa e che svetta con il suo caratteristico orologio.

A questo link è possibile avere maggiori informazioni sull´attività svolta dai Guanelliani a Barza: https://donguanellabarza.org/

Alla ricerca della storia, ritroviamo le nostre radici e riscopriamo un mondo che ci ha preceduto e che vive tutt´oggi proiettato verso il futuro e di cui l´uomo contemporaneo può godere e fruire per migliorare la sua vita.

fonte immagine: https://donguanellabarza.org

fonte immagine: https://donguanellabarza.org

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: