Pa’

fonte immagine: teatro.it

Scritto da Messua Mazzetto

Dopo anni di sodalizio artistico assieme ritroviamo l’accoppiata Marco Tullio Giordana (alla regia e drammaturgia) assieme a Luigi Lo Cascio che  oggi ci introducono alla vita e alle opere di Pier Paolo Pasolini con il loro nuovo spettacolo Pa’ che sta girando i teatri italiani in questo periodo (Dal 14 al 18 Dicembre è stato in scena al Teatro Verdi di Padova dove ho avuto modo di visionarlo).                                                                                 

Pa’ è un affresco completo sulla vita del celebre intellettuale e regista, un viaggio di un ora e venti circa che va bene sia per gli appassionati e sia per i neofiti che non ne conoscono la figura.

Luigi Lo Cascio non manca di regalare una performance chiara e decisa, dove recitazione e gestualità del corpo riescono a “riportare” in vita Pasolini in un modo più che dignitoso.                                             

La drammaturgia è un lavoro di fino tra stralci di opere e cenni biografici, si percorre il viaggio della vita pasoliniana in modo cronologico all’interno dello spettacolo, dagli esperimenti letterali, alla morte del fratello, al legame con i genitori e con la società intera per giungere al triste epilogo, la morte di Pasolini stesso che la racconta vista come da lontano, lanciando qualche suggerimento e monito a noi che siamo ancora su questo mondo.

La scenografia è qualcosa di semplice , funzionale e allo stesso tempo elaborato. Un prato verde, un paio di scrivanie e relative sedie, uno scenario alla Zabrinskie Point dove scende di colpo l’immondizia con utensili domestici e oggetti più corposi come piumoni, lavatrici e mensole.                                                                

Personalmente mi hanno molto colpito le luci, l’illuminazione che viene utilizzata in questo spettacolo; delle luci capaci di cambiare le atmosfere dello scenario in base alla tipologia di racconto che sta affrontando Pasolini/Lo Cascio.

Uno spettacolo quindi che celebra in modo eccelso il centenario della nascita di un filosofo, regista; insomma dell’artista che fu Pier Paolo Pasolini e ce ne regala una prospettiva storica ma ugualmente nostra contemporanea nello stesso lasso di tempo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: