Calcinculo

Sunset Boulevard

Diretto da Chiara Bellosi, al secondo lungometraggio di finzione dopo Palazzo di Giustizia (2019), su sceneggiatura di Maria Teresa Venditti e Luca De Bei, Calcinculo, presentato nella sezione Panorama della 72ma Berlinale, è un film che ritengo possa considerarsi emblema di un cinema che mi piace definire “resistente”, ovvero capace di narrare una storia di formazione nell’ambito di una complessa realtà adolescenziale, senza incorrere al riguardo in stereotipi o schematismi di comodo atti ad ingraziarsi gli spettatori, puntando piuttosto sulla veridicità immedesimativa dei personaggi e sul realismo delle situazioni in cui si trovano coinvolti, pur nella trasmutazione dei luoghi all’interno di una dimensione astratta, tale da rendere l’impatto, visivo e contenutistico, di una moderna fiaba, riprendendo alcune dichiarazioni dell’autrice. Ecco quindi delinearsi l’assunto di come, nella delimitazione di determinate fasi esistenziali, per poter crescere o comunque proseguire il cammino vi sia bisogno di una forte spinta, voluta, ricercata…

View original post 713 altre parole

Festa del Cinema di Roma, Paola Malanga nuova Direttrice Artistica

Sunset Boulevard

Paola Malanga (Agenzia Dire)

Paola Malanga è la nuova Direttrice Artistica della Festa del Cinema di Roma, nominata ieri, martedì 29 marzo, dal Consiglio di Amministrazione della Fondazione Cinema per Roma presieduto da Gian Luca Farinelli (in rappresentanza di Roma Capitale), anche lui fresco di nomina, e composto da Valerio Toniolo (Camera di Commercio di Roma), Laura Delli Colli (Regione Lazio), Daniele Pitteri (Fondazione Musica per Roma) e Nicola Maccanico (Cinecittà S.p.A. in rappresentanza del Ministero della Cultura). Giornalista e critica cinematografica, tra i fondatori della rivista Duel e tra i principali collaboratori di Paolo Mereghetti per il Dizionario dei Film, autrice di celebri saggi su alcuni grandi autori del cinema mondiale e vicedirettrice di Rai Cinema, Paola Malanga sarà Direttrice Artistica della Festa del Cinema per il triennio 2022-2024. “È per me un grande onore…

View original post 126 altre parole

Il palazzo

Sunset Boulevard

Evento speciale alla 18ma edizione delle Giornate degli autori, rassegna autonoma e indipendente che si è svolta all’interno della 78maMostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, Il palazzo, per la regia di Federica Di Giacomo, anche autrice della sceneggiatura insieme ad Andrea Zvetkov Sanguigni, è un docufilm che, nella sua costruzione narrativa in costante divenire, oscillante fra realtà e finzione, pone il vibrante interrogativo, mutando dal particolare (gli ideali di una generazione che ha investito nella cultura quale valore assoluto) all’universale, su quale senso possa essere conferito all’arte, alla produzione artistica nel suo complesso, considerata sia nella sua accezione solipsistica, la creazione profusa dall’artista in quanto tale, l’atto creativo destinato a restare orfano di una vera e propria condivisione che non sia rappresentata dalla propria narcisistica soddisfazione e dall’apprezzamento di una ristretta cerchia amicale, sia, invece, in qualità di opera destinata ad un congruo confronto, così da…

View original post 386 altre parole

94esimi Academy Awards®, titoli di CODA

Sunset Boulevard

Si è conclusa la 94ma edizione degli Academy Awards®, la cui cerimonia di premiazione si è svolta al Dolby Theatre di Hollywood, condotta da Regina Hall, Amy Schumer e Wanda Sykes: CODA- I segni del cuore, remake del film francese La Famille Bélier (Éric Lartigau, 2014) ha conseguito tre statuette, quale miglior film, per il miglior attore non protagonista (Troy Kotsur) e miglior sceneggiatura non originale (Sian Heder, anche regista), mentre Il potere del cane di Jane Campion, dato per favorito, forte di 12 candidature, consegue solol’Oscar per la miglior regia. A fare man bassa comunque è stato Dune, che ha ottenuto sei Oscar (fotografia, scenografia, musiche, suono, montaggio, effetti speciali). Andando al reparto attoriale, Will Smith (Una famiglia vincente – King Richard) e Jessica Chastain (Gli occhi di Tammy Faye), sono risultati miglior attore e miglior attrice, il citato Kotsur e…

View original post 309 altre parole

Un ricordo di Gianni Cavina

Sunset Boulevard

Gianni Cavina (Libero Quotidiano)

Ci lascia l’attore e sceneggiatore Gianni Cavina, morto nella notte di oggi, sabato 26 marzo, a Bologna, sua città natale (1940). Personalmente ne ricordo con piacere il caratteristico timbro vocale, la presenza scenica improntata a dare rilevanza ad un’espressiva fisicità, così come quello sguardo certo particolare, che nel repentino sussultare dall’espressione più severa a quella invece volta ad una incrinatura malinconica o disillusa già evidenziava una grande duttilità, della quale diede prova dapprima nell’ambito teatrale, dove ebbe luogo la sua formazione attoriale, al Teatro Stabile di Bologna, diretto da Franco Parenti e poi sul grande schermo (l’esordio risale al 1968, Flashback, Raffaele Andreassi). Qui si ritagliò ruoli da caratterista comico alternati ad interpretazioni drammatiche, anche da protagonista, stringendo in particolare un proficuo sodalizio artistico con Pupi Avati, che ne ha diretto l’ultima interpretazione, quella del notaio Pietro Giardino nell’ancora inedito Dante. Cavina iniziò la…

View original post 218 altre parole

Manchester Film Festival: “Atlas” di Niccolò Castelli premiato come Miglior film internazionale

ATLAS_4amici_ATL35349_laurel_white

Articolo di Antonio Falcone (Fonte: comunicato stampa/Immagine: le attrici e gli attori Kevin Blase, Anna Manuelli, Nicola Perot e Matilda de Angelis ( Copyright ImagoFilm Lugano) Continua a leggere “Manchester Film Festival: “Atlas” di Niccolò Castelli premiato come Miglior film internazionale”

Creato su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: