Il Locarno Film Festival rende omaggio ad Ennio Morricone

Sunset Boulevard

(Pinterest)

Il Locarno Film Festival 2020 – For the Future of Films, che ha preso il via lo scorso mercoledì, 5 agosto, per concludersi sabato 15, si presenta come un’edizione dedicata al sostegno dell’industria cinematografica e dei film sospesi a causa dell’emergenza sanitaria, grazie al concorso The Films After Tomorrow, ma anche volta a promuovere le opere di giovani autori con la conferma del concorso Pardi di domani e perorare le problematiche delle sale, con l’iniziativa Closer to Life. Ma se da un lato Locarno 2020 punta al futuro, dall’altro non si dimenticherà di riscoprire i suoi oltre 70 anni di storia: correva l’anno 1984, e nelle sale usciva quello che sarebbe diventato uno dei più alti riferimenti della storia del cinema, Once Upon a Time in America (C’era una volta in America), di Sergio Leone, qui incline a focalizzare la propria idea del…

View original post 621 altre parole

Alan Parker (1944-2020)

Sunset Boulevard

Alan Parker (Il Fatto Quotidiano)

Ci lascia il regista cinematografico inglese Alan Parker, morto ieri, venerdì 31 luglio, a Londra, sua città natale (1944), autore che ha fatto dell’ecletticità la propria bandiera, attraversando i generi con una compiuta caratterizzazione, quest’ultima improntata, almeno nei suoi lavori migliori, a conciliare maestria autoriale, in particolare nella composizione delle immagini, e un ben definito senso della spettacolarità. Dopo gli studi universitari in arte e grafica, Parker andò a qualificarsi come esperto pubblicitario, realizzando vari spot per la televisione ma anche qualche cortometraggio, per poi esordire sul grande schermo nel 1976 con il divertente e scanzonato Bugsy Malone (Piccoli gangsters), commedia parodica, ma anche musical dalle ricercate coreografie, tanto dei gangster movie degli anni ’30, quanto del mondo che questi descrivevano, l’ambiente della malavita ai tempi del Proibizionismo: protagonisti per lo più bambini/ragazzini (fra i quali Scott Baio e Jodie Foster), con una…

View original post 799 altre parole

Intervista a Claudio Sottocornola: “Prestando attenzione al limite, all’imperfezione, alla fragilità, al tempo che passa, riscopriremo il sapore del presente che vola via”

Claudio Sottocornola

In attesa della prossima uscita,  nel mese di agosto, in formato ebook, dell’inedito libro di Claudio Sottocornola, Parole buone, Antonio Falcone ha contattato l’autore, così da parlare insieme del citato nuovo lavoro, anche alla luce della difficile situazione che stiamo vivendo da qualche mese a questa parte causa la nota emergenza sanitaria scatenata dalla diffusione pandemica del Covid 19. Continua a leggere “Intervista a Claudio Sottocornola: “Prestando attenzione al limite, all’imperfezione, alla fragilità, al tempo che passa, riscopriremo il sapore del presente che vola via””

Olivia de Havilland (1916-2020)

Sunset Boulevard

Olivia de Havilland (The Wall Street Journal)

Ci ha lasciato Olivia de Havilland (Beauvoir de Havilland Olivia Mary), una delle ultime dive della “vecchia Hollywood”, morta ieri, domenica 26 luglio, a Parigi, sorella maggiore (un anno e sei mesi), di Joan de Beauvoir de Havilland, ovvero Joan Fontaine. Nacquero infatti entrambe a Tokyo da genitori inglesi, e si trasferirono in California con la madre, anch’essa attrice (Lilian Augusta Ruse, nome d’arte Lilian Fontaine, cognome del secondo marito), una volta che questa divorziò dal consorte.
Joan iniziò a studiare dizione insieme ad Olivia, per poi, quindicenne, tornare a vivere col padre in Giappone, dove rimase circa due anni: quando nel 1935 decise di debuttare nel mondo del cinema, dopo aver frequentato i corsi di recitazione di Max Reinhardt, Joan scelse di usare il cognome da nubile della madre, la quale anzi le impose di non adoperare quello di famiglia, per non…

View original post 676 altre parole

Venezia 77, Le Giornate degli Autori XVII Edizione

Sunset Boulevard

Si svolgerà  da mercoledì 2 settembre (giorno d’apertura della 77maMostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia) a sabato 12 settembre la XVII edizione delle Giornate degli Autori, presieduta da Andrea Purgatori, mentre Giorgio Gosetti è il Delegato Generale.
Molte le novità previste per quest’anno da Gaia Furrer, che per la prima volta firma come responsabile artistica la selezione ufficiale della sezione autonoma e indipendente promossa dalle associazioni italiane degli autori, ANAC e 100autori.
La prima riguarda il carattere generale del programma, improntato al tema del coraggio e concepito come una risposta alla difficile stagione del cinema mondiale che proprio a Venezia vuole riaffermare la forza della creatività e degli autori posti di fronte a una tragedia collettiva senza precedenti. La seconda sta nell’idea di una collaborazione tra voci diverse che si riuniscono insieme in nome di una comune visione del valore del cinema, dell’impegno culturale, della volontà…

View original post 1.207 altre parole

Venezia 77: presentato il cartellone della 35ma Settimana Internazionale della Critica

Sunset Boulevard

“La commissione di selezione, composta da Paola Casella, Simone Emiliani, Beatrice Fiorentino e Roberto Manassero, ha visionato ben 475 opere prime, 35 in più rispetto all’anno scorso. Ogni titolo delineava percorsi possibili e mutualmente esclusivi. Capire dove e come la Settimana Internazionale della Critica intendeva collocarsi politicamente ed esteticamente è stata una riflessione fondamentale. Abbiamo così scelto titoli capaci di raccontare il presente, il mondo e la Storia attraverso un cinema libero (ossia non sedotto dalla sua stessa mitologia); scelto film che potessero ripensare le forme del racconto popolare in piena deriva populista e contemporaneamente abbiamo cercato di individuare sguardi e nomi per un possibile cinema del domani. Perché, in fondo, è questa la vera sfida.
Roberto Rossellini, per il suo progetto di film su Karl Marx, pensava a un titolo magnifico: “Lavorare per l’umanità”. Ecco: il cinema che ci piace è quello che lavora al servizio dell’umanità con le…

View original post 968 altre parole

66mo Taormina FilmFest, ad “Onkel” di Frelle Petersen (Danimarca) il Cariddi d’Oro per il miglior film

Sunset Boulevard

Si è conclusa ieri, domenica 19 luglio, la 66ma edizione del Taormina FilmFest, svoltasi dal vivo (Sala A del Palazzo dei Congressi di Taormina) e online (in streaming su MyMovies), per la direzione di Leo Gullotta e Francesco Calogero.
Il festival è stato prodotto e organizzato da Videobank S.p.A. su concessione della Fondazione Taormina Arte Sicilia, sotto il patrocinio dell’Assessorato Regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo. Di seguito l’elenco di tutti I premi attribuiti dalle rispettive giurie e le loro motivazioni.

(IMDb)

Concorso Lungometraggi:la Giuria, presieduta dall’attrice Emmanuelle Seigner e composta dal regista Mimmo Calopresti, dalla produttrice Ingrid Lill Hǿgtun, dal produttore Antonio Pérez Pérez e dall’attrice Joana Preiss ha conferito il Cariddi D‘Oro per il Miglior Film ad Onkel (Frelle Petersen, Danimarca). “Un film rigoroso ma allo stesso tempo ironico e commovente, una grande regia che trasforma la vita…

View original post 617 altre parole

“Locarno Kids HomeMade Movies”, spazio alla creatività del pubblico più giovane

Sunset Boulevard

Claude Barras

Con l’edizione di Locarno 2020 – For the Future of Films, il Locarno Film Festival darà voce anche alla creatività del pubblico più giovane: grazie a Locarno Kids HomeMade Movies bambini e ragazzi avranno la possibilità di apprendere, attraverso specifici contributi didattici online, i segreti dell’animazione in stop-motion, per creare delle storie ispirate al tema dell’ecologia.
Dopo l’interesse riscontrato nelle ultime edizioni, Locarno Kids, il programma del Festival dedicato a far scoprire ai più giovani le meraviglie dell’arte cinematografica attraverso visioni e laboratori, punterà quest’anno a regalare al suo pubblico un’esperienza condivisa ancora più coinvolgente, chiamando i giovani spettatori a mettersi alla prova, per la prima volta anche come registi, grazie a un focus dedicato all’animazione e in particolare alla tecnica dello stop-motion: il cineasta Claude Barras, autore del film Ma vie de courgette (La mia vita da zucchina, 2016), e…

View original post 299 altre parole

C’era una volta Ennio Morricone

Sunset Boulevard

Ennio Morricone (Cameralook)

Ci lascia il Maestro Ennio Morricone, morto questa mattina, lunedì 6 luglio, a Roma, sua città natale (1928): con oltre quattrocento colonne sonore originali, composte nell’arco di quasi cinquant’anni d’attività dispiegata per il cinema e la televisione (l’esordio sul grande schermo risale al 1961, Il federale, Luciano Salce), in qualità di arrangiatore, compositore, esecutore e direttore, ha dato prova di una poliedrica inventiva, dando vita ad un linguaggio musicale certo innovativo e comunque sempre coerente e del tutto integrato con l’incedere narrativo, del quale andava a costituire un rilevante complemento, fino a divenire un vero e proprio coprotagonista. Mirabile al riguardo la colonna sonora di Per un pugno di dollari (Sergio Leone, 1964), archetipo dello spaghetti western, dove Morricone (sotto lo pseudonimo di Don Savio), diede vita ad un raffinato amalgama di suoni e rumori (marranzano, chitarra elettrica, voci e l’indimenticabile fischio di Alessandro Alessandroni)…

View original post 447 altre parole

La Cineteca di Milano in collaborazione con Red Shoes presenta “Open Visions”, tre lezioni sulle narrazioni sperimentali e interattive

Sunset Boulevard

Da oggi, lunedì 6 luglio, la Cineteca di Milano in collaborazione con l’Associazione Culturale Red Shoes, che promuove la diffusione della cultura e della storia del cinema britannico in Italia, renderà disponibili, sulla propria piattaforma di streaming, tre particolari lezioni sulle narrazioni sperimentali e interattive.
Il corso, disponibile in lingua inglese al costo di € 3,00 per ciascuna lezione, sarà tenuto dalla ricercatrice e regista Ludovica Fales, ed intende esaminare il rapporto tra film sperimentali storici e progetti interattivi, in un panorama mediatico in rapida espansione, concentrandosi sull’evoluzione dei concetti di “tempo”, “spazio”, “spettacolo” e “autorialità” nella storia del cinema non lineare. La prima lezione, dedicata ai film surrealisti, dadaisti e alle avanguardie europee e americane, sarà disponibile dal 6 luglio; la seconda lezione, inerente approcci cinematografici astratti, strutturali, videoarte e cinema espanso, sarà fruibile dal 13 luglio; la terza ed ultima lezione, che abbraccia i lavori interattivi…

View original post 652 altre parole

Creato su WordPress.com.

Su ↑