I migliori anni della nostra vita

fonte: eaglepictures.com

Les plus belles années d’une vie – Francia 2019 – di Claude Lelouch

Drammatico – 90′

Scritto da Francesco Carabelli

L´opera di Lelouch è un tentativo di recuperare del materiale del passato e riproporlo con tecniche e tecnologie nuove per farlo rivivere, tramite ad esempio la sovrapposizione di diverse pellicole, come nella parte conclusiva del film stesso.

Il regista ripropone immagini della serie di cui questo film fa parte, ma anche immagini di altre sue realizzazioni, come il cortometraggio C’etait un rendez-vous, che aveva girato sul finire degli anni ´70 a Parigi con tecniche innovative per l´epoca e con grande pericolo (una corsa a 200 km all´ora tra i boulevards di Parigi alle 6 del mattino di una deserta giornata di agosto, corsa finalizzata ad un incontro con la propria fidanzata).

In se, il film ripropone la storia da Jean-Louis, ex pilota automobilistico, ed Anne, ex segretaria di edizione per il cinema e poi produttrice, rappresentandone la chiusura dopo i primi due capitoli degli anni ´60 (Un uomo, una donna, Grand Prix a Cannes nel 1966 e Oscar per il miglior film straniero) e degli anni ´80 (Un uomo, una donna oggi).

Ormai molto anziani, i protagonisti si rincontrano, grazie all´interessamento dei figli, e vivono questo ultimo scampolo della loro relazione tra la casa di riposo, ove Jean-Louis vive, e Deauville in Normandia, dove si recano (almeno nel sogno di Jean-Louis) per ripercorrere la loro storia di amore, nei luoghi ove essa è nata e si è rafforzata prima del triste epilogo.

C’è molta dolcezza in questo rapporto idilliaco, ma anche molta amarezza per il suo essere stato interrotto, nonostante il grande amore e la grande passione reciproca dei due amanti, ognuno con una sua storia particolare e con un vissuto precedente che segnò la loro storia.

I dialoghi sono, tuttavia, a volte banali e volgari, e quindi, a mio parere, non pienamente all’altezza delle aspettative dello spettatore, soprattutto dopo i fasti dei primi due film.

La recitazione è comunque di buon livello, con l´inserimento anche di passi poetici, grazie alle poesie che si rifanno alla storia della letteratura francese, declamate da Jean-Louis Trintignant, qui alla sua ultima apparizione sullo schermo, prima della recente dipartita nel recente mese di giugno.

Splendente come sempre Anouk Aimée, che non appare invecchiata nonostante l’età, e regge la scena con eleganza e garbo.

Il tema della memoria e del ricordo, si interseca col tema della vecchiaia e della malattia. Il regista gioca sulle capacità attoriali della coppia per intessere una storia delicata e intensa che ci dice quanto ancora sia importante amare nonostante l’età avanzata.

La regia, oltre alle trovate di recupero di vecchio materiale ad intercalare la narrazione, gioca molto sui primi piani della coppia in dialogo e sull´inserimento di invenzioni e sogni che sono proiezioni mentali di Jean-Louis, ma molto spesso appaiono come reali. Realtà e sogno non si distinguono nettamente, lasciando una certa aura poetica al film.

Una regia tutto sommato buona e abbastanza interessante anche se la sceneggiatura e i dialoghi potevano essere studiati meglio ed essere in alcuni frangenti meno triviali.

Il film, come appare nei titoli di coda, è la 49sima realizzazione del regista transalpino, ma già altri suoi film sono usciti (almeno in Francia) o sono in preparazione.

Ad accompagnare la pellicola le belle musiche di Francis Lai che riprendono il tema musicale delle precedenti pellicole della serie.

Consigliato per i nostalgici, ma non del tutto convincente ed autonomo rispetto alle pellicole precedenti della serie, da cui naturalmente dipende.

Voto: 7

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: