Un ricordo di Vangelis

Sunset Boulevard

Vangelis (Soundsblog)

Affido ad un video sulle note di un estratto della colonna sonora di Blade Runner (Ridley Scott, 1982) il ricordo del compositore e polistrumentista greco Vangelis (Evangelos Odysseas Papathanassiou, Agria, 1943), che ci ha lasciato lo scorso martedì, 17 maggio. Raggiunse la grande popolarità grazie appunto alla composizione di suggestive colonne sonore, nella suadente, quasi ipnotica, combinazione fra motivi raffinati e timbrica d’atmosfera, con l’impiego sia di strumenti classici che elettronici, anche in combinazione con le voci umane (1492: Conquest of Paradis, 1992, Ridley Scott). Classico bambino prodigio, iniziò a comporre all’età di quattro anni e a sei diede il via alle esecuzioni in pubblico, nonché altrettanto classico genio ribelle, considerando il suo essere autodidatta riguardo la maggior parte delle conoscenze musicali, non avendo mai voluto prendere lezioni ed essendo sprovvisto, almeno a quanto ho appreso dalla lettura di vari testi, di una conoscenza…

View original post 87 altre parole

Magna Graecia Film Festival 19ma edizione: Colonna d’Oro alla Carriera per Richard Gere

Sunset Boulevard

Richard Gere (Coming Soon)

L’attore statunitense Richard Gere sarà fra gli ospiti d’onore della 19ma edizione del Magna Graecia Film Festival, ideato e diretto da Gianvito Casadonte, che si svolgerà a Catanzaro dal 30 luglio al 6 agosto, e riceverà la Colonna d’Oro alla Carriera, premio come di consueto realizzato da Michele Affidato, oltre ad essere protagonista di una masterclass aperta al pubblico. Inoltre saranno proiettati  Ufficiale e gentiluomo (An Officer and a Gentleman, Taylor Hackford, 1982) e Pretty Woman (Garry Marshall, 1990), titoli fra i più iconici della carriera di Gere, iniziata negli anni ’70 con piccole parti (Report To Commissioner, Milton Katselas, 1975; Baby Blue Marine, John D. Hancock, 1976; Looking for Mr. Goodbar,  Richard Brooks, 1977) e poi proseguita da protagonista (I giorni del cielo, Days of Heaven, Terrence Malick, 1978), fino all’affermazione definitiva con American Gigolo (Paul Schrader, 1980) e la prosecuzione con…

View original post 100 altre parole

Cineteca Milano Arlecchino: “Akira Kurosawa, l’ultimo samurai”

Sunset Boulevard

Akira Kurosawa (LongTake)

Da martedì 17 maggio e fino a domenica 5 giugno, Cineteca Milano, nella sala del Cinema Arlecchino, proporrà la rassegna Akira Kurosawa, l’ultimo samurai, un omaggio ad un autore dallo stile sicuramente personale, che ha saputo unire nelle sue opere un accurato e notevole impianto formale-figurativo alla densità dei temi trattati. La straordinaria forza espressiva offriva poi opportuno risalto a figure di uomini dalla personalità complessa, contraddittoria, che si muovevano spesso all’interno di un ambigua struttura sociale, facendosi strada fra ingiustizie e storture. Epica, avventura, azione, ma anche riflessione, introspezione, scavo nelle tenebre dell’anima: questi gli ingredienti dell’arte cinematografica di Kurosawa, che ha saputo fondere tradizione e modernità, popolarità e ricerca, dando vita ad un suggestivo compendio tra la cultura orientale e gli esempi più alti dell’arte occidentale. Nato nel 1910 e scomparso nel 1998, Kurosawa esordì alla regia nel 1943, dopo…

View original post 366 altre parole

Forlì: dal 18 al 22 maggio la VI Edizione di “Meet the Docs! Film Fest”

Sunset Boulevard

Forlì è pronta ad ospitare, da mercoledì 18 a domenica 22 maggio, all’EXATR, Meet the Docs! Film Fest, rassegna, giunta alla VI Edizione, dedicata al cinema del reale: cinque giorni ricchi di proiezioni in anteprima, masterclass esclusive, panelli tematici di approfondimento, tre matinée dedicate alle scuole del territorio, workshop, musica dal vivo, degustazioni e convivialità, offrendo al pubblico l’opportunità di incontrare numerosi registi e ospiti autorevoli. La rassegna è organizzata da Sunset in collaborazione con Città di Ebla e Tiresia, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Forlì e con il supporto di BCC ravennate, forlivese e imolese. I documentari salveranno il mondo, resta questa la filosofia e l’identità che da qualche anno la kermesse propone al pubblico, mentre il direttore artistico Matteo Lolletti nel commentare le note dominanti di questa edizione, ne ha rimarcato come vada a delinearsi, ancora prima che un…

View original post 1.289 altre parole

Cineteca Milano MIC: “A Star is Born”, 80 anni di Barbra Streisand

Sunset Boulevard

Barbra Streisand (NientePopcorn)

Nell’ occasione del suo ottantesimo compleanno, da martedì 17 a domenica 29 maggio Cineteca Milano MICMuseo Interattivo del Cinema dedicherà al talento di Barbra Streisand una personale in 6 film, scelti tra i suoi maggiori successi, molti dei quali presentati in lingua originale con sottotitoli italiani, idonei a rimarcarne l’ecletticità di cantante, attrice, regista, compositrice, produttrice, sceneggiatrice. Nata a Brooklyn nel 1942, da una famiglia ebrea di umili origini, la Streisand aveva soli 15 mesi quando il padre morì, una perdita che segnerà profondamente la sua crescita personale e artistica. Apprezzata sin da ragazzina per la bella voce, il sogno di Barbra è tuttavia quello di diventare attrice, anche se il look inusuale per i canoni di bellezza dell’epoca non le permise, tuttavia, di ottenere i ruoli desiderati, mentre proprio la sua voce, cristallina quanto potente, andrà a costituire il lasciapassare per la celebrità…

View original post 630 altre parole

Un ricordo di Lino Capolicchio

Sunset Boulevard

ROME, ITALY – 2019/07/22: Lino Capolicchio during the photocall of the Italian film “Il Signor Diavolo”. (Photo by Matteo Nardone/Pacific Press/LightRocket via Getty Images)

E’ morto lo scorso lunedì, 2 maggio, a Roma, Lino Capolicchio (Merano, 1943), attore, sceneggiatore e regista, la cui presenza scenica, elegante e discreta, congiunta ad un fascino a volte ammantato di una sottile ambiguità e ad uno stile recitativo sobrio ma sempre incisivo, ha contribuito ad offrire un’ulteriore caratterizzazione al cinema italiano degli anni Settanta, proteso, spaziando tra autorialità e ricorso al genere, ad individuare inedite modalità espressive, anche intese ad evidenziare un concreto attivismo nei riguardi dei fermenti sociali in atto. Cresciuto a Torino, Borgo San Donato, qui Capolicchio diede vita alle prime esperienze attoriali, recitando in teatro, diretto da Massimo Scaglione, per poi trasferirsi a Roma, così da frequentare l’Accademia nazionale d’arte drammatica Silvio D’Amico. Dopo essersi diplomato, esordì nel 1964…

View original post 500 altre parole

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: