A proposito di Jumper

(fonte immagine: cinema.everyeye.it)

Scritto da Francesco Carabelli

Si prospetta una trilogia per questo film che ci fa toccare con mano la realtà del teletrasporto. Forse, se escludiamo i film e i telefilm della serie Star Trek, è la prima pellicola che affronta in maniera esplicita la possibilità dei viaggi istantanei da un punto all’altro dello spazio e si propone come pietra di paragone per le pellicole a venire, creando un’estetica dei viaggi istantanei nello spazio, così come aveva fatto Ritorno al futuro per i viaggi nel tempo

A differenza di Star Trek, il teletrasporto non avviene tramite l’utilizzo di alcuna tecnologia o macchinario apposito bensì per dote naturale con la sola forza del pensiero e stimolati da oggetti (cartoline, guide…) che sono legate in qualche modo al luogo che vogliamo visitare.

Continua a leggere “A proposito di Jumper”

Ermeneutica di un thriller

(fonte immagine: pinterest.com)

Scritto da Francesco Carabelli 

L’esperienza che accumuliamo nel corso della nostra vita ci porta a dare letture diverse della realtà.

Ciò vale anche per la nostra percezione delle opere d’arte e in particolare per i testi scritti, l’interpretazione dei quali è il significato originario dell’ermeneutica.

Nel momento della trasposizione di un testo scritto in un’opera filmica, vi è quindi un passaggio ulteriore, da un’ermeneutica dello scritto ad un’ermeneutica cinematografica.

Continua a leggere “Ermeneutica di un thriller”

Intersezioni cinematografiche

(fonte immagine: cinelapsus.com)

Scritto da Francesco Carabelli

Ritorniamo agli inizi degli anni ’80 per affrontare due film che hanno segnato quell’epoca: Blow out di Brian De Palma e Diva di Jean-Jacques Beineix.

Due film distanti per lo stile, ma vicini per i contenuti. In entrambi  la verità  dei fatti è contenuta in un nastro che i protagonisti possiedono, casualmente o meno e che tentano di portare allo scoperto. Dall’altra parte c’è chi vuole che questa verità venga sottaciuta e cerca in ogni modo di nasconderla, ricorrendo a tutti i mezzi, legali o meno per garantirsi l’impunità.

Continua a leggere “Intersezioni cinematografiche”

Festa del Cinema di Roma 2020

Articolo di Maria Vittoria Guaraldi

Nella locandina ufficiale ci sono Sidney Poitier e Paul Newman: si sorridono e stanno vicini trasmettendo  amicizia e complicità. Questo è lo spirito scelto per l’edizione 2020 della Festa del cinema di Roma. Nonostante numerose restrizioni e le norme di sicurezza che saranno applicate, questa festa del cinema non vuole perdere la voglia di ricominciare e si proietta verso il futuro con la bellezza e la potenza. Ennio Morricone accompagnerà gli spettatori per tutta la durata della manifestazione: le sue note risuoneranno nella cavea dell’auditorium incoraggiando la gente a fermarsi ad ascoltare e a rivivere tutte le emozioni che ci ha trasmesso con il suo cinema. 

Continua a leggere “Festa del Cinema di Roma 2020”

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: