Ricordando Olivia Newton-John: Grease (1978)

Sunset Boulevard

Olivia Newton-John (Adkronos)

Addio al dolce sorriso e al fascino soave, rimarcato dallo sguardo esprimente candore e meraviglia, di Olivia Newton-John, attrice e cantante di origine inglese (Cambridge 1948), morta ieri, lunedì 8 agosto, a Santa Ynez, California. Ne condivido il ricordo con i lettori, abituali o di passaggio, attraverso l’analisi del film Grease, 1978, che le diede la grande notorietà internazionale nei panni di Sandy. Tra le sue altre interpretazioni cinematografiche si possono anche ricordare quelle profuse in  Xanadu (con Gene Kelly, regia di Robert Greenwald ,1980, remake di Down to Earth, Alexander Hall, 1947)e Two of a kind (Due come noi, John Herzfeld, 1983, di nuovo a fianco di Travolta).  

**************************************************************

(Original Film Art)

America, anni ’50, una spiaggia al tramonto, fine estate: due giovani, Danny Zuko (John Travolta) e Sandy Olsson (Olivia Newton-John), hanno vissuto una breve ma…

View original post 886 altre parole

I premi del 19mo Magna Graecia Film Festival

Sunset Boulevard

Si è è svolta a Catanzaro dal 30 luglio al 7 agosto la XIX Edizione del Magna Graecia Film Festival , ideato e diretto da Gianvito Casadonte, che ha visto quest’anno come madrina l’attrice e musicista Beatrice Grannò, mentre le serate, caratterizzate da un fitto programma di proiezioni tra lungometraggi, italiani e internazionali, e di documentari, nonché da incontri e masterclass con ospiti internazionali, oltre che dalla grande musica dal vivo, sono state presentate dalla conduttrice  Carolina Di Domenico. Le masterclass e gli incontri con gli ospiti hanno visto invece la conduzione di Silvia Bizio e Fabrizio Corallo. I concorsi dedicati alle sezioni opere prime italiane, internazionali e documentari, curate rispettivamente da Silvia Bizio e Antonio Capellupo, hanno presentato alcuni dei lavori più apprezzati della stagione. Tra le opere prime e seconde di lungometraggi italiani  giudicate da una giuria presieduta da Pietro Marcello  e composta da Michele Alhaique, Giuseppe Zeno, Maria Sole Tognazzi e Barbara Chichiarelli sono stati conferiti seguenti premi:

(MyMovies)

Miglior film:Una femminadiretto da Francesco…

View original post 697 altre parole

Festa del Cinema di Roma, il nuovo logo ispirato alla Lupa Capitolina

Sunset Boulevard

Alla vigilia della diciassettesima edizione (1323 ottobre) la Festa del Cinema di Roma ha presentato la rivisitazione del suo logo, per una rinnovata identità visiva, firmata da The B. Agency, che esalta i valori della manifestazione e il suo legame con la Città Eterna: i segni tondeggianti del marchio che ha caratterizzato la Festa del Cinema a partire dal 2007 si trasformano nel più noto ed evocativo simbolo di Roma nel mondo, la Lupa Capitolina. Un rinnovamento che rappresenta la volontà di coinvolgere l’intera città e le sue numerose tipologie di pubblico anche grazie ai cambiamenti alla struttura, considerando che, a partire da quest’anno, la manifestazione ospiterà un concorso internazionale, i cui film saranno giudicati da una giuria composta da professionisti del mondo del cinema, della cultura e delle arti, e sezioni non competitive, specchio della ricchezza del cinema contemporaneo. L’immagine della Lupa Capitolina caratterizzerà anche…

View original post 36 altre parole

Ricordando Bob Rafelson: Cinque pezzi facili (Five Easy Pieces, 1970)

Sunset Boulevard

Bob Rafelson (MUBI)

Lo scorso 23 luglio ci ha lasciato Bob Rafelson (Robert all’anagrafe, New York, 1933), regista, sceneggiatore e produttore cinematografico la cui indole anticonformista e refrattaria ad ogni possibile etichettatura si è comunque naturalmente inserita nel solco di quel profondo rinnovamento creativo che intorno agli anni ’70 andò a permeare di un’inedita sensibilità la cinematografia americana, traendo ispirazione dalla “politica degli autori”, i diritti del regista quale padrone assoluto del linguaggio cinematografico, espressa dallaNouvelle Vague, la “nuova onda” del cinema francese che prese piede tra la primavera del ’59 e l’autunno del ’63, spazzando via l’accademismo ereditato dagli anni ’30: è l’affermazione dei cosiddettiMovie Brats, per lo più giovani talenti provenienti dal cinema indipendente e nuovi autori formatisi in televisione (Rafelson conobbe il successo nel 1966 con la serie televisiva The Monkees, da lui scritta, diretta e prodotta insieme a Bert…

View original post 1.275 altre parole

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: