It’s Not Over

Sunset Boulevard

Scozia, tempi nostri. Sarah (Weronika Rosati), aspirante fotografa, ed Albert (John-James Colvin), medico, vivono un matrimonio turbolento, lei è succube dei modi violenti di lui, non solo verbali, considerando che l’uomo, spesso ubriaco, le rinfaccia a piè sospinto di quanto dovrebbe essergli grata per la vita agiata che le ha garantito, affrancandola dalla schiavitù paterna. La donna, stanca dei tanti soprusi, dopo l’ennesima lite si confida con Max (Gianni Capaldi), suo amante: è propensa a vincere ogni paura e parlare una volta per tutte con Albert, così da lasciarlo definitivamente. Il giorno seguente Max, non ricevendo alcuna notizia da Sarah, preoccupato, si avvicina alla sua abitazione, notando come tutt’intorno siano presenti le auto della polizia: Albert è scivolato su di una macchia d’olio rimasta sul pavimento dopo la rottura di un piatto e, nel cadere all’indietro, ha sbattuto la testa sul termosifone, decedendo all’istante. Ora per i due amanti, adottando…

View original post 652 altre parole

Premio Chiara 2022 – Presentazione del nuovo libro di Donato Carrisi

Sabato 26 novembre ore 17.00

Sala Montanari, via Bersaglieri 1, Varese

Donato Carrisi

Nuovo romanzo Longanesi

Scrittore bestseller, regista e sceneggiatore Donato Carrisi è l’indagatore per eccellenza delle nostre paure nascoste. Guidandoci nei meandri dei nostri ricordi, condurrà il pubblico alla scoperta degli infiniti segreti della mente umana.

Donato Carrisi – Martina Franca, 1973, vive fra Roma e Milano. Laureato in giurisprudenza, si è specializzato in criminologia e scienza del comportamento. Scrittore, regista e sceneggiatore di serie televisive e per il cinema, è una firma del Corriere della Sera. È l’autore dei romanzi bestseller internazionali, tutti pubblicati da Longanesi, Il suggeritore, Il tribunale delle anime, La donna dei fiori di carta, L’ipotesi del male, Il cacciatore del buio, La ragazza nella nebbia – dal quale ha tratto il film omonimo, premiato col David di Donatello al miglior regista esordiente – Il maestro delle ombre, L’uomo del labirinto – da cui ha tratto il film omonimo – Il gioco del suggeritore e La casa delle voci. Ha vinto prestigiosi premi in Italia e all’estero come il Prix Polar e il Prix Livre de Poche in Francia e il Premio Bancarella in Italia. I suoi romanzi, tradotti in più di 30 lingue, hanno venduto milioni di copie.

L’evento sarà realizzato nel rispetto delle misure sanitarie

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

 

AMICI DI PIERO CHIARA

Viale Belforte 45, 21100 Varese – Tel 0332 335525 www.premiochiara.it – Email amicichiara@premiochiara.it

40 TFF – Quarant’anni di Torino Film Festival

fonte immagine: rbcasting.com

Scritto da Valentina Di Martino

Dal 25 novembre al 3 dicembre si svolgerà la quarantesima edizione del Torino Film Festival.

Sotto il patrocinio del Museo Nazionale del Cinema – presieduto da Enzo Ghigo e diretto da Domenico De Gaetano – con la direzione artistica di Steve Della Casa che torna a dirigere la manifestazione a distanza di vent’anni.

Continua a leggere “40 TFF – Quarant’anni di Torino Film Festival”

Francesco Rosi, impegno civile e denuncia sociale

Sunset Boulevard

Francesco Rosi (Grey Panthers)

Ricorre oggi, martedì 15 novembre, il centenario della nascita del regista e sceneggiatore Francesco Rosi (Napoli, 1922; Roma, 2015), un autore che tanto ha dato al nostro cinema nell’ambito di una connotazione volta all’impegno civile e alla denuncia sociale, raccogliendo l’eredità del Neorealismo nella sua valenza originaria di particolare combinazione fra un’attenta considerazione del contesto storico ed una linea drammaturgica incentrata anche sull’affabulazione narrativa. Cresciuto in una famiglia della buona borghesia napoletana, Rosi dovette interrompere gli studi di giurisprudenza una volta richiamato alle armi, ma dopo l’8 settembre 1943 abbandonò l’esercito ed ebbe modo di raggiungere Napoli liberata, dove scrisse e interpretò testi per l’emittente radiofonica controllata dall’esercito americano. Seguì una collaborazione con il settimanale Sud finché, nel 1946, si trasferì a Milano e poi a Roma dove iniziò a lavorare come figurante nel cinema e poi nella rivista, in qualità di attore. La…

View original post 865 altre parole

Premio Chiara 2022 – Presentazione libro: Con Piero Chiara. Studi, collaudi, pretesti

domenica 20 novembre ore 17.00

Palazzo Verbania, lungolago Dante Alighieri 5, Luino

Alberto Brambilla

Con Piero Chiara. Studi, collaudi, pretesti Biblion edizioni dialoga con l’autore Mauro Novelli

Il volume presenta i frutti di una serie di letture e considerazioni sulla figura e l’opera di Piero Chiara (1913-1986), tentando di proporre –grazie alla frequentazione di testi poco noti e ancor meno studiati –un’immagine problematica e variegata dello scrittore luinese, autore di romanzi e racconti di grande successo. Gli intenti del presente lavoro sono sostanzialmente due, contrassegnati anche dalla bipartizione del volume. Da un lato si offrono dei materiali (e delle ipotesi) per un primo bilancio dell’intellettuale Chiara, che fu anche critico letterario ed artistico, biografo, sceneggiatore e traduttore. Dall’altro, il libro si avventura, con maggiore libertà metodologica, nell’insidioso quanto affascinante terreno dell’interpretazione dei testi, nella convinzione che oltre la calma superficie narrativa essi nascondano suggestioni e inquietudini ancora da decifrare.

Senza titolo3

Alberto Brambilla è Membre associé dell’Équipe Littérature et Culture Italiennes (ELCI), della Sorbona, e fa parte del Comitato scientifico per l’Edizione Nazionale delle opere di Carducci. Dirige la rivista internazionale “Scritture e linguaggi dello sport”, edita da Serra, e i “Quaderni dell’Arcimatto” dedicati a Gianni Brera e al giornalismo sportivo. Ha al suo attivo numerosi saggi, concentrati su snodi culturali otto-novecenteschi (quali ad esempio l’Irredentismo e la Letteratura giuliana); oppure dedicati a particolari fenomenologie letterarie (come la Letteratura popolare e in particolare il rapporto sport-scritture), nonché ad alcuni protagonisti della vita culturale italiana quali Ascoli, Carducci, Salgari, De Amicis, Novati, Croce. Negli ultimi anni si è occupato prevalentemente di autori novecenteschi, scrivendo di Buzzati, Chiara, Saba e Sereni.

 

Senza titolo4

Mauro Novelli insegna Letteratura italiana contemporanea all’Università Statale di Milano, dove coordina il Master in Editoria. È autore di saggi e volumi di ambito otto-novecentesco, quali Divora il tuo cuore, Milano, il Saggiatore, dedicato a Carlo Porta, e La finestra di Leopardi, Feltrinelli, viaggio sentimentale nelle case degli scrittori italiani. Fa parte del Consiglio Direttivo del Centro Nazionale Studi Manzoniani e della Commissione scientifica dell’Archivio Prezzolini di Lugano. Per i Meridiani Mondadori ha curato le Storie di Montalbano di Andrea Camilleri e le Opere di Piero Chiara.

L’evento sarà realizzato nel rispetto delle misure sanitarie

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

AMICI DI PIERO CHIARA

Viale Belforte 45, 21100 Varese – Tel 0332 335525 www.premiochiara.it – Email amicichiara@premiochiara.it

 

EFA-European Film Awards 35ma edizione, le candidature

Sunset Boulevard

(Universal Movies)

Sono state rese note nei giorni scorsi le candidature relative alla 35ma edizione degli EFA– European Film Awards, la cui cerimonia di premiazione si svolgerà il 10 dicembre a Reykjavik. Appaiati con quattro nomination Close (Lucas Dhont), Holy Spider (Ali Abbasi) e Triangle of Sadness (Ruben Östlund), mentre i nostri colori saranno rappresentati da Pierfrancesco Favino, candidato come miglior attore per Nostalgia di Mario Martone, Laura Samani selezionata per il Premio FIPRESCI in qualità di miglior scoperta europea, il documentario Marcia su Roma diretto da Mark Cousins e senza dimenticare  Marco Bellocchio, che riceverà dall’European Film Academy  l’EFA Award for Innovative Storytelling per Esterno notte. Di seguito, l’elenco delle candidature.

(Cineuropa)

Miglior Film: Alcarràs (Carla Simón). Close (Lucas Dhont). Il corsetto dell’imperatrice (Marie Kreutze). Holy Spider (Ali Abbasi). Triangle of Sadness (Ruben Östlund). Miglior Regista:Ali Abbasi (Holy Spider).

View original post 327 altre parole

Come un padre

Sunset Boulevard

Da qualche giorno è disponibile su Prime Video il docufilm Come un padre, la cui narrazione è incentrata sulla figura di Carlo, Carletto, Mazzone, er Sor magara, classe 1937, giovane promessa del calcio, in squadra nel Latina come difensore, 1956, poi due stagioni nella Roma, fino ad approdare all’Ascoli, quando l’infortunio incorso nell’incontro con la Sambenedettese, 1968, la rottura della tibia nello scontro con un avversario, lo spinse ad abbracciare l’attività di allenatore a partire dall’anno successivo, profusa, spingendo su passione e determinazione, per varie squadre, arrivando ad un totale di 795 panchine. La regia di Alessio Di Cosimo (Barber Ring, 2022), autore anche della sceneggiatura insieme ad Alessandra Kre, Francesco Trento e con la collaborazione di Iole Mazzone, attrice e nipote del Mister, offre visualizzazione, coniugando sensibilità e passione sportiva, all’aspetto precipuamente umano di Mazzone, rimarcandone quegli aspetti caratteriali che andavano poi a…

View original post 499 altre parole

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: