Rimini: “Fellini 100. Un compleanno lungo un anno”

Sunset Boulevard

Rimini festeggia il compleanno di Federico Fellini con la manifestazione Fellini 100. Un compleanno lungo un anno, un programma ricco di appuntamenti ed eventi che si svilupperà per tutto il 2020. Iniziato il 14 dicembre scorso, con l’inaugurazione della mostra Fellini 100. Genio Immortale a Castel Sismondo, il percorso vivrà i suoi momenti più importanti in queste settimane, fino al 31 gennaio, per concludersi alla fine dell’anno, con l’inaugurazione del Museo Internazionale dedicato all’immortale dispensatore di sogni, che amava ripetere “Nulla si sa, tutto si immagina”.
Fellini nacque il 20 gennaio del 1920 in Via Dardanelli, alle ore 21.30, Capricorno ascendente Vergine, per chi crede all’oroscopo.
Pur essendosene andato giovane, come ha raccontato ne I vitelloni attraverso l’alter ego Morando (Franco Interlenghi),  il Maestro con la sua città natale ha sempre avuto un rapporto molto stretto, tanto da omaggiarla con Amarcord. Un compleanno unico, nei…

View original post 560 altre parole

73mo Festival di Cannes: Spike Lee presidente della Giuria

Sunset Boulevard

(laScimmiaPensa)

Quando sono stato chiamato, non potevo crederci, ero felice, sorpreso e orgoglioso allo stesso tempo. Sono onorato di essere la prima persona nella diaspora africana negli Stati Uniti ad assumere questa funzione”.
E’ la dichiarazione del regista americano Spike Lee una volta appreso di essere stato nominato presidente della Giuria alla 73ma edizione del Festival di Cannes, che avrà luogo dal 12 al 23 maggio. Il cineasta di Atlanta ha spesso incentrato le sue opere su tematiche sociali relative ai rapporti interrazziali, soffermandosi in particolare sull’interazione tra la comunità di colore e quella italoamericana, dando vita ad una suggestiva correlazione tra personaggi ed ambiente, la Grande Mela, i suoi quartieri ritratti con un stile documentaristico, a rendersi palcoscenico tanto del confronto quanto dello scontro sociale, senza dimenticare la correlazione fra il ritmo dei dialoghi e la musica jazz, quest’ultima idoneo sottofondo alle vicende narrate.

View original post

Venezia 77: Cate Blanchett presiederà la Giuria Internazionale

Sunset Boulevard

Cate Blanchett (Amica)

Cate Blanchett presiederà la Giuria internazionale del Concorso alla 77ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematograficadi Venezia (2 – 12 settembre), che dovrà assegnare il Leone d’Oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali. La decisione è stata presa lo scorso venerdì, 10 gennaio, dal CdA della Biennale presieduto da Paolo Baratta, che ha fatto propria la proposta del Direttore artistico Alberto Barbera. L’attrice e produttrice nell’accettare la proposta ha dichiarato: “Ogni anno attendo la selezione di Venezia e ogni anno essa risulta sorprendente e notevole. Venezia è uno dei festival di cinema più suggestivi al mondo – una celebrazione di quel mezzo provocatorio e stimolante che è il cinema in tutte le sue forme. È un privilegio e un piacere essere quest’anno presidente di giuria”. (Fonte: sito della Biennale di Venezia)

View original post

Filming Italy-Los Angeles, al via la V Edizione

Sunset Boulevard

(Filming Italy – Los Angeles)

Al via la quinta edizione di Filming Italy – Los Angeles, che si terrà dal 20 al 22 gennaio  all’Istituto Italiano di Cultura di Los Angeles e l’Harmony Gold Theater, alla presenza di personalità dell’industria cinematografica italiana e hollywoodiana, manifestazione creata ed organizzata da Tiziana Rocca (Direttrice Artistica), Agnus Dei e Valeria Rumori, Istituto Italiano di Cultura Los Angeles, con l’intento di promuovere l’Italia come set cinematografico e ponte tra la nostra cultura e quella americana.
Il Festival, presentato sotto gli auspici del Consolato Generale d’Italia a Los Angeles, vedrà quale madrina di quest’edizione Claudia Gerini, oltre alla presenza di numerosi ospiti, fra i quali la regista Maria Sole Tognazzi, l’attrice australiana Jacki Weaver e Chelsea Winstanley, produttrice di Jojo Rabbit, film diretto dal regista neozenlandese Taika Waititi, tratto dal romanzo Caging Skies di Christine Leunens e titolo d’apertura…

View original post 299 altre parole

77esimi Golden Globe Awards: tre premi per Quentin Tarantino

Sunset Boulevard

Quentin Tarantino (New York Times)

Si è svolta ieri sera, domenica 5 gennaio, al Beverly Hilton Hotel di Los Angeles,  condotta dal comico inglese Ricky Gervais, la 77ma cerimonia di premiazione dei  Golden Globe Awards, gli annuali riconoscimenti della Hollywood Foreign Press Association, l’associazione hollywoodiana della stampa estera.
C’era una volta a… Hollywood di Quentin Tarantino ha ottenuto tre premi, Miglior Film Commedia, Miglior Attore non protagonista (Brad Pitt), Miglior Sceneggiatura, non quello per la Miglior Regia che invece è andato a Sam Mendes per 1917, vincitore anche nella categoria Miglior Film Drammatico. Migliori Attrici Awkwafina (The Farewell – Una bugia buona) e Renée Zellweger  (Judy), rispettivamente nelle sezioni Drama e Comedy, mentre Joaquin Phoneix (Joker) è risultato il Miglior Attore in un film drammatico e Taron Egerton (Rocketman) in un film commedia/musical.
Miglior Film Straniero

View original post 216 altre parole

Un ricordo di Sue Lyon

Sunset Boulevard

Sue Lyon (Washington Post)

Ci lascia l’attrice cinematografica Sue Lyon (Suellyn Lyon all’anagrafe, Davenport, 1946), morta lo scorso 26 dicembre a Los Angeles, nota  soprattutto per il ruolo della conturbante adolescente Lolita ne l’omonimo film diretto da Stanley Kubrick, 1962, su sceneggiatura di Vladimir Nabokov, autore del romanzo di cui la pellicola costituisce un adattamento.
In precedenza Sue aveva svolto attività di modella e preso parte ad alcune produzioni televisive e proprio sul set di quest’ultime venne notata da Kubrick (“
Ma non appena la vedemmo pensammo: Mio Dio, se questa ragazza sa recitare…“), che la propose alla produzione, ottenendo infine l’approvazione anche di Nabokov; un ruolo quello della ninfetta, adoperando le parole del professore Humbert Humbert, cui James Mason offre una resa realistica e naturale nel visualizzarne la straniante passione, che ne condizionò non poco la carriera:l’attrice in seguito si trovò a recitare parti simili in altri…

View original post 92 altre parole

Ricordando Anna Karina: Bande à part (1964)

Sunset Boulevard

Anna Karina (Huffington Post)

Per ricordare Anna Karina, bellissima ed intensa attrice danese, naturalizzata francese (Solbjerg, 1940), sguardo che non si dimentica, musa della Nouvelle Vague lanciata dal regista Jean-Luc Godard, che ci ha lasciato ieri, sabato 14 dicembre, ripubblico la recensione del film Bande à part scritto e diretto dal citato Godard nel 1964, la quale aveva trovato ospitalità anche su  Lumière e i suoi fratelli-Cultura cinematografica e crossmedialità nell’occasione, correva l’anno 2018, della sua ridistribuzione sul grande schermo in versione restaurata. Hanne Karin Blarke Bayer, questo il suo nome all’anagrafe prima di ricevere il nome d’arte da Coco Chanel una volta intrapresa la carriera di modella, dopo aver interpretato un cortometraggio ed una serie di filmati pubblicitari, venne dunque notata dal giovane Godard, il quale nel 1960 la scelse quale protagonista della sua seconda opera, Le petit soldat, distribuito a partire dal 1963, per poi…

View original post 1.311 altre parole

Un ricordo di Danny Aiello

Sunset Boulevard

Danny Aiello (Il Mattino)

Lo scorso giovedì, 12 dicembre, ci ha lasciato l’attore italo-americano Danny Aiello, morto nel New Jersey all’età di 86 anni (nacque a Manhattan, New York, nel 1933, il padre era figlio di immigrati italiani, mentre la madre aveva origini napoletane), la cui attività si è divisa fra il teatro off Broadway ed il cinema, settore quest’ultimo dove, fisico imponente, faccione simpatico ma il cui sguardo poteva esternare tanto una bonomia da bravo padre di famiglia (ricoprì questo ruolo nel video di James Foley della canzone Papa Don’t Preach, 1986, cantata da Madonna, da lei scritta con Brian Elliot) quanto una sottesa, glaciale, cattiveria, ha ricoperto con camaleontica istintività diversi ruoli da caratterista, termine che, nel suo come in altri pochi casi, rientra a pieno nella definizione propria di quell’interprete che, in virtù di ben definite peculiarità, umoristiche o drammatiche, volte a conferire un  preciso percorso…

View original post 206 altre parole

Premio Ermanno Olmi I edizione: vince “Da-Dzma” di Jaro Minne

Sunset Boulevard

Si è svolta ieri sera, mercoledì 11 dicembre, a Bergamo, la I Edizione del Premio Ermanno Olmi destinato a promuovere e valorizzare i cortometraggi di giovani registi: la giuria composta da Fabio Olmi (direttore della fotografia), Maurizio Zaccaro (regista, produttore cinematografico e sceneggiatore), Paola Suardi (consulente di comunicazione), Angelo Signorelli (direttore artistico di Bergamo Film Meeting) e Adriano Piccardi (direttore della rivista Cineforum), ha assegnato il Primo Premio al cortometraggio di fiction Da-Dzma di Jaro Minne (Una sorella e un fratello, Georgia, Belgio 2019) “per la fotografia carica di senso nella sua essenzialità. Il dolore del distacco e la forza dei legami famigliari in un contesto sociale dove emigrare è l’esito della precarietà economica ed esistenziale”.
Secondo posto per il documentario Nacht Ueber Kepler 425b di Ben Voit (Notte sopra Kepler 452b, Germania 2019), “che attraverso il montaggio, la composizione dell’inquadratura…

View original post 453 altre parole

Creato su WordPress.com.

Su ↑