Intervista a Yngvild Sve Flikke

Indipendente, “fuori” norma e pragmaticamente “inclusiva”. Incontriamo la regista norvegese Yngvild Sve Flikke, regista dell’acclamata commedia Ninjababy.

Intervista di Sarah Panatta

Una incessante lotta creativa, un viaggio immaginativo ma anche fisico, tra pensiero e realizzazione. Cinema, maternità, diritti e prospettive della cultura dal punto di vista di una donna che ha posto al centro del proprio lavoro la distruzione di stereotipi e barriere, in primis di “genere”. Se non esistono risposte bisogna continuare a fare e farsi domande, stimolare, dialogare. Come insegna ironicamente Ninjababy.

In ogni scambio di battute, in ogni momento in cui animazione e live action si fondono, i personaggi (Ninjababy incluso) lottano dentro e con stereotipi di ogni “genere”. Dalla quotidianità spicciola ai massimi sistemi culturali. Quali messaggi desiderava, come autrice e regista, che emergessero con più forza dirompente?

La mia principale forza trainante è far riflettere e discutere le persone, e trovo che la commedia sia una porta perfetta su pensieri difficili e confusi. Creare stereotipi aiuta a creare commedia. Non ho risposte, sto ancora lottando con i miei stessi pregiudizi, ma il mio sogno è che possiamo ampliare lo spazio in cui possiamo essere donne e uomini. Quel genere non ti etichetta. Sono sempre stata convinta che donne e uomini dovrebbero avere le stesse possibilità e responsabilità. Mi aspettavo e pretendevo di essere presa sul serio come un uomo, anche quando non lo ero. 

Ovviamente ci sono stati alcuni momenti frustranti. Ma la parte più frustrante della mia vita è stata dopo che sono diventata madre e ho sperimentato come gli stereotipi di genere siano radicati anche dentro di me. Mi è diventato chiaro che non possiamo diventare una società paritaria se non affrontiamo le questioni e le lotte riguardanti la genitorialità e la famiglia.

Volevo anche sollevare domande sull’antica credenza che tutte le donne vivano per diventare madri. Amo essere una madre, ma è una bugia dire che questo vale per tutte le donne. Ed è molto importante capire che essere madre non è l’unico obiettivo nella vita di una donna, siamo molto di più. Alcuni uomini sognano di essere padre più di ogni altra cosa al mondo, ma dipendono molto da una donna che vuole rimanere incinta e partorire.
Volevo anche sottolineare il paradosso che nella nostra società moderna molte donne, me compresa, sentono che sarebbe un disastro diventare madre quando siamo nella nostra età più fertile. E che spesso abbiamo bisogno di aiuto per diventare genitori quando siamo pronti per la responsabilità.

Incontro e scambio tra maschile e femminile, le relazioni tra i personaggi sono vortici di emozioni e di dubbi. La difficoltà di autoaffermazione e gli intoppi in una società ipocrita e confusa certamente non sembrano aiutarli. Tra maternità, aborto, inclusività sociale, libertà sessuale e libertà culturale etc. In che modo crede che il cinema possa e debba lavorare per aiutare le persone a dialogare e interrogarsi su temi simili, dare loro modo di aprirsi senza pudori, timori…

Il cinema è un ottimo modo per mostrare altri modi di pensare e di vivere. Rispecchiarsi in un personaggio di un film può dare speranza, intuizione e forza. Ovviamente può farti arrabbiare e irritare, il che è anche positivo. Amo i film che avviano una discussione dentro di me o tra i miei amici. Il cinema può renderti coraggioso e voler agire e cambiare, soprattutto quando vedi film con gli altri nell’arena sociale di un cinema. Non possiamo permetterci di perdere queste qualità sociali.

Essere donna, in società maschili e maschiliste. Essere madre, lavoratrice, artista, pensatrice, persona. Anche Rakel si trova improvvisamente ad affrontare tutto questo e come lei in condizioni assai più difficili nella maggior parte dei paesi del mondo, la maggior parte delle donne. Il cinema fatto dalle donne che combatte contro stereotipi e discriminazioni quanta strada deve ancora fare, quanto aiuto dovrebbe ricevere e se sì, perché.

Non penso che uomini e donne siano così diversi, penso che le persone siano diverse. Penso che spesso siano le società e le regole culturali a differenziare i generi.

Una di queste differenze è che ascoltiamo di più quando parla un uomo che quando parla una donna.
Per fortuna questo sta per cambiare nella nostra parte del mondo. Abbiamo bisogno di storie di tutti i sessi per comprendere ed espandere le nostre menti. Sono convinta che il cambiamento di queste strutture debba essere sostenuto da tutte le parti della nostra società, anche economicamente. Questo è l’unico modo per andare avanti verso una società moderna e più equa, inclusiva e diversificata.
Abbiamo bisogno di storie raccontate da tutti i sessi. Detto questo, non credo in un mondo di narrazione diviso. I migliori ambienti di lavoro che ho avuto sono stati quando c’è stato un mix di generi. Ninjababy è scritto da Johan Fasting insieme a Inga Sætre e me. Johan è un uomo, ma ha una comprensione genuina delle situazioni sia dal punto di vista femminile che maschile. Lo stesso vale per Inga. Volevo davvero fare un film per uomini e donne.

Alla Norvegia piace definirsi una delle società più eque al mondo e, per quanto ne so, potremmo esserlo. Le opportunità che abbiamo come donne e madri sono molto diverse dalle altre parti del mondo e sono molto orgogliosa che Ninjababy stia viaggiando, dando ad altre culture una visione del nostro sistema e della nostra cultura. Siamo molto consapevoli che le donne di altri paesi hanno bisogno del nostro sostegno e del nostro aiuto per creare cambiamenti importanti.

Tornando al film vero e proprio. Il connubio costante di generi e di forme di rappresentazione, in cui l’animazione diventa esigenza oltre che stimolo e valore espressivo imprescindibile. Ci racconti come è stato costruito il film in tal senso.

Costruiamo il film partendo da un’idea piuttosto vaga. Volevo mostrare i pensieri difficili che si possono avere da donna incinta (che la gravidanza sia voluta o indesiderata), volevo mescolare animazione e azione dal vivo e volevo che fosse divertente ed emozionante allo stesso tempo.

Inga ed io abbiamo iniziato a delineare il modo in cui vediamo il mondo e abbiamo portato elementi dal suo romanzo grafico “The Art of Falling” uscito 4 anni prima. Abbiamo lavorato parallelamente alla storia e all’animazione fin dall’inizio. Volevo davvero integrare l’animazione in modo narrativo, renderla inseparabile dalla storia. Johan è entrato a far parte del gruppo molto più tardi. L’ho incontrato mentre stavo lavorando a una serie TV, “Home groan”, e ha davvero sbloccato il processo di scrittura, introducendo molte grandi idee. Amo la sua scrittura.

Incontrare Kristine Kujat Torp è stata una rivelazione per me. È una persona così genuina e intelligente. Questo è il suo primo lungometraggio, ha lavorato a diversi film dopo Ninjababy ed è ora una delle attrici più interessanti della Scandinavia.

È stato importante pensare all’animazione sin dall’inizio dello sviluppo e l’animatrice Inga Sætre è stata con me dall’inizio alla fine del montaggio. Ha lavorato all’animazione accanto a dove lavoravamo io e la montatrice Karen Gravås. Anche se l’animazione richiede molta pianificazione ed è un processo che richiede molto tempo, abbiamo trovato un modo per renderlo fluido usando gli schizzi e per essere sempre aperti a nuove idee. Alcune animazioni sono state inventate durante il processo di editing.

Progetti in corso d’opera o in gestazione. Racconterà il futuro? Come lo presagisce, come lo stiamo preparando… A questo proposito, quali sono le sue paure ma anche le sue aspettative per il futuro imminente? In che modo lei per prima lavorerà per tenere alta la bandiera del cinema indipendente e della cultura libera?

In questo momento, sto finalizzando i miei episodi di un progetto divertente e diverso. Una sorta di satira politica. Sto ancora lavorando con Johan. Lui è lo sceneggiatore e lo showrunner, io sono la regista che realizza i concetti. Si chiama “Powerplay” e parla dei nostri politici norvegesi più importanti negli anni ’70, seguendo i motivi per cui abbiamo eletto la nostra prima donna primo ministro nel 1981: Gro Harlem Brundtland.

Il mio sogno è realizzare presto un nuovo lungometraggio per il cinema, è lì che sta il mio cuore. La mia paura è (ovviamente) di fallire. Ho molte idee, ma sono tutte sciolte e in sospeso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Un sito WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: