INTERVISTA A LOUIS NERO REGISTA DE THE BROKEN KEY

Intervista a cura di Gabriella Massimi (fonte immagine: vidanetwork.it)

Louis Nero,  nasce nel 1976 a Torino ed è un regista, sceneggiatore e produttore italiano.

Ho avuto l’occasione recentemente di incontrarlo via Skype per una breve intervista riguardo la sua ultima opera cinematografica, The Broken Key, uscito al cinema nel 2017.

Louis-Nero

Il cinema italiano si cimenta raramente in film del genere fantasy. Da cosa è nata la scelta di sperimentare questo genere ormai patrimonio quasi unicamente hollywoodiano?

“Il cinema italiano non esplora il genere fantasy perché non ne ha i mezzi. E’ sicuramente un genere che richiede delle capacità che in Italia non esistono, o meglio esistono ma preferiscono migrare a ovest e vendersi ai grandi colossi americani. 

Posso dire di essere uno tra i pochi italiani a sperimentare questo genere che è indubbiamente il filo rosso di tutta la mia cinematografia.

Continua a leggere “INTERVISTA A LOUIS NERO REGISTA DE THE BROKEN KEY”

Intervista a Claudio Sottocornola: “Prestando attenzione al limite, all’imperfezione, alla fragilità, al tempo che passa, riscopriremo il sapore del presente che vola via”

Claudio Sottocornola

In attesa della prossima uscita,  nel mese di agosto, in formato ebook, dell’inedito libro di Claudio Sottocornola, Parole buone, Antonio Falcone ha contattato l’autore, così da parlare insieme del citato nuovo lavoro, anche alla luce della difficile situazione che stiamo vivendo da qualche mese a questa parte causa la nota emergenza sanitaria scatenata dalla diffusione pandemica del Covid 19. Continua a leggere “Intervista a Claudio Sottocornola: “Prestando attenzione al limite, all’imperfezione, alla fragilità, al tempo che passa, riscopriremo il sapore del presente che vola via””

Intervista a Giulio Base: “Bar Giuseppe”, il cinema, la voglia di rischiare

Sunset Boulevard

(Apulia film Commission)

Da oggi, giovedì 28 maggio, è disponibile sulla piattaforma RaiPlay Bar Giuseppe, film scritto e diretto da Giulio Base, presentato nella sezione Riflessi della 14ma Festa del Cinema di Roma, la cui visione mi ha suscitato un certo entusiasmo per la riuscita attualizzazione di una storia d’accoglienza e d’amore come è certamente quella fra la giovane Maria e il falegname Giuseppe narrata nei Vangeli, avvertendo l’esigenza di riportarla appunto ai tempi nostri dove non sempre i due termini trovano adeguata concretizzazione, risolvendosi spesso in una religiosità esibita e trasformata in puro e semplice richiamo pubblicitario a proprio uso e consumo da novelli baciapile. “Gott mit uns”, Dio è con noi, recitavano le fibbie delle cinture dei soldati del Reich, Hitler lo aveva arruolato; per fortuna disertò (Enzo Biagi). Mirabile nel film l’interpretazione di Giuseppe ad opera di un misurato Ivano Marescotti, dove il silenzio, gli…

View original post 713 altre parole

Creato su WordPress.com.

Su ↑