Alla scoperta delle Prealpi Varesine

foto di Francesco Carabelli

Scritto da Francesco Carabelli

Rimanendo nelle Prealpi Varesine, ci sono molte cime di facile ascesa nei dintorni di Varese e delle sue valli, attorno al massiccio del Campo dei Fiori e a quello del Sacro Monte. Una fitta rete di sentieri, che è anche oggetto di gare podistiche e trail, attraversa la montagna varesina fino alle sue propaggini.

10572248_10204923410228430_6928649576203547180_o

Mi limiterò a citare il famosissimo forte di Orino, meta di tante scampagnate partendo dal Campo dei fiori o da altre zone, ad esempio bella è la salita da Caldana di Cocquio Trevisago, attraverso il sentiero delle sculture, salita da affrontare con ogni condizione meteo. Mi ricordo di avere percorso questa strada una decina di anni fa con una bella nevicata e più arduo era trovare la traccia del sentiero ricoperto dai candidi fiocchi, ma bellissimo era il panorama che aspettava me e il mio socio di avventure, giunti in cima. Lo spettacolo della pianura padana e dei laghi, e in lontananza Milano. Ben visibile anche la pista dell’aeroporto della Malpensa.

10668888_10204923414908547_2354288103872568015_o

Ricordo anche di una escursione serale al forte di Orino, in periodo autunnale e con la bruma e l’umidità che ci accompagnarono per quei pochi km di cammino dal Campo dei fiori al forte e ritorno.

1545681_10203298692771509_1131159748_n

424181_3560004002199_1726922553_n

Punto di partenza privilegiato per molte escursioni è il paesino di Brinzio, molto caratteristico con le sue viuzze, i suoi cascinali, le sue chiese, e in inverno, quando nevica, le sue piste di sci di fondo. Da qui si può agilmente salire al monte Martica, passando tra i boschi, in particolare è affascinante il panorama in autunno con il cadere delle foglie. In cima ci aspetta un panorama a 360 gradi e molto spesso i cieli sopra il Martica sono solcati da alianti partiti dalla pista di Calcinate del pesce, che sfruttano le correnti ascensionali per librarsi nell’aria per lungo tempo.

524456_4553253312811_984340998_n

189478_4553236792398_1103448631_n

378325_4553238992453_267629837_n

394440_4553251112756_1052453789_n

Altra meta che si può raggiungere dal Martica è il Monte Chiusarella, raggiungibile anche da Bregazzana, svoltando da Sant’Ambrogio per raggiungere questa località di Varese o alternativamente provenendo dallo stabilimento Poretti. Una strada quest’ultima che è stata oggetto in anni recenti di diversi lavori di sistemazione. Anche il piccolo paese di Bregazzana merita una visita, per vedere la Chiesa e le vie che lo costituiscono o per fermarsi in un bar a gustare una buona birra prodotta nello stabilimento poco distante.

601453_10201969557463957_1614222829_n

La salita al Monte Chiusarella è agevole, in poco più di un’ora si raggiunge la vetta con buon passo. Una gita anche per famiglie e che permette di godere del panorama sul massiccio del Sacro Monte e in lontananza sulle propaggini della Valcuvia.

999164_10201969575544409_200229968_n

1185461_10201969586384680_1155553146_n

1174761_10201969589264752_1279990610_n

Da Bregazzana è possibile raggiungere facilmente anche la Val Ganna, percorrendo la strada di cui parlavamo, e da qui è possibile fare diverse escursioni molto significative. Ad esempio, si può salire al Poncione di Ganna, con bellissimo panorama sui laghi di Ganna e di Ghirla. Zona, quella del Poncione, che con varie iniziative si è cercato di tutelare. Penso in particolare all’attività dell’inviato di Striscia la notizia Max Laudadio, particolarmente legato a queste zone.

1240057_10202065411140239_643938268_n

1235249_10202065395819856_1270103816_n

1235404_10202065427580650_2019069650_n

1175652_10202065402540024_621687889_n

1208718_10202065409940209_457103362_n

Poco distante un’altra bella passeggiata è quella che dall’Alpe Tedesco porta al monte Piambello, con una salita che si inerpica sulla montagna nei boschi permettendo di godere del fresco e del verde anche in estate quando l’afa è tanta.

10371173_10204104867805381_4451050201861377750_o

10353268_10204104864045287_106148450051188977_o

1655663_10204104872765505_3150946153380741566_o

10348759_10204104869445422_9006280819641449479_o

10317762_10204104890325944_4526262684083647977_o

Scendendo in valle, meritano una visita i due laghi, le loro spiagge, sia in estate sia in inverno, quando sono gelati e molti si avventurano per scivolare sulla superficie ghiacciata.

IMG_1360

IMG_1362

Anche gli abitati che si affacciano sui laghi sono molto caratteristici da visitare e ci si può fermare per rifocillarsi o per un pranzo o una cena, ad esempio al famoso Ristorante Tre Risotti.

20170122_145827

21013894_10214146859928908_4973727338376411709_o

Da visitare la Badia romanica di San Gemolo e, sulla strada del ritorno a Varese, non può mancare una sosta alle Grotte di Valganna per una birra o un aperitivo rinfrescanti.

20170122_143147

Questa Valle fu attraversata da una tramvia, o ferrovia a scartamento ridotto, fino agli inizi degli anni ’50. Una tramvia che collegava Varese a Lavena Ponte Tresa e oltre fino a Luino, passando per Cremenaga, sul sedime dell’attuale strada carrozzabile.

Di questa tramvia parla anche Piero Chiara in un suo racconto dedicato al tenore Adamo Chiappini (O soffio dell’april della raccolta Le corna del diavolo), mentre sempre Chiara parla in un altro racconto (Il Povero Turati della raccolta L’uovo al cianuro e altri racconti) di un raduno fascista alle pendici del Monte Martica, raduno al quale partecipò come membro del Gruppo Pugilistico Luinese e che per lui segnò l’inizio della fine della credibilità del regime.

Gli autobus che hanno sostituito i tram utilizzano ancora le stazioni della tramvia come punto di sosta e la strada carrozzabile usa le gallerie scavate in origine per il tram.

L’inizio della Valganna era molto conosciuto per le acque risorgive molto pregiate che erano meta di turismo fin dall’800. La qualità di queste acque è il motivo per cui la ditta Poretti impiantò qui lo stabilimento per la produzione della birra, per poter sfruttare le falde acquifere di questa zona e dare quel sapore particolare alla bevanda alcolica a base di luppolo prodotta in loco.

20170122_143506

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: